“Tour, Giro e Vuelta devono viaggiare all’estero ogni anno”

Opinione

Le Grand Départ in Danimarca ha dimostrato quanto sia popolare il Tour de France. Raramente migliaia di persone si sono allineate in pista e il ciclismo è stato di nuovo una grande festa. I ricordi del tour iniziano automaticamente a Bruxelles (2019), Utrecht (2015), Leeds (2014), Rotterdam (2010) e Londra (2007). Forse la Danimarca è la preferenza. Dimostra anche quanto sia incredibilmente desiderabile il Tour de France al di fuori dei confini francesi.

Quest’anno inizieranno i tre grandi tour all’estero. Nella capitale ungherese Budapest è suonato il cannone di lancio del Giro d’Italia. Il Tour de France inizia in Danimarca, mentre la Vuelta a España partirà dai Paesi Bassi il 19, 20 e 21 agosto. Le città ospitanti sono Utrecht, Sertogenbosch e Breda.

Nel ciclismo ci sono voci secondo cui i Grandi Giri appartengono solo al loro paese. Non condivido in alcun modo questa opinione. Dobbiamo renderci conto che il Tour, il Giro e la Vuelta sono al di sopra del ciclismo. Nessuna corsa teatrale si avvicina a questi tre round di popolarità. Questi sono i fattori motivanti per rendere il ciclismo più popolare.

Ecco perché sono anche contrario all’abbreviazione dei Tre Grandi. Secondo un certo numero di squadre, il calendario del WorldTour è troppo affollato e deve essere creato più spazio. Tuttavia, a mio avviso, la riduzione del numero di giorni del WorldTour non dovrebbe andare a scapito dei Grandi Giri. Basta usare consapevolmente Tour, Giro e Vuelta per aumentare la popolarità del ciclismo.

La scorsa primavera ho avuto lampo ciclico Un’intervista con il presidente dell’UCI David Lappartient ha affermato che il calendario dovrebbe essere modificato per evitare la sovrapposizione di percorsi. Secondo lui, la riorganizzazione del calendario sarà sicuramente discussa nel breve termine.

READ  La critica di Kag alla Bce mostra coraggio

Come UCI applicherò la regola che il Grand Tour può durare 24 giorni, ma a condizione che almeno quattro tappe si svolgano all’aperto. In questo modo puoi dare una spinta al ciclismo in altri paesi.

Foto: Cor Vos

Nei Paesi Bassi, gli appassionati di ciclismo sono stati molto viziati negli ultimi anni. Ogni volta che arriva un grande tour in Olanda, mi stupisco del perché. Tour a ‘s-Hertogenbosch nel 1996. Giro a ‘Gironingen’ nel 2002. La Vuelta ad Assen nel 2009. Nel 2010 il Giro di Amsterdam e il Tour di Rotterdam. Nel 2015 il tour ha raggiunto nuovamente Utrecht, mentre nel 2016 Giroud ha fatto una “Grand Partenza” ad Apeldoorn.

Di quell’ultimo giro ricordo anche quante persone erano in fila lungo la pista in due tappe. Sicuramente ai punti finali delle tappe per questi corridori ad Arnhem e Nijmegen. È stato triste vedere l’Eneco Tour (in seguito BinckBank Tour e Benelux Tour) con un gruppo più o meno uguale nello stesso anno, ad agosto. C’erano al massimo pochi spettatori ai posti di arrivo, mentre si potevano contare le persone lungo il percorso da un lato. Sottolinea la magia dei grandi giri.

Contanti
Naturalmente, le elevate somme di denaro che le città straniere sono disposte a pagare è il motivo principale per cui gli organizzatori fanno questi “viaggi”. Nel 2015, Utrecht ha dovuto pagare quattro milioni di euro all’organizzatore del tour ASO per acquisire Le Grand Départ. Il budget totale era di 15,6 milioni di euro. Tuttavia, in retrospettiva, ING ha calcolato che l’inizio del tour ha stimolato l’economia di Utrecht di circa 34 milioni di euro.

READ  La ripresa e la transizione energetica dell'Italia sotto pressione a causa della crisi ucraina

Quest’anno la Danimarca doveva pagare una quota di 5,5 milioni di euro all’ASO. All’inizio del prossimo round a Bilbao (2023) e Firenze (2024), i francesi continuano a guardare all’estero.

Quando il tour inizia in Danimarca, ASO ha superato i suoi limiti. Il Circo francese non era più lontano dalla Francia di quanto lo sia ora in Danimarca. A questo proposito, RCS, l’organizzatore del Giro d’Italia, osa davvero fare dei passi. Nel 2012, infatti, il tour italiano è iniziato a Herning, in Danimarca. Nel 2018 il Giro è iniziato a Gerusalemme e il circo ciclistico in Israele è rimasto per tre giorni. RCS aveva ricevuto almeno 12 milioni di dollari per questo scopo.

Foto: Cor Vos

Per quasi quindici anni, il Giro d’Italia ha flirtato con un inizio a Washington, DC. Il piano è ancora in diretta negli uffici di RCS. Anche se si parla a gran voce anche della “Grand Partenza” di Dubai, con la quale gli italiani sperano di portare Tadig Bogacar (impiegato degli Emirati Arabi Uniti) alla partenza del Giro d’Italia.

Quindi Grand Tours sembra farsi strada sempre più a livello globale. Queste avventure all’estero offrono enormi opportunità in bicicletta. L’espansione della globalizzazione è semplicemente un must per il ciclismo.

Il ciclismo è uno sport forte con molti fan lungo la strada. Ma nei principali mercati mondiali con una popolazione enorme, ha solo una piccola quota. Per quanto riguarda i diritti televisivi in ​​tutto il mondo, Floris Weisz aveva precedentemente annunciato per conto di IMG Media che il ciclismo è come la pallamano e il judo. E l’economia del ciclismo è ancora molto piccola rispetto ad altri sport.

READ  Sportsort: i piloti russi non sono più i benvenuti nelle competizioni internazionali | gli sport

LaPartint ha confermato nell’intervista di cui sopra lampo ciclico È convinto che l’Uci debba continuare a investire per rendere il ciclismo più popolare nel mondo: “Se riusciamo a fare passi in questo campo, non andrà solo a beneficio della lotta sportiva, ma anche dell’economia del nostro sport”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24