Svezia e Finlandia più vicine alla NATO e Russia che perdono slancio | proprio adesso

Una volta al giorno, NU.nl offre una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: è molto probabile che Finlandia e Svezia facciano domanda per l’adesione alla NATO a causa dell’invasione russa dell’Ucraina. I governi di entrambi i paesi hanno dato il via libera per questo. L’intelligence britannica ha annunciato che la Russia sta subendo pesanti perdite e sta perdendo slancio nell’Ucraina orientale.

Il presidente finlandese Sauli Niinistö e il primo ministro Sanna Marin hanno rilasciato una dichiarazione alla fine di domenica mattina un favore Sono positivi riguardo alla richiesta di adesione alla NATO.

Il parlamento finlandese non ha ancora preso in considerazione la decisione. Dopo di che, l’applicazione è ufficiale. Tuttavia, questa sembra essere una formalità: anche il Parlamento dovrebbe approvare la richiesta. Si prevede che la domanda di adesione alla Western Alliance sarà presentata mercoledì.

In Svezia è successa quasi la stessa cosa domenica. La domenica del Partito socialdemocratico al potere luce verde È stato dato per richiedere l’adesione alla NATO.

La Svezia ha già indicato, come la Finlandia, che si prepara ad aderire all’alleanza. In Svezia, il parlamento deve ancora votare. Si prevede inoltre che ciò non ostacolerà l’adesione.

La Russia vede l’espansione della NATO come una minaccia alla sua sicurezza e ha avvertito la Finlandia e la Svezia di “gravi conseguenze militari e politiche”.

Una grande colonna di sfollati da Mariupol arriva a Zaporozhye

In Ucraina, domenica un gran numero di sfollati dalla Mariupol, distrutta e occupata dalla Russia, è arrivata a Zaporizhia. Secondo le autorità ucraine, sono coinvolti circa 500-1.000 veicoli. Questo la rende la più grande evacuazione da Mariupol dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio.

READ  La Turchia è pronta a chiudere il Bosforo per evitare l'escalation

Dopo aver atteso tre giorni, il convoglio che trasportava i residenti della città portuale meridionale di Mariupol ha ricevuto sabato dai russi il permesso di recarsi nella città di Zaporizhia, nell’estremo nord-ovest.

Mariupol è di importanza strategica per la Russia ed è stata in gran parte distrutta, tra l’altro, da intensi bombardamenti. L’acciaieria Azovstal è l’ultima roccaforte della resistenza ucraina nella città portuale. Ci sono ancora gli ultimi soldati ucraini che stanno resistendo ai russi.

Un attacco missilistico su una base vicino al confine con la Polonia

In un complesso militare a Gavoryev, nell’Ucraina occidentale, quattro attacchi missilistici eseguito. Gavorev non è lontano dal confine con la Polonia.

In precedenza, un comandante dell’aeronautica ucraina ha riferito che sono stati effettuati attacchi missilistici dal Mar Nero nella regione di Leopoli. Questa è la prima sirena di allarme nella regione in circa una settimana. La Russia non ha confermato gli attacchi al complesso di Gavoryev. Secondo le prime notizie, non ci sarebbero state vittime, ma danni materiali.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che da sabato a domenica notte attacchi aerei hanno colpito due posti di comando e quattro depositi di munizioni delle forze armate ucraine. Il ministero ha affermato che gli obiettivi erano nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale. Si diceva anche che 150 combattenti ucraini furono “distrutti” dai bombardamenti dell’artiglieria. Fonti indipendenti non hanno confermato i rapporti russi.

La Russia perde slancio e un terzo delle forze di terra schierate in Ucraina

L’intelligence britannica ha riferito domenica che la Russia sta perdendo un terzo delle sue forze di terra e dello slancio in Ucraina. Il Cremlino generalmente non commenta le perdite subite. Mosca una volta ha ammesso di aver subito “pesanti perdite” dall’inizio della guerra, ma questa dichiarazione risale all’inizio di aprile.

READ  L'ex capo della sicurezza di Bin Laden riappare in Afghanistan sotto la pesante guardia talebana

Si dice che la Russia abbia inviato circa 150.000 soldati in Ucraina. Gli inglesi non hanno fornito cifre esatte sulle perdite della parte russa.

Negli ultimi giorni ci sono state più volte segnalazioni di pesanti perdite per la Russia. Si dice che una colonna corazzata tutta russa con dozzine di carri armati sia stata distrutta quando un ponte è stato fatto saltare in aria e i russi sono stati respinti al confine intorno all’enorme città di Kharkiv.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24