Sport Court: Dominic Thiem soccombe a un infortunio al polso a Maiorca | sport

Tieniti aggiornato con tutte le notizie sportive. Abbiamo creato pagine speciali sul nostro sito per il calcio, il tennis, lo sci, gli sport motoristici, il ciclismo e le freccette, in cui vengono evidenziate le cose più importanti di questi sport. In questa sezione, altri messaggi sono discussi principalmente nello Sport Kort.

Dominic Thiem soccombe a un infortunio al polso a Maiorca

23:20 Il tennista Dominic Thiem è morto nel secondo turno del torneo di erbe a Maiorca con un infortunio al polso. L’Austria numero 5 in classifica all’epoca era in vantaggio per 5-2 contro il francese Adrian Mannarino.

Tim si è piazzato secondo sull’isola spagnola bye al primo turno. E nell’ottava partita, il 27enne austriaco ha subito un calcio di diritto. Dopo un avviso medico, ha deciso di non continuare a giocare.

Per Tim, questa è stata la sua prima partita sull’erba in questa stagione. L’austriaco ha annunciato la scorsa settimana che non avrebbe partecipato ai Giochi Olimpici di Tokyo.

“Speriamo che non sia troppo pericoloso, soprattutto vicino a Wimbledon”, ha detto Mannarino dell’infortunio del suo avversario.

Dembele salterà l’inizio della competizione a Barcellona a causa di un intervento chirurgico al ginocchio

19:33 L’allenatore del Barcellona Ronald Koeman non può avere l’ala francese Ousmane Dembele all’inizio della nuova stagione. Il 24enne attaccante deve essere operato al ginocchio destro. Lo ha riferito al suo club senza annunciare i tempi di recupero. Secondo i media spagnoli, Dembélé potrà tornare solo in autunno.

Il francese dell’Europeo è arrivato sabato contro l’Ungheria (1-1) dopo 57 minuti in favore di Adrien Rabiot. Poco prima del momento ha dovuto lasciare il campo. Dopo aver effettuato alcune verifiche, lunedì la dirigenza della squadra francese ha confermato che il torneo si è concluso a favore di Dembele. Dopo ulteriori accertamenti si è reso necessario un intervento.

La carriera di Dembele è stata afflitta da infortuni negli ultimi anni. Da quando si è trasferito dal Borussia Dortmund al Barcellona per oltre 100 milioni di euro nell’estate del 2017, ha sofferto di infortuni a lungo termine e ha anche perso credibilità a causa del suo comportamento.

Elaine van Dijk vince il tour introduttivo in Belgio

18:31: Elaine van Dijk ha vinto l’introduzione al Tour del Belgio. Il ciclista 34enne Trek-Segafredo è stato il più veloce con 5,34 minuti nella cronometro singola di 4,4 chilometri a Chimay. Era tre secondi davanti alla sua compagna di squadra britannica, Eleanor Baxtedt. Il belga Julien Dehor è arrivato terzo.

Van Dijk era ancora infetto dal coronavirus ad aprile, ma sembra che sia tornato di nuovo. La scorsa settimana è arrivata seconda dietro la campionessa del mondo in carica Anna van der Bregen ai Campionati olandesi a cronometro. Ha anche vinto l’Healthy Ageing Tour all’inizio di quest’anno.

Il corridore della Trek-Segafredo indosserà la maglia rossa di leader anche nella prima tappa che inizierà mercoledì a Blankenberge e terminerà a Bruges. Il tour in Belgio si compone di tre fasi e termina venerdì.

Il due volte campione Murray non vede l’ora di tornare a Wimbledon

17:06: Il due volte campione Andy Murray non vede l’ora di tornare a Wimbledon. A causa di infortuni, il 34enne tennista scozzese ha saltato le edizioni 2018 e 2019 e il torneo del Grande Slam sull’erba ‘santa’ di Londra è stato annullato lo scorso anno a causa della pandemia di Corona. Per il prossimo evento, che inizia lunedì, è stata assegnata una wildcard all’attuale numero 119° della classifica mondiale.

READ  I dettagli del contratto senza soluzione di continuità di Jose Mourinho trapelano da | calcio

“Non sono preoccupato che questo sarà il mio ultimo Wimbledon”, ha detto Murray in un’anteprima. “Ma ci sto pensando. Non mi piace. Voglio continuare a giocare. Ho avuto molti infortuni e molte battute d’arresto. Non si sa mai cosa accadrà dopo, quindi mi occupo di ogni torneo e ogni partita come se fosse il mio ultimo. Non do nulla per scontato. E cerco sempre di ottenere il massimo da esso. “

Murray ha vinto Wimbledon nel 2013 e nel 2016. Ha giocato la sua prima partita in più di tre mesi ai Queen’s Turf Championships la scorsa settimana. Il veterano britannico non ha giocato questa stagione a causa di un problema alla coscia e ha dovuto saltare l’Australian Open a causa della sua infezione con il virus Corona.

“Voglio essere ben preparato”, ha detto Murray. “Mercoledì sera andrò alle mie bolle e comincerò ad allenarmi a Wimbledon. I miei compagni di allenamento sono Marin Cilic e Roger Federer nel corso della settimana. Voglio giocare contro i migliori giocatori sull’erba per prepararmi al meglio”.

I giocatori di pallavolo perdono in cinque set contro la Serbia nella Nations League

14:41: I pallavolisti olandesi hanno perso contro il campione d’Europa Serbia in cinque gruppi nella Nations League di Rimini. Anche senza il capocannoniere infortunato Nimr Abdelaziz, la squadra del Ct della nazionale Roberto Piazza è riuscita a rendere le cose molto difficili per l’Europa dell’Est. La Serbia alla fine ha vinto la partita: 25-21 21-25 25-18 21-25 17-15.

Con un punteggio di 13-13 nel set decisivo, Robert Andringa ha segnato la rete. Gli arancioni sono riusciti a togliere qualche match point ai serbi, ma i campioni d’Europa hanno chiuso sul 16-15.

Per i pallavolisti è stata la 12esima sconfitta a Rimini. Solo gli “uomini alti” sono riusciti a sconfiggere Germania e Francia (due volte 3-2) al torneo. La squadra di Piazza, il cui contratto è stato prorogato lunedì fino al Mondiale 2022, concluderà mercoledì la Nations League contro l’Australia. Gli australiani sono in fondo con una sola vittoria

Il russo Shubenkov scagionato dal doping do

12:42: L’atleta russo Sergei Shubenkov, l’ex campione del mondo nei 110 metri ostacoli, è stato assolto dal doping. Di conseguenza, può in linea di principio partecipare ai Giochi Olimpici come atleta “neutrale”.

L’Unità di integrità dell’atletica, AIU, ha trovato acetazolamide a basso dosaggio, un diuretico visto come un agente mascherante il doping, durante un test antidoping non divulgato nel dicembre 2020.

Un comitato disciplinare ha accettato la spiegazione di Shubenkov, il quale ha affermato che il farmaco era entrato inavvertitamente nel suo corpo perché conteneva un farmaco che stava dando a un membro della famiglia malato. Il comitato disciplinare di tre membri lo ha descritto come un “caso eccezionale” e ha stabilito che Al-Manea non era negligente e quindi non sarebbe stato sospeso.

READ  La finale di Champions League si sposta al Porto calcio

Shubenkov è anche un due volte campione europeo e ha vinto una medaglia d’argento nei 110 metri ostacoli ai Mondiali 2017 e 2019. In questa stagione ha già condotto una serie di gare, ma solo in Russia.

Poiché la Russia è stata bandita da tutti gli eventi sportivi internazionali a causa di un grave scandalo di doping, gli atleti russi che sembrano “puliti” possono partecipare solo sotto una bandiera neutrale.

Agenzia mondiale antidoping: il doping non è un problema durante la pandemia di Corona

10:14: L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) non crede che la pandemia di Corona abbia incoraggiato l’uso del doping tra gli atleti. Questo dice il direttore dell’organizzazione Oliver Niggle.

Niggly afferma che il numero di controlli antidoping in tutto il mondo è diminuito a causa delle restrizioni di Corona e i test sono stati interrotti per diversi mesi, ma ci sono stati pochi benefici nel provare il doping. “La verità è che non c’erano controlli antidoping, ma non c’erano gare e nemmeno allenamenti a causa del lockdown. Quindi non è proprio un periodo in cui il doping avrebbe potuto farti molto”.

“Sono sicuro che ci sono stati atleti che hanno cercato di capitalizzare su questo, ma non è qualcosa di cui direi che siamo particolarmente preoccupati”, ha detto Nigley. “A proposito, i test non sono la nostra unica arma nella lotta al doping, abbiamo più risorse a nostra disposizione, come passaporti del sangue e campioni conservati. Quindi è molto facile pensare che se non ci sono controlli antidoping, un atleta non si può arrestare».

Secondo Niggly, da allora il sistema globale di controllo del doping è stato ripristinato e un mese prima delle Olimpiadi di Tokyo, vengono testati di più rispetto a prima della pandemia di Corona. “Il numero di test non annunciati, cioè fuori concorso, è maggiore rispetto al 2019 prima dell’epidemia”.

Il campione del mondo degli 800 metri Brazier perde il biglietto olimpico

10:12: L’atleta americano Donovan Brazier, campione del mondo e detentore del record americano negli 800 metri, ha mancato le Olimpiadi quest’estate. Il 24enne sorprendentemente non è riuscito a qualificarsi per Tokyo alle prove olimpiche di Eugene.

Con 200 metri rimanenti nella finale, Brazier è completamente crollato e ha tagliato il traguardo nell’ultimo 1.47.88. Clayton Murphy ha vinto la finale con il tempo di 1.43.17. Isaiah Jewett, secondo a 1.43.85, e Bryce Hubble, terzo a 1.44.14, si uniscono a Murphy per i Giochi di Tokyo.

Brazier, che ha vinto il titolo mondiale a Doha nel 2019 e detiene il record americano con il tempo di 1.42.34, non era presente nemmeno ai precedenti Giochi di Rio 2016. Poi non è nemmeno riuscito a superare la serie nelle prove.

Eugene sembra stare bene. Brazier si è qualificato facilmente per la finale, sembrando correre senza minaccia per un posto tra i primi tre. Ma negli ultimi 200 metri le cose sono andate male, non ha risposto all’accelerazione di Murphy e poi ha visto passare tutti. “Sono stato così crudele e ho tramato erroneamente la mia razza”, ha detto in seguito, “ma tornerò, lo prometto”.

READ  Jumbo-Visma provoca indignazione per il comportamento dei "fan", il tour leader si lamenta: "È ridicolo che sia possibile" | Tour de France

L’allenatore nazionale prepara i ciclisti per un percorso molto impegnativo a Tokyo

10:09: L’allenatore nazionale dei ciclisti olandesi Louis Junivik ha portato con sé per l’ultima volta a Pappendale quattro atleti scelti per le Olimpiadi. Nelle prossime tre settimane si prepareranno a modo loro per Tokyo, dove, secondo l’allenatore della nazionale, possono presumere il peggio.

Gunnewijk ha accesso alla campionessa olimpica in carica Anna van der Breygen e alla medaglia d’oro olimpica di Londra 2012 Marianne Voss. Con il campione europeo in carica Anime Van Vleuten e il vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi Demi Völlering, è una squadra con quattro potenziali vincitori.

A Pappendale, i corridori hanno ricevuto un briefing su cosa aspettarsi a Tokyo. Questo è particolarmente difficile da stimare in termini di tempo. “Siamo andati lì due anni fa con i test olimpici maschili e poi abbiamo esplorato la pista su strada. Quel giorno la temperatura era di venti gradi e pioveva. Ma possono essere anche 35 gradi con un’umidità molto alta. Non puoi controllare quello, ma è bene scoprirlo in anticipo.”

E così lunedì i corridori si sono allenati nella stanza calda di Pappendale. Secondo Vollering, è stato bello sentire com’era e soprattutto dovresti continuare a bere bene. Gunnewijk dice che dovranno essere flessibili. Abbiamo discusso di cosa possono aspettarsi. Siamo arrivati ​​a Tokyo il sabato prima dei giochi e otto giorni dopo c’è la corsa su strada. Aspettati il ​​peggio che ho. Più è difficile la partita, più ne beneficiano. Sono tutti cavalieri molto perbene.”

In quella preparazione fisica, Van Vleuten ha scelto una strada diversa rispetto agli altri tre. Non gareggerai più nelle prossime settimane e parteciperai a un corso di allenamento in quota. Van der Bregen, Fullering e Voss corrono ancora il Giro d’Italia. Van der Bregen dice che ha bisogno che le corse a tappe siano al meglio a Tokyo. Gunnewijk: “Ci sono diverse strade che portano a Roma. Lascio che ognuno scelga il proprio percorso. Alcuni preferiscono la competizione e alcuni preferiscono l’allenamento in quota”.

L’allenatore della nazionale ha anche preparato la squadra a quello che le partite avrebbero significato mentalmente. “L’esperienza olimpica sarà molto diversa. Nessun fan olandesi e nessuna Holland House. Ho detto che presumo che la libertà di movimento non sia nulla. Ciò richiede una mentalità diversa. Possiamo allenarci sul ciclo olimpico, ma quello che fanno molti corridori di solito, il tour del caffè, non è possibile. Qui c’è relax, ma lì torneremo a un programma molto più rigoroso”.

E ovviamente Gunnewijk ha discusso della stessa partita con i membri della sua squadra. “Parleremo di tattica. Guidare in quattro richiede un approccio diverso rispetto a correre in sei o otto in Coppa del Mondo. Ma questi sono piloti esperti e ho piena fiducia in questo. Alla fine della giornata voglio sentire Wilhelmus Questo è l’obiettivo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24