Tasse minime globali, una delle priorità del Gruppo dei Sette Paesi industrializzati a Londra

Inizia venerdì 4 giugno a Londra, come tema prioritario, il finanziamento del Gruppo dei Sette, il progetto per le tasse minime globali rilanciato dall’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e che ha il sostegno congiunto delle maggiori potenze europee. Questa è la prima volta che questi ministri delle finanze si incontrano di persona dall’inizio della pandemia e questo incontro precede i capi di stato del G7 in Cornovaglia (sud-ovest dell’Inghilterra) la settimana successiva.

La questione delle tasse minime globali, il primo “pilastro” della riforma fiscale globale attuata dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), prevarrà come secondo elemento nella tassazione dei profitti delle grandi multinazionali, in particolare dei giganti digitali , dove raccolgono i loro profitti, non solo dove li registrano.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Cosa può guadagnare l’Europa dall’aliquota minima per le multinazionali

“Vogliamo che le aziende paghino la giusta quantità di tasse nel posto giusto e spero che possiamo raggiungere un accordo equo con i nostri partner”.Lo ha detto il cancelliere dello Scacchiere britannico, Rishi Sunak, in una dichiarazione rilasciata dal Tesoro in apertura della riunione. I ministri delle finanze di Germania, Francia, Italia e Spagna (quest’ultimo paese non è membro del G7) difenderanno una posizione comune su questo tema, Secondo un articolo apparso sul giornale venerdì, e compra.

Impegnati il ​​ministro francese Bruno Le Maire, il tedesco Olaf Schulz, l’italiano Daniele Franco e la spagnola Nadia Calvino. Venerdì hanno preso una posizione comune sulle nuove tasse internazionali alla riunione dei ministri delle finanze del G7 a Londra.e apprezzalo ‘L’opportunità di raggiungere un accordo è a portata di mano’ Per finanziare il G20 di luglio. “Abbiamo la possibilità che le multinazionali paghino la loro giusta quota”., aggiungono.

READ  Standard & Poor's mantiene il suo standing creditizio Italia | IEX.nl
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Fiscalità multinazionale: in corso un calendario fiscale

rinnovamento delle finanze pubbliche

e compra Giovedì, come esempio, ha citato la società irlandese Microsoft, che non ha pagato l’imposta sulle società lo scorso anno perché è registrata alle Bermuda, nonostante i suoi 315 miliardi di dollari di profitti. Per il G7, è tutta una questione di reattività strategie di evasione fiscale Per alcune aziende, una fonte vicina alle trattative conferma che non lo abbiamo fatto sotto “Non ero così vicino a un accordo” domandare.

Questo progetto, che Parigi in particolare bramava da diversi anni, ha beneficiato di un ritorno con l’ascesa di Biden ed è più favorevole al pluralismo rispetto al suo predecessore repubblicano Donald Trump. Inoltre, come molti altri Paesi, gli americani sono alla ricerca di nuovi modi per ricostituire le proprie finanze pubbliche duramente colpite dalla pandemia, con pacchetti di aiuti o di stimolo del valore di centinaia di miliardi di dollari. L’amministrazione Biden inizialmente ha difeso un’aliquota minima dell’imposta sulle società del 21% prima di ridurre le proprie pretese al 15% per ottenere più voti.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Gli Stati Uniti stanno lottando per imporre tasse minime alle multinazionali

Le finanze del Gruppo dei Sette devono essere a “forte sostegno” Imposta societaria minima “un ambizioso ottimista” e distribuzione “giustizia” a partire dal Tasse da riscuotere sulle tasse Una bozza di comunicato stampa congiunto ottenuta dall’Agence France-Presse (AFP) ha mostrato i profitti delle multinazionali, in particolare dei big del mondo digitale. Un accordo formale non può essere annunciato fino a quando i ministri delle finanze del G20 non si riuniranno a Venezia a luglio, prima della ratifica da parte dei paesi dell’OCSE.

READ  La Francia vuole manipolare le regole del bilancio dell'Unione europea

Refrattari a tamburo

Di fronte a paesi che si sono già opposti al progetto, come l’Irlanda o l’Ungheria, dove le aliquote dell’imposta sulle società sono particolarmente basse, i paesi del G7 si affidano a movimento negoziale internazionale Il che può portare ad un aumento dei materiali refrattari.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Irlanda contro una tassa globale del 15%

Secondo la sentenza provvisoria, anche i paesi del G7 (Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Stati Uniti, Canada e Giappone) devono conformarsi. “Applicare politiche di sostegno” per i loro risparmi, soprattutto per quanto riguarda le nuove varianti del virus che potrebbero ostacolare la guarigione. Rinnoveranno le loro promesse di fornire assistenza ai paesi in via di sviluppo, in particolare nell’ottenimento di vaccini contro il Covid-19.

Al centro anche la lotta al cambiamento climatico, in particolare il dibattito sugli standard internazionali sulla trasparenza ambientale e sui mercati dell’anidride carbonica.2 o finanza verde. “Sono determinato a lavorare all’unisono per affrontare le sfide economiche globali più urgenti e sono molto ottimista sul fatto che raggiungeremo risultati tangibili questo fine settimana”.disse il signor Sink.

Leggi la nostra rubrica: “L’imposizione di un’imposta minima globale sulle società è un’opportunità storica da non perdere”.

il mondo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24