“Trattare i dipendenti per allontanarsi dai programmi di espatrio mina la solidarietà europea”

Hanno scritto Wouter Linders, uno studente di economia all’Università della California, Berkeley, e Vincenz Ziesemer, direttore dell’Institute for Public Relations and Economics di FD.

Una struttura del 30% nei Paesi Bassi mira ad attrarre dipendenti stranieri con esperienza specifica. Ma finora sono stati ignorati gli effetti dannosi di questo tipo di normative sulle finanze pubbliche dei paesi europei, Zizimer

Nel loro pezzo di opinione, hanno affermato che la grande somma dei piani di espatrio dell’UE viene eseguita a spese delle reciproche entrate fiscali, e quindi anche a spese dei Paesi Bassi: “Un ingegnere italiano o un amministratore delegato di automobili francese si trasferisce nei Paesi Bassi può avere un effetto positivo sull’economia olandese., ma questo Direttamente a spese dell’economia italiana o francese. Da un punto di vista economico, questo tipo di politica si chiama politica del mendicante-vicino: il vantaggio di uno è lo svantaggio di un altro”.

Gli economisti hanno concluso che il fatto che i paesi dell’UE attirino i dipendenti l’uno dell’altro lontano dai programmi di espatriato mina l’idea europea di solidarietà. Giornale† Consigliano a Paesi Bassi e Ue di porre fine a “questo tipo di indebolimento della concorrenza fiscale”.

Il governo ha annunciato in una nota di primavera che la struttura del 30% sarà limitata dal 2024 ai dipendenti con uno standard Balkenende massimo di 216.000 euro (nel 2022). Ci sarà un regime transitorio per tre anni. Leggi anche argomento struttura 30%

READ  Ad esempio, altri paesi stanno evacuando i propri cittadini e aiutanti afgani: ogni giorno da sette a dieci aerei per Kabul| interni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24