Studio: Huawei, Samsung, Realme e Xiaomi raccolgono dati su larga scala tramite Android – Computer – Notizie

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno affermato che le versioni Android di Huawei, Samsung, Realme, Xiaomi e LineageOS raccolgono dati indesiderati dagli utenti. I dati vengono condivisi con Google, Microsoft e Facebook, che hanno app di sistema preinstallate sul sistema operativo.

Secondo i ricercatori Sono già stati condotti diversi studi sulla raccolta dei dati da parte delle applicazioni, ma non sulla raccolta dei dati degli utenti da parte dei sistemi operativi stessi. Ecco perché dai un’occhiata più da vicino ai dispositivi Android europei di Huawei, Samsung, Realme e Xiaomi, nonché ai dispositivi con LineageOS e /e/OS.

All’inizio dello studio, hanno impostato i dispositivi in ​​modo tale che nessuna informazione diagnostica fosse condivisa con i produttori, né creassero un account con il produttore del dispositivo. Nonostante tutto ciò, i ricercatori osservano che una “grande quantità” di dati è ancora in fase di raccolta. Ad esempio, vengono raccolti numeri imei, numeri di serie, identificatori pubblicitari, informazioni sulle applicazioni installate e dettagli sull’utilizzo di tali applicazioni. “Puoi paragonarlo un po’ ai biscotti”, dice lo studio. Xiaomi sarà la più dettagliata, secondo i ricercatori. L’azienda cinese tiene traccia da quanto tempo un utente utilizza una particolare app e si dice che lo faccia per ogni schermata di quelle app.

Inoltre, Samsung, Xiaomi, Realme e Google si combinano Identificatori di dispositivi di lunga durataSecondo i ricercatori, gli identificatori del dispositivo associati al dispositivo per lungo tempo, così come vari identificatori pubblicitari, minano il ripristino di questi identificatori. Sembra che “quando l’utente reimposta l’ID pubblicità, può essere riassociato al dispositivo”. Huawei non raccoglierà nessuno di questi dati.

I produttori non sono i soli a raccogliere dati sui propri dispositivi; Diverse parti funzionano su ogni dispositivo, ma Google funziona su quasi tutte le versioni di Android. Oltre a Samsung e Google, Microsoft raccoglie anche dati sui dispositivi Samsung. Con i dispositivi Xiaomi, Google si affianca al produttore cinese nella raccolta dati e anche tramite Facebook. In Realme vediamo Google e l’azienda cinese Heytap. In Huawei, i ricercatori hanno trovato Google, Microsoft, Daily Motion e Qihoo 360.

READ  Epic Games raccoglie $ 1 miliardo in round di investimento - Gaming - Notizie

Molte di queste terze parti possono raccogliere dati tramite app preinstallate che non possono essere rimosse. Secondo i ricercatori, i dati raccolti verranno inviati ai server in Europa e i ricercatori hanno scoperto che Xiaomi è l’unico a inviare dati ai server di Singapore e Samsung inoltra i suoi dati ai server negli Stati Uniti.

Dichiarano che la connettività ai server è prevista, ma comporta quantità inaspettatamente notevoli e che non è prevista alcuna rinuncia alla raccolta dei dati.

I ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno anche esaminato se i dispositivi funzionavano discesa occupazione / e / OS Dati raccolti. LineageOS ha condiviso i dati solo con Google, ma va notato che i ricercatori di OpenGApps installato Sui dispositivi che eseguono LineageOS. Secondo i ricercatori, la rom/e/OS personalizzata incentrata sulla privacy non raccoglie i dati degli utenti

Aggiornare, 21:40: Aggiunte informazioni sull’utilizzo di OpenGApps con LineageOS. grazie per cifrario.

Università di Edimburgo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24