Timmermans, presidente di Jut all’inizio della presidenza slovena dell’Unione europea

Il primo ministro sloveno Janez Jansa ha ricevuto giovedì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. La Slovenia manterrà la presidenza ad interim dell’Unione europea per i prossimi sei mesi.Foto AFP

Lo dice il primo ministro sloveno Janez Jansa senza alcuna traccia di ironia. Non si è mai accorto che il commissario europeo Frans Timmermans si era rifiutato di scattare una foto con lui come prova di protesta. «L’ho sentito solo oggi. Ci sono anche molte persone sul palco per fare una foto di famiglia.

Implacabile, Jansa ha utilizzato un’intervista con i giornalisti dell’UE venerdì mattina per acuire la polemica con la Commissione europea. I Timmerman sono accusati di comportamento infantile. Un’ora prima, il ministro degli Interni Alice Hughes gli aveva suggerito di chiamare Timmermans “il maiale”, qualcosa su cui sarebbe tornato più tardi. L’inizio della presidenza slovena dell’UE questa settimana avrebbe potuto essere più armonioso.

Un incendio è divampato giovedì pomeriggio, durante un pranzo di festa per la commissione plenaria con il governo sloveno a Brdo (vicino a Lubiana), all’inizio della presidenza slovena dell’Unione europea. Durante quel pranzo, Jansa dice che non vuole giudici con un colore di festa che non gli piace. Il presidente del comitato von der Leyen è sconvolto, Timmermans francamente arrabbiato. Rifiuta la tradizionale foto di famiglia con Jansa.

Venerdì mattina, Jansa non solo ha detto che gli mancava l’assenza di Timmermann, ma ha affermato che il commissario europeo olandese avrebbe dovuto agire in modo più maturo. “Se hai un problema con la Slovenia, prendi il telefono o manda una mail”. Per continuare: ‘Se Timmermans si sente attaccato, beh: questa non l’abbiamo iniziata noi. Se non sopporta la verità, questo è il suo problema.

READ  Il G7 arriva con un grande progetto infrastrutturale, la controparte della Via della Seta cinese

Il primo ministro afferma di ammirare il “dibattito attivo”, ma non vuole che il suo Paese venga presentato da Bruxelles come “un membro di seconda classe dell’Unione europea, come una colonia dell’Unione europea”. L’ha già sperimentato: quando la Slovenia faceva parte della Jugoslavia e lì non aveva niente da dire.

I giudici sono fuori ufficio

Secondo Jansa, il comitato si comporta come un club di addetti ai lavori arroganti e unilaterali. “Qui in Slovenia, domenica i giudici fanno campagna politica e lunedì votano di nuovo le loro sentenze. La magistratura non è indipendente. Il fatto che voglia rimuovere i giudici dai loro incarichi è un rafforzamento dello stato di diritto.

Ha anche idee franche sulla libertà dei media. In risposta alle critiche che sta esercitando pressioni finanziarie sull’agenzia di stampa slovena STA, ha mostrato un video di 16 minuti sui media sloveni. È una serie di “esempi” di come i precedenti governi di “sinistra” abbiano imbavagliato i media. Con gravi attacchi anche a giornalisti che ora sono portavoce o politici di un partito che non gli piace. Jansa smentisce il fatto che lui stesso fosse un giornalista: quelli erano tempi diversi.

Jansa afferma che il rischio più grande che l’UE deve affrontare è l’uso di “doppi standard” per gli Stati membri. Il suo paese, così come il suo amico Viktor Orban, il primo ministro ungherese, sono ritenuti responsabili per le cose che consentono ad altri paesi dell’UE di liberarsi. La paura dello Stato di diritto ungherese e sloveno, della libertà dei media e, più recentemente, della possibilità che i giovani possano informarsi su orientamenti sessuali diversi da quelli di uomini e donne eterosessuali, secondo Jansa, l’Unione Europea potrebbe assegnare il suo presidente. . Jansa afferma che i paesi dell’UE differiscono e li trattano allo stesso modo e con rispetto. “Altrimenti, l’UE sceglierà l’autostrada per crollare”.

Dopo il video che parla della “vera mancanza di libertà dei media nel suo paese”, Jansa ammette che le foto non convinceranno il corpo. Nemmeno io ho questa illusione. Ma ancora criticando il mio paese.

Ascolta anche il podcast politico The Clock Room

Sigrid Kag fissa lo standard in alto, ma non sempre lo supera da solo. Quanto è giustificata la feroce critica al comandante della D66? Ascolta il nostro podcast politico con l’editorialista Sheila Sitalsingh, il caporedattore Peter Kluck, l’ufficiale politico Raoul de Bree, la giornalista politica Natalie Rayton e l’emittente Giggs Gruntman.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24