Talebani pongono fine alla protesta delle donne con violenza quasi un anno dopo la presa del potere | Attualmente

Dozzine di donne hanno protestato sabato nella capitale afgana, Kabul, per rivendicare i propri diritti. La prima protesta femminile da mesi è stata dispersa dai combattenti talebani che hanno sparato con i loro fucili in aria e picchiato diversi manifestanti.

Tra due giorni, sarà esattamente un anno da quando i talebani sono tornati al potere in Afghanistan. I combattenti del gruppo estremista hanno catturato Kabul il 15 agosto 2021, quando le forze occidentali sono entrate nella fase finale del loro ritiro dopo quasi 20 anni di presenza in Afghanistan.

Da allora, i diritti delle donne nel paese sono stati fortemente limitati. Ad esempio, c’è meno istruzione per le ragazze e alle donne viene negato l’accesso a molti lavori governativi. Anche la libertà di movimento è stata limitata e Amnesty International ha visto un aumento del numero di matrimoni forzati. I talebani avevano promesso un regime meno severo di quanto non fosse stato tra il 1996 e il 2001.

Sabato, circa 40 donne al ministero dell’Istruzione hanno scandito testi come “Pane, lavoro e libertà” e “Giustizia, giustizia, siamo stanchi dell’ignoranza”. Portavano striscioni e cartelli di protesta. Ha affermato, tra le altre cose, che il 15 agosto è un “giorno nero”. Molte donne non indossavano coperture per il viso, sebbene i talebani lo facessero.

Le donne in Afghanistan non esprimono più apertamente la loro insoddisfazione per la loro situazione. Amnesty International afferma che le donne che manifestano pacificamente contro la persecuzione vengono minacciate, arrestate, detenute e torturate.

READ  Tribunale israeliano: torna in Italia un bambino sopravvissuto a un disastro in funivia | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24