“Tadej Poojakar non merita sospetti infondati”

Sospensione

Con lo stesso dominio con cui ha deciso a suo favore a La Planche des Belles Filles lo scorso anno, Tadej Pogačar continua il suo percorso nel Tour de France. Con nuovi record in pesante pappone e con rara esilarante facilità, sta abbassando tutti i suoi rivali a livelli extra. Giornale sportivo francese Il gruppo Oggi alle pagine quattro e cinque chiede: “Poojacar ha ucciso la tensione?”

Il gruppo Si tratta di tre mazze del recente passato dei vincitori del turno successivo, che hanno aperto un varco anche nella prima tappa di montagna. Geraint Thomas nel 2018 presso La Rosière e Vincenzo Nibali nel 2014 presso La Planche des Belles Filles e Chris Froome nel 2013 presso Ax 3 Domaines. Anche se gli spread che questi campioni hanno seguito sui loro avversari si sono sgretolati, rispetto ai 3,20 minuti di differenza che Bogar ha segnato sabato a Col de Rom e Col de la Colombiere.

Anche Lance Armstrong è stato un vincitore che ha favorito una mano a eliminazione diretta nella prima tappa di montagna. Consideriamo Sestriere (1999), Hautacam (2000), L’Alpe d’Huez (2001) e La Mongie (2002). Era sempre un attacco all’ultima salita e il suo fuso orario non superava i tre minuti.

Vincitore dell’ultimo round con confronto raid Se Pogačar può arrivare a diversi minuti dal traguardo, è Marco Pantani. Nel 1998 ha scelto un sentiero per lepre sul Col du Galibier verso Les Deux Alpes. Allora, proprio come sabato scorso, c’erano condizioni meteorologiche orribili. A quel tempo, il famoso “elefante” italiano impiegava 1,59 minuti o più su tutti i concorrenti.

Tadej Pogačar sale a Tignes – Foto: Raymond Kerckhoffs

Suggerimento per gli steroidi
Per spiegare l’ultimo numero di Pogačar sulla strada per Le Grand Bornand, dobbiamo tornare al più importante peccatore di doping smascherato nella storia del Tour Lance Armstrong e al Tour de France del 1998, che è nei libri come Torre degli steroidi. I successi nel presente che evocano associazioni con il passato illustre creano immediatamente una sfumatura di doping attorno al ciclista in questione.

READ  Ramsey Nasr critica Mark Rutte | stelle

a partire dal sala stampa, sala stampa, al Tour de France è ancora una pentola a pressione da accennare. Anche il nuovo soprannome “Bogerstrong” è apparso sui media francesi. Alla conferenza stampa, a Bogar è stato chiesto cosa pensasse della sua esibizione considerata sospetta da molti. Poiché il microfono non era aperto all’inizio della domanda, il 22enne sloveno non ha capito bene e ha risposto che sabato stava meglio che domenica.

Tuttavia, tutti i suggerimenti non provengono solo dai media. Per decenni, le persone si sono riferite l’una all’altra, specialmente nel gruppo. Quando una squadra si comporta bene in alcune gare, altre squadre si chiedono cosa stia succedendo lì o suggeriscono che c’è un nuovo prodotto sul mercato. Di conseguenza, il ciclismo (squadre e corridori) ha sempre posto le basi per la cultura del doping.

dubbi
A Julien Gerdi, direttore sportivo di AG2R Citroën, è stato permesso di entrare Il gruppo Nota: “Pogačar domina le discussioni perché si esibisce a un livello straordinario. Dal Criterium du Dauphiné, il Bahrain Victorious è stato notevolmente forte in montagna. Ci si potrebbe chiedere se un tale dominio sia possibile, ma non ho una risposta. Capisco che sorgono dubbi, eppure Tutti, alcuni piloti pedalano forte. Non posso fare a meno di dire che il ciclismo lotta duramente contro il doping”.

Foto: Colore Vos

Anche il documentario di Code Geel di NOS sul team Jumbo-Visma nel 2020 ha prodotto una tale immagine. “Ho dato il 110%”, si è subito scusato Primo Roglic dopo la cronometro di La Planche des Belles Filles in cui ha perso inaspettatamente il tour. La telecamera a bordo dell’auto ha registrato le sue parole. “Non posso crederci. Sono stati due minuti più veloci. È una grande differenza. Devono calcolare quanta potenza è necessaria per questo. Sta girando da un altro pianeta. Non riesco a capire. Se potessi andare così veloce, vinceresti tutte le tappe con un piede solo. Come hanno fatto davvero. “Inferno?”

READ  L'ignoranza di Mariki diventa un bavaglio costante perché riesco a vedere la tua voce

Bojjar dovrà difendere la sua maglia gialla nelle prossime settimane in un clima di incertezza. “Perché la storia moderna del ciclismo lo richiede e lo spirito del ciclismo 2 velocità (due velocità) Non è ancora andato’, dà Il gruppo Perché questo dovrebbe essere un dibattito.

Il quotidiano francese cita il passato del team manager di Emirates, Mauro Gianetti, che ha anche guidato il famigerato Soner Duval con Ricardo Rico, Juan Jose Cobo e Leonardo Pepoli, tra gli altri. E al suo direttore sportivo, lo sloveno Andrej Hauptmann, non è stato permesso di iniziare il Tour 2000 a causa del suo valore di ematocrito molto alto. Ha senso porre domande sull’ambiente in cui risiede Boughgar.

onere della prova
Finché non c’è l’onere della prova, tutti meritano il beneficio del dubbio. Quando nella società normale si è innocenti fino a prova contraria, i ciclisti hanno sempre dovuto dimostrare la loro innocenza negli ultimi anni di ciclismo. Secondo molti, il ciclismo lo deve a se stesso. È un retaggio dell’era dell’EPO che i portatori di maglia gialla di oggi debbano rispondere quotidianamente alle domande sul doping. La tradizionale domanda “Perché dovremmo crederti” verrà posta ripetutamente anche a Pogačar nei prossimi giorni.

Foto: Colore Vos

Ma puoi incolpare Pogačar per il suo passato sportivo? Quando Marco Pantani vinse il Tour de France, lo sloveno non era ancora nato. Con la settima vittoria di Lance Armstrong nel tour, era appena entrato alla scuola elementare. Ora abbiamo a che fare con una nuova generazione che non ha mai visto il periodo buio del ciclismo. Sono passati anche dieci anni da quando il rapporto dell’USAID ha rivelato Lance Armstrong.

READ  2 film estivi GRATUITI Feel Happy al DRU Industriepark

A causa della feroce battaglia combattuta dal ciclismo, il numero di casi positivi è stato ragionevolmente ridotto. Naturalmente, qualsiasi imbroglione è uno di troppo. Certamente non dovremmo essere così ingenui da pensare di poter eliminare completamente l’inganno dal pacchetto. Non possiamo farlo nella società normale.

L’era dell’EPO ci ha insegnato che non dovremmo mai chiudere gli occhi su ciò che accade nella confezione. Tuttavia, dobbiamo anche assicurarci di non sospettare che tutti abbiano una prestazione speciale. Indicheremo i corridori che potrebbero essere innocenti. Negli ultimi dieci anni lo sport del ciclismo ha acquisito pari diritti con la società ordinaria. Non sei colpevole fino a prova contraria. Ora manteniamo questa regola anche per i passeggeri esistenti. Quindi guardiamo con rispetto anche al nuovo governatore del Tour de France.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24