Taco van der Horn si trasferisce ad Andorra: “I Paesi Bassi sono belli, ma sono dieci anni che non si allenano”

Taco van der Horn si trasferisce ad Andorra: “L’Olanda è bella, ma non si allena per dieci anni”

colloquio

Taco van der Hoorn inizia la sua seconda stagione con Intermarché-Wanty Gobert. Era in scadenza di contratto, ma non ha mai pensato di andarsene. Rimarrà fedele anche al suo ruolo di attaccante nel 2022. “Mi è stato chiesto molte volte qual è il prossimo passo della mia carriera. Ma non c’è assolutamente il prossimo. Questo è tutto”. Novità: Van der Horn si trasferirà presto ad Andorra.

Taco, hai delle novità…
Ho comprato una casa ad Andorra. Tra poche settimane riceverò la chiave e potrò traslocare. È un passo abbastanza grande, ma ci ho pensato attentamente. Mi sono divertito molto a Wageningen per tre anni e mezzo, vivendo con Jan-Willem (Van Schip, editore). Questo ha reso la scelta di partire non così facile. Penso anche che i Paesi Bassi siano un ottimo Paese in cui vivere, ma non per allenarsi”.

C’erano considerazioni finanziarie coinvolte?
Non fa differenza. Ma in tutta onestà, non è questo il motivo principale. Volevo provarlo per viaggiare all’estero per alcuni anni. Alla ricerca di un ambiente di formazione migliore. Allora Andorra è un’opzione adatta. Alla fine , il motivo principale è che non mi vedo più allenare in Olanda tra dieci anni. Penso che mi stancherò di allora. Quel momento non è ancora arrivato, ma volevo anticiparlo”.

Sei una persona che ha bisogno di varietà?
“Mi piace ancora molto andare in bicicletta, anche a lungo termine. Il nuovo ambiente in montagna è fantastico per me. Bella posizione. Ci sono alcuni ciclisti con cui allenarsi. Questo è ciò che lo rende divertente. Martijn Tusveld, uno dei miei migliori amici , va lì.” I miei compagni di squadra Andrea Pasqualon, Louis Meintjes e Jean Hurt vivono lì. Altri ancora, tra cui alcuni ragazzi che conosco ancora da Jumbo-Visma”.

READ  Il Real Madrid dà inavvertitamente nuova vita alla corsa al titolo in Spagna

Vivrai lì da solo?
“Sì. Anche se a volte rimarrò in Olanda, se corro in Belgio o qualcosa del genere. Ma la mia base sarà Andorra. Lì farò i lunghi allenamenti. Tre, quattro settimane in montagna. Penso che sia speciale e speciale. E Jan ha riportato indietro: Willem ha già nominato Andorra come sua area di allenamento regolare quando fa uno stage. È ancora il mio migliore amico. “

Quanti metri vivrai?
“1300 metri. Il limite ad Andorra è di 2000, ma non lo volevo. Se torno tra una partita e l’altra non voglio essere subito in alto, non va bene per il recupero. Altri vivono più in alto. Pasqualon vive , per esempio, A 2000 metri, l’altitudine più alta possibile. Affondare a 1800. È un po’ diverso. Scelgo di sedermi basso. E se voglio allenarmi in quota, guido per 20 minuti e mi siedo in cima alla montagna dove noleggio una stanza. Facile.”

Questo passaggio ha qualcosa a che fare con la tua buona prestazione e il potenziale miglioramento del contratto?
“No, non lo è. Non è così. Andorra non è il Monaco. Con un contratto minimo potrebbe anche essere perfetto. Ci si vive benissimo. Non serve fare tanti soldi”.

Ritorno all’attualità. Hai detto durante la parte ufficiale della presentazione della squadra, continui a cercare scoperte. Dopo quello che hai mostrato nel 2021, non vorresti provare a tenere duro e giocare un ruolo importante in finale?
“Nuovo. Non so perché. Anche se posso provarlo alla Parigi-Roubaix. Perché le classiche mi stanno meglio. Ma non posso farlo al Giro delle Fiandre, per esempio. Non ho il fisico capacità per questo. L’ho provato per alcuni anni e sono sempre stato impotente a pensarci. “

Forse sei diventato più forte nel frattempo?
“No, non sono diventato più forte. Penso di sapere molto bene cosa posso fare e cosa non posso fare. E non posso. Ecco perché continuo a concentrarmi su quel viaggio. Mi è stato chiesto molte volte sul mio prossimo passo nella mia carriera. Ma non c’è assolutamente un passo successivo. Questo è tutto. Questo è un taco. E mi sono sempre riscaldato molto bene negli ultimi anni. Non mi aspetto di migliorare improvvisamente del cinque percento. Lo speri sempre, ma è solo un’illusione”.

Taco van der Horn con i suoi compagni di squadra sulle strade spagnole – Foto: Cor Vos

Quindi continua a fare quello in cui sei bravo…
“Se facciamo uno sprint su una Oude Kwaremont, e vale circa tre o cinque minuti, allora lo accorcerò. Puoi allenarti per quello, ma l’ho fatto anche in passato e non ha funzionato neanche. Quello non è solo il mio talento fisico. Allora è meglio che mi concentri su qualcosa che posso”. Raggiungere risultati con esso. Ho fatto quella scelta l’anno scorso, quando sono entrato a far parte di Wanty. E continuerò a farlo. “

READ  Sport Court: il Chelsea potrebbe perdere il terzino sinistro Ben Chilwell per il resto della stagione a causa di un intervento chirurgico | gli sport

Prima di venire a Intermarché-Wanty Gobert, c’era poco interesse per te. Quanto è cambiato dopo le tue vittorie al Giro e al Benelux?
“Quando ho ricevuto un’offerta per prolungare il mio contratto qui, non avevo ancora guardato. Non ho esitato e ho firmato. Questa è la squadra in cui mi piacerebbe unirmi di più”.

Per gratitudine per questa opportunità, così come per la libertà che ottieni qui?
“Qualcosa del genere. E per l’atmosfera della squadra. Mi sto divertendo molto qui. Come vengo trattato anch’io. Stasera, ad esempio, parto per la Colombia in stage, salterò questo ritiro “Non importa a nessuno. Se penso che sia una buona preparazione, allora posso andare avanti. Mi dà tranquillità, indipendenza e responsabilità che avvantaggiano la mia motivazione. “

Si scopre che anche la squadra ti è grata. Vittoria con il tuo Giro vittoria su tanto tumulto.
“Non mi sono mai sentito in questo modo. Stavo solo facendo le mie cose. Per quanto potevo. Non ho sentito alcuna pressione, perché non ero nemmeno io il ragazzo che lo faceva. Ma poi l’ho notato molto delle persone si è tolto il peso dalle spalle. È stato bello e speciale. Vedere come tutti i membri della squadra erano davvero felici per me. In Jumbo, ad esempio, quella sarebbe stata una delle tante vittorie. È stato speciale qui”.

Per quanto riguarda il tuo nuovo contratto, quanto è grande la ricompensa finanziaria?
“Chiamala una bella promozione, ma all’improvviso non guadagno più molti soldi. E se posso fare più soldi altrove, non lo farò. Dipende sempre da quanto ovviamente, ma in linea di principio no. Sono stato contento di la certezza di poter restare per tre anni. In questo modo so di poter continuare a pagare l’affitto, per esempio. Perché è un anno che mi ossessiona comunque. È stata dura e ho dovuto pensare se andarci o no Torno ai miei genitori. Questa certezza ora mi dà serenità”.

READ  Partecipazione e risultati olandesi - Horses.nl

Stai volando in Colombia stasera… è molto speciale.
“Vado a Medellin per quattro settimane. Insieme al suo collega Jan Hurt. Verrà anche Jan Willem. Sono assolutamente convinto da Annemiek van Vleuten, che in precedenza si è allenata lì. Andremo nello stesso posto in cui si trovava lei”.

Dove inizia la tua stagione una volta tornato?
“Ad Almeria. Segue poi la Ruta del Sol. Poi Kuurne-Bruxelles-Kuurne, Le Samyn, Tirreno-Adriatico e le classiche. Forse si aggiungeranno le Strade Bianche, ma è solo un ruolo di supporto. Non devi preparare una pausa anticipata lì. La gara è molto difficile ed è anche una gara di arrampicata”.

Taco van der Horn programma provvisorio per il 2022
sapere che Almeria Classica (13 febbraio)
sapere che La Via del Sole (16-20 febbraio)
la scienza è Korn – Bruxelles – Korn (27 febbraio)
la scienza è Le Samin (1 marzo)
sapere che Stride Pianch (5 Maart) – NTB

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24