Tim ha perso due amici: parlare di salute mentale è ancora spesso un tabù

Tim Co su linkedin Una foto del suo gruppo di amici, che comprende anche i suoi amici Ian e Martin. Tutti ridono. Ma dietro quel sorriso, c’è molta tristezza. Tristezza che nessuno conosceva. Nel 2016 Ian decide di suicidarsi, nel 2022 Martin.

“Penso che questa foto sia molto tipica”, dice Tim al telefono. “Ridiamo tutti, ma non significa niente. Perché noi due non ci siamo più. Molte persone hanno problemi che non si vedono all’esterno.”

Ha ricevuto innumerevoli commenti dolci e di supporto sul post. Allo stesso tempo, Tim osserva che molte persone trovano difficile immaginare di non vedere problemi mentali dall’esterno. La domanda è se Tim ei suoi amici non si siano davvero resi conto di nulla. “No” è la risposta. “Non abbiamo davvero visto niente.”

“Ehi, va bene”

Illustra chiaramente il problema: i giovani sentono che non c’è spazio per parlare della loro salute mentale. Per cambiare la situazione, il Dipartimento della salute, del benessere e dello sport (VWS) ha lanciato la Campagna per i giovani Ehi, va bene Lanciato. L’obiettivo è incoraggiare i giovani a parlare di più dei loro sentimenti.

Il numero di giovani con problemi di salute mentale è in aumento, secondo una ricerca del Royal Institute of Mental Health. In totale, 1 giovane su 3 soffre di problemi psicologici. Il 50% degli studenti soffre di problemi psicologici. Da segnalare anche la diminuzione delle visite dal medico di base per disturbi psichici, mentre ciò non vale per la percentuale di giovani che soffre di problemi psicologici. Ciò può essere dovuto al fatto che questi giovani non chiedono aiuto.

READ  Il Belgio è ora tra i paesi più cari rispetto ai paesi vicini

Una ricerca pubblicata lo scorso anno conferma che la salute mentale dei giovani si sta deteriorando. I ricercatori segnalano un “declino senza precedenti della salute mentale” nel loro rapporto, Healthy Behavior of Children in Schools (HBSC).

“Se qualcosa ti dà fastidio, puoi condividerlo”, ha detto il gruppo di amici di Tim quando Ian si è suicidato nel 2016. “Ma anche quello non era abbastanza”, dice Tim. Perché lo scorso ottobre si è tolto la vita anche Martin, un secondo amico del gruppo di amici. Ad ogni modo, il gruppo non se lo aspettava. La situazione con Martin era identica.

Film triste

Poiché la morte di Martin è così recente, Tim sta ancora vivendo una specie di trauma. “Stiamo vivendo in un modo da film triste. C’è molta disperazione sul set. Ci stiamo perdendo qualcosa l’uno con l’altro? Mi rende anche insicuro da qualche parte. Soprattutto il primo mese non ho dormito bene. Mi ha tenuto molto occupato.”

Tristezza, rabbia e disperazione hanno anche incendiato il gruppo di amici. Insieme, decidono di creare una fondazione che ci vediamo. Attraverso attività e iniziative, vogliono facilitare il dibattito sulla salute mentale tra i giovani. “Vogliamo rendere la conversazione più naturale.”

Il loro messaggio principale è che non dovresti vergognarti dei problemi di salute mentale. “La realtà non è che tutto funzioni sempre. La realtà è dura e difficile e tutti dobbiamo affrontarla”, afferma Tim.

Bordi ancora neri

“Leggiamo molte storie di successo o storie di persone che sono depresse e ora si sentono meglio, ma vogliamo solo normalizzare il fatto che a volte non lo sai. Che sei disperato e hai domande esistenziali. Non lo sai Non devi avere una soluzione a questo, devi solo esserci”.

READ  “È inaccettabile vaccinare i bambini contro un virus che non fa nulla per loro” | cosa dici

Meglio, Tim dice: “Se non ne parlo mai con te, spero che non accada mai. I bordi neri rimangono, ma allo stesso tempo siamo contenti per tutta l’attenzione che stiamo ricevendo”.

“La salute mentale dei giovani sta peggiorando”

Frederieke Vriends è il direttore di Mind Us, un’altra (nuova) organizzazione che mira a migliorare la salute mentale dei giovani. Secondo lei, la salute mentale dei giovani non va bene. Non c’è una sola ragione chiara per questo. “È una combinazione di fattori come la crescente complessità della società. Abbiamo a che fare con molte crisi, la pressione delle alte prestazioni, la mancanza di prospettiva quando si tratta di casa tua e la pressione dei social media”.

Per migliorare questo, dovrebbe esserci più spazio per i giovani per parlare dei loro disturbi mentali. “Non deve sempre essere fatto immediatamente con un terapista, ma può anche essere fatto con persone nella vita di tutti i giorni, come un insegnante, un allenatore di calcio o genitori e amici”. È anche importante che ci sia più educazione su ciò che costituisce un comportamento mentalmente sano. “Ad esempio, non va bene per te usare i social media fino all’una di notte ogni notte. Non fa bene al tuo umore.”

Infine, è importante guardare al livello delle politiche per vedere se qualcosa deve cambiare. “Dovremmo tenere maggiormente conto di come le scelte si stanno spostando per i giovani e gli studenti? Dovremmo fare qualcosa con i social media? Non possiamo lasciare tutto ai giovani, perché la linea che abbiamo ora continuerà a scendere”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24