Sport in breve: l’eroe della tribù Sergei Shubenkov può andare alle partite dopo essere stato assolto | sport

Tieniti aggiornato con tutte le notizie sportive. Abbiamo creato pagine speciali sul nostro sito per il calcio, il tennis, lo sci, gli sport motoristici, il ciclismo e le freccette, in cui vengono evidenziate le cose più importanti di questi sport. In questa sezione, altri messaggi sono discussi principalmente nello Sport Kort.

Il russo Shubenkov scagionato dal doping do

12:42: L’atleta russo Sergei Shubenkov, l’ex campione del mondo nei 110 metri ostacoli, è stato assolto dal doping. Di conseguenza, può in linea di principio partecipare ai Giochi Olimpici come atleta “neutrale”.

Nel dicembre 2020, l’Unità di integrità dell’atletica, AIU, ha trovato acetazolamide a basso dosaggio, un diuretico visto come un agente mascherante il doping, durante un test antidoping non divulgato.

Un comitato disciplinare ha accettato la spiegazione di Shubenkov, il quale ha affermato che il farmaco era entrato inavvertitamente nel suo corpo perché conteneva un farmaco che stava dando a un membro della famiglia malato. Il comitato disciplinare di tre membri lo ha descritto come un “caso eccezionale” e ha stabilito che Al-Manea non era negligente e quindi non sarebbe stato sospeso.

Shubenkov è anche due volte campione europeo e ha vinto l’argento nei 110 metri ostacoli ai Mondiali 2017 e 2019. In questa stagione ha già condotto una serie di competizioni, ma solo in Russia.

Poiché la Russia è stata bandita da tutti gli eventi sportivi internazionali a causa di un grave scandalo di doping, gli atleti russi che sembrano “puliti” possono partecipare solo sotto una bandiera neutrale.

Agenzia mondiale antidoping: il doping non è un problema durante la pandemia di Corona

10:14: L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) non crede che la pandemia di Corona abbia incoraggiato l’uso del doping tra gli atleti. Questo dice il direttore dell’organizzazione Oliver Niggle.

Nigley afferma che il numero di controlli antidoping è diminuito in tutto il mondo a causa delle restrizioni di Corona e i test sono stati interrotti per diversi mesi, ma non è stato di grande aiuto provare il doping. “La verità è che non c’erano controlli antidoping, ma non c’erano gare e nemmeno allenamenti a causa del lockdown. Quindi non è proprio un periodo in cui il doping avrebbe potuto farti molto”.

READ  BILD annuncia stipendio e durata del contratto Malen, "Trasferimento finale domenica"

“Sono sicuro che ci sono stati atleti che hanno cercato di capitalizzare su questo, ma non è qualcosa di cui direi che siamo particolarmente preoccupati”, ha detto Nigley. “A proposito, i test non sono la nostra unica arma nella lotta al doping, abbiamo più risorse a nostra disposizione, come passaporti del sangue e campioni conservati. Quindi è molto facile pensare che se non ci sono controlli antidoping, un atleta non si può arrestare».

Secondo Niggly, da allora il sistema globale di controllo del doping è stato ripristinato e un mese prima delle Olimpiadi di Tokyo, vengono testati di più rispetto a prima della pandemia di Corona. “Il numero di test non annunciati, cioè fuori concorso, è maggiore rispetto al 2019 prima dell’epidemia”.

Il campione del mondo degli 800 metri Brazier perde il biglietto olimpico

10:12: L’atleta americano Donovan Brazier, campione del mondo e detentore del record americano negli 800 metri, ha mancato le Olimpiadi quest’estate. Il 24enne sorprendentemente non è riuscito a qualificarsi per Tokyo alle prove olimpiche di Eugene.

Con 200 metri rimanenti nella finale, Brazier è completamente crollato e ha tagliato il traguardo nell’ultimo 1.47.88. Clayton Murphy ha vinto la finale con il tempo di 1.43.17. Isaiah Jewett, secondo a 1.43.85, e Bryce Hubble, terzo a 1.44.14, si uniscono a Murphy per i Giochi di Tokyo.

Brazier, che ha vinto il titolo mondiale a Doha nel 2019 e detiene il record americano con il tempo di 1.42.34, non era presente nemmeno ai precedenti Giochi di Rio 2016. Poi non è nemmeno riuscito a superare la serie nelle prove.

Eugene sembra stare bene. Brazier si è qualificato facilmente per la finale, sembrando correre senza minaccia per un posto tra i primi tre. Ma negli ultimi 200 metri le cose sono andate male, non ha risposto all’accelerazione di Murphy e poi ha visto passare tutti. “Sono stato così crudele e ho tramato erroneamente la mia razza”, ha detto in seguito, “ma tornerò, lo prometto”.

READ  Vettel è stato squalificato dopo il Gran Premio d'Ungheria, Hamilton è passato al secondo

L’allenatore nazionale prepara i ciclisti per un percorso molto impegnativo a Tokyo

10:09: L’allenatore nazionale dei ciclisti olandesi Louis Junivik ha portato con sé per l’ultima volta a Pappendale quattro atleti scelti per le Olimpiadi. Nelle prossime tre settimane si prepareranno a modo loro per Tokyo, dove, secondo l’allenatore della nazionale, possono presumere il peggio.

Gunnewijk ha accesso alla campionessa olimpica in carica Anna van der Breygen e alla medaglia d’oro olimpica di Londra 2012 Marianne Voss. Con il campione europeo in carica Anime Van Vleuten e il vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi Demi Völlering, è una squadra con quattro potenziali vincitori.

A Pappendale, i corridori hanno ricevuto un briefing su cosa aspettarsi a Tokyo. Questo è particolarmente difficile da stimare in termini di tempo. “Ci siamo andati due anni fa con i test olimpici maschili e poi abbiamo esplorato la pista su strada. Quel giorno la temperatura era di venti gradi e pioveva. Ma possono essere anche 35 gradi con un’umidità molto alta. Non puoi controllare quello, ma è bene scoprirlo in anticipo.”

E così lunedì i corridori si sono allenati nella stanza calda di Pappendale. Secondo Vollering, è stato bello sentire com’era e soprattutto dovresti continuare a bere bene. Gunnewijk dice che dovranno essere flessibili. Abbiamo discusso di cosa possono aspettarsi. Siamo arrivati ​​a Tokyo il sabato prima dei giochi e otto giorni dopo c’è la corsa su strada. Aspettati il ​​peggio che ho. Più è difficile la partita, più ne beneficiano. Sono tutti cavalieri molto perbene.”

In quella preparazione fisica, Van Vleuten ha scelto una strada diversa rispetto agli altri tre. Non gareggerà nelle prossime settimane e prenderà parte ad un corso di allenamento in quota. Van der Bregen, Fullering e Voss corrono ancora il Giro d’Italia. Van der Bregen dice che ha bisogno che le corse a tappe siano al meglio a Tokyo. Gunnewijk: “Ci sono diverse strade che portano a Roma. Lascio che ognuno scelga la propria strada. Alcuni preferiscono la competizione e alcuni preferiscono l’allenamento in quota”.

READ  Matthew van der Poel mantiene la maglia gialla grazie all'ottimo crono | Tour de France

L’allenatore della nazionale ha anche preparato la squadra a quello che le partite avrebbero significato mentalmente. “L’esperienza olimpica sarà molto diversa. Nessun fan olandesi e nessuna Holland House. Ho solo detto che presumere che la libertà di movimento non sia nulla. Ciò richiede una mentalità diversa. Possiamo allenarci sul ciclo olimpico, ma quello che di solito fanno molti corridori, il tour del caffè, non è possibile. Qui c’è relax, ma lì torneremo a un programma molto più rigoroso”.

E ovviamente Gunnewijk ha discusso della stessa partita con i membri della sua squadra. “Parleremo di tattica. Guidare in quattro richiede un approccio diverso rispetto a correre in sei o otto in Coppa del Mondo. Ma questi sono piloti esperti e ho piena fiducia in questo. Alla fine della giornata voglio sentire Wilhelmus Questo è l’obiettivo.”

Newsletter Telesport

Quotidianamente le più importanti notizie sportive, risultati, analisi e interviste.

Indirizzo email non valido. Si prega di compilare di nuovo.

Leggere Qui La nostra politica sulla privacy.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24