Tadej Pogacar veste la maglia gialla, ma sperava in qualcosa di completamente diverso


Lunedì 1 luglio 2024 alle 8:30

opinione Le Grand Départ per una volta si chiamava Grande Partenza. Esattamente 100 anni dopo che Ottavio Botticchia divenne il primo italiano a vincere il Tour de France, a Firenze è stato concesso l'onore di inviare corridori nella gara ciclistica più importante dell'anno. Il fine settimana di apertura è stato francese in terra italiana con Romain Bardet e Kevin Vauquelin vincitori di tappa, ma ha offerto spettacolo immediato con Tadej Pogacar (parzialmente indesiderato) in giallo.

Il poster del Tour de France con il primo incontro dei primi quattro corridori classificati di questa generazione, Tadej Pogacar, Jonas Wenggaard, Remco Evenepoel e Primoz Roglic, dovrebbe essere una garanzia di spettacolo. Anche se “esperti” come Bernard Hinault e Marc Madiot prevedono una tournée noiosa con una mostra personale di “Pogi”.

Il primo poke tra i quattro mostra un'immagine che abbiamo visto anche durante gli ultimi due Tour di Francia. Salendo San Luca, Pogacar e Vingegaard sembrano essere di nuovo i migliori. Nella lunga discesa solo Evenepoel e Richard Carapaz sono riusciti a raggiungere i due. Anche se i 21 secondi persi da Roglic alla fine sono più un colpo mentale che una fatale perdita di tempo.

La potente prestazione di Vingegaard può certamente essere descritta come eccezionale. La storia è ben nota. Il 4 aprile Dane ha subito una grave caduta ed è rimasto in terapia intensiva per quasi due settimane. Il modo in cui è riuscito a raggiungere questo livello in dieci settimane è straordinario. Staff tecnico Visma | Lease a Bike aveva effettuato diversi test a Tignes e sapeva che il loro “Golden Emblem” avrebbe iniziato bene il Tour.

Jonas Vingegaard precede Matteo Jorgenson. Foto: Cor Foss

Il fatto che Pogacar non possa essere liberato a San Luca e che sia l'unico a poter continuare l'ascesa slovena ha sorpreso in positivo tutti nel World Team olandese. I risultati dell'allenamento sono un indicatore limitato quando devi affrontare il tuo più grande rivale in una partita.

READ  Lidl-Trek presenta il suo nuovo vestito colorato in vista del Tour de France

Non ci sono garanzie che Vingegaard possa mantenere questa forma per tre settimane. È stata una corsa contro il tempo prepararsi per questo tour e certamente non era la preparazione ottimale richiesta. Lui stesso nella conferenza stampa tenutasi a Palazzo Vecchio ha dichiarato che spera di migliorare durante questo tour.

Sembra un’utopia. Puoi solo diventare meno cattivo che competere nel Grand Tour. Questo è il motivo per cui (di solito) hai bisogno di una base ampia. Questo sembra essere il difetto di Vingegaard. Tuttavia, potrebbe essere definito il più grande vincitore della prima domenica del round. Già il secondo giorno aveva ampiamente superato i suoi dubbi. Si tratta di un rinforzo molto importante in vista della tappa di martedì, quando i corridori verranno effettivamente mandati sul Col du Galibier.

Ha detto Pogacar bagnare Avrebbe preferito lasciare la maglia gialla all'Evenepoel alla fine e per questo ha continuato a provare a prendere varco negli ultimi 50 metri. Sottolinea che il vincitore del Giro d'Italia non ha ottenuto ciò che voleva con il suo attacco al San Luca. Naturalmente, lo skipper degli Emirati Arabi Uniti sperava di poter ferire immediatamente Vingegaard in questo round, ma si è scoperto che il danese era pronto a contrastare questo nel suo secondo giorno di regate.

Il fine settimana di apertura, sotto un caldo torrido tra Toscana ed Emilia-Romagna, ha sicuramente regalato delle belle pedalate. Il gruppo ha perso due volte nella battaglia per la vittoria di oggi. Agli aggressori sono state concesse altre due volte.

Romain Bardet e Frank van den Broek hanno riportato sulla mappa il dsm-firmenich Post NL con un bellissimo attacco a due. Il modo in cui i premi sono stati divisi dallo stesso plotone di inseguimenti è stato molto professionale. Non si potrà mai fare una buona distribuzione dei prezzi al grande pubblico. Secondo me, la cosa più importante è che il veicolo di supporto non determina chi “potrebbe” vincere. Ciò provoca sempre insoddisfazione e mancanza di fiducia a lungo termine. Van den Broek lasciò la scelta al suo leader Bardet. Dimostra davvero la classe del 23enne nuovo arrivato da Warmond.

Frank van den Broek e Romain Bardet. Foto: Cor Foss

Nella seconda fase, il successo della giornata sembrava dovuto al volo anticipato. I favoriti del girone d'andata si preoccupavano più tra loro nella finale con il San Luca che vinceva due volte che non sul valore di una vittoria di tappa al Tour. La vittoria di Kevin Vauquelin (23 anni) ha dato un forte impulso a tutti i giovani talenti francesi tornati alla ribalta negli ultimi anni. Inoltre, questa è la prima vittoria di tappa per la squadra francese Arkéa – B&B Hotels negli undici anni in cui ha gareggiato al Tour de France.

READ  Tappa preferita 1 Giro d'Italia 2024 | Un tocco di rosa in una giornata buia della storia (sportiva) italiana

Infine, un grande plauso ai progettisti del percorso nelle prime due fasi. Alcuni pensavano che queste tappe fossero troppo difficili per il fine settimana di apertura del Tour. Proprio per ridurre lo stress tradizionale dei primi giorni di un Grande Giro, penso che questo sia un inizio molto migliore rispetto a due tappe “piane” per i corridori. Con questo corso, la possibilità di una caduta importante è molto più bassa. La scelta è ovviamente un aspetto molto importante per rendere il ciclismo più sicuro.

All'aeroporto di Firenze ho parlato brevemente di questo argomento con Ces Paul, che spera di riuscire in questo tour al servizio di Mark Cavendish. Paul era d'accordo con me riguardo alla sicurezza, ma ha risposto che questo priva i corridori dell'opportunità di ricevere un cartellino giallo.

Se guardiamo alla storia del Tour, il Tour si è corso annualmente con un prologo dal 1967 al 2007. Forse l'inizio più emozionante è stato quello nel 1988 a La Baule con una cronometro di 1 km (con la vittoria di Guido Bontempi). Successivamente, il tour è iniziato con tappe pianeggianti e irregolari e talvolta con una breve cronometro. Secondo me, nel 2024, garantire la sicurezza è la cosa più importante ed è addirittura un vantaggio se si toglie il pungiglione della classifica fin dalle prime fasi per i corridori.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24