Tre secondi di ispezione e vergini farfalla nel paese

Giant Casey tiene le sue farfalle al nono piano di un appartamento a Delft. Una lampadina nuda pende dal soffitto e sulla parete bianca c’è una bizzarra iscrizione di Pont Neuf a Parigi. Inoltre, l’intero appartamento è il dominio delle farfalle. In una grande gabbia a rete nel soggiorno di Kasi, posta su sacchetti di plastica giganti, sul retro Morfo Menelao Round, una specie blu brillante proveniente dal Sud America. Bruchi verdi strisciano sul banano vicino al divano, le loro foglie quasi toccano il soffitto. Quando si trasformano in bozzoli, Kasi li mette in una scatola Tupperware con fori di ossigeno, finché non sono pronti per la vendita.

Da questo appartamento, Cassie, 42 anni – spalle larghe, con un cappello rosso in testa – vende bambole a forma di farfalla a circa un migliaio di clienti: dilettanti dall’Europa e dagli Stati Uniti, ma anche ai giardini delle farfalle olandesi come come De Orchideeënhoeve e Vlinders aan de Vliet. Gli insetti vivono in media sei settimane: alcuni giardini richiedono 2.000 bozzoli al mese per mostrare gli animali ai visitatori. Le bambole avvolte in ciuffi di cotone in polistirolo vengono consegnate ai clienti di Cassie.

I commercianti affermano che il commercio di farfalle esotiche è cresciuto in modo esponenziale nei Paesi Bassi negli ultimi anni, e questo è confermato da un criminologo ambientale e ispettore del commercio. Secondo una ricerca condotta da Consiglio norvegese per i rifugiati. Ci sono alcuni ispettori di frontiera a cui mancano il tempo e l’esperienza per scoprire quali bozzoli e farfalle possono e non possono essere importati.

Leggi anche: Allevamento di farfalle al Teatro dei Pupi ad Artes

La situazione è più calma a causa della crisi di Corona, ma di solito nei mesi estivi, quando i giardini delle farfalle sono aperti, Cassie invia dalle dieci alle dodicimila bambole al mese. Le farfalle che coltiva in casa e i bozzoli che importa dal Costa Rica, dalle Filippine e dal Suriname.

Morfo blu nel Giardino delle Farfalle.
Foto di Kis Van de Ven

Ci sono più grossisti di farfalle nei Paesi Bassi. Erik Hendriks, per esempio, proprietario del Drenthe Butterfly Garden Papiliorama. Non direbbe quante bambole commercia al mese – “segreti commerciali” – ma secondo Ikuywa Butterfly Farm, il suo fornitore in Kenya, importa più di 7.000 bambole al mese solo da quel paese. Secondo i commercianti di farfalle e i giardinieri intervistati in questo articolo, Kasi e Hendriks sono due dei più grandi venditori di farfalle in Europa.

READ  Queste app per smartphone migliorano la tua vacanza

Con Schiphol, il porto di Rotterdam e una solida rete stradale, i Paesi Bassi hanno una buona infrastruttura per qualsiasi commercio. Le dogane sono efficaci. Il giardiniere di farfalle italiano Francesco Barbieri preferisce acquistare i suoi animali tramite un commerciante olandese, dice al telefono, perché le dogane italiane “sono così lente che le farfalle escono nella scatola e muoiono”.

Reti con succo di mango

Il Trattato CITES, che regola il commercio di specie animali e vegetali in via di estinzione in 182 paesi, è l’unica base legale per le autorità olandesi quando si tratta di conservazione e commercio di animali esotici. Le specie elencate nell’elenco Cites possono essere vendute solo con un permesso. Dei quasi 5.800 animali protetti nell’elenco, 50 sono farfalle.

Nessuno ha informazioni sulle migliaia di specie di farfalle non presenti nell’elenco CITES, più di un controllo sanitario da parte di un veterinario della Dutch Consumer Product and Food Safety Authority (NVWA) richiesto per importare quegli animali. Spiacente, l’entomologo del Costa Rica Luis Murillo Heller afferma: L’elenco delle Cites è incompleto. Nel paese dell’America centrale, da dove proviene una parte significativa dell’importazione di farfalle olandesi, ci sono migliaia di specie di farfalle e farfalle, da cui nessuno sa quali numeri si verificano ancora. Si stanno facendo poche ricerche. Murillo Heller ha già trovato sedici specie di farfalle in Costa Rica negli ultimi anni che secondo lui sono in pericolo e dovrebbero essere protette, ma non sono nella lista CITES.

I grossisti mandano gli allevatori di farfalle nella foresta con reti macchiate di succo di mango. Affascina gli insetti, rendendoli più facili da catturare. Gli agricoltori non ricevono formazione: spesso non riescono a distinguere tra protetti e non protetti.

Questo è un giardino delle farfalle, non un giardino delle farfalle, afferma il proprietario Eric Hendricks.
Foto di Kis Van de Ven

Alcuni ispettori specializzati delle dogane e della NVWA ne hanno una conoscenza sufficiente. Ma poiché le farfalle entrano nel paese come pupe, spesso non possono rimuovere le specie protette, afferma Jaap Rijngood, un consulente della Cites ed ex ispettore della NVWA. “In effetti, puoi controllarli solo dopo la schiusa.” Quindi sono già con l’acquirente.

READ  Da giugno al sole in Europa: la testimonianza di Corona lo rende possibile

Ad esempio, un giardino delle farfalle come Klein Costa Rica a Someren, nel Brabante, a volte riceve bambole che non hanno ordinato o con cui non avevano familiarità. “Improvvisamente abbiamo visto bruchi sconosciuti su un albero di avocado”, afferma Ilona Van Winkle. “Travestito da foglie appassite, quindi ci è voluto molto tempo per scoprirlo.”

uova in una cannuccia

Bart Coppens (27) è uno YouTuber di farfalle olandese con „Passione per gli insetti“, come scrive nella sua autobiografia. Ha più di 20.000 abbonati. In Uno dei suoi video più visti Presenta se stesso e otto farfalle dai colori vivaci che lascia sul viso. Non vende bambole da solo, ma spiega ai suoi spettatori come nutrire, allevare e allevare farfalle. Lui stesso acquista regolarmente da venditori di farfalle e in questo modo conosce bene il mondo del commercio.

Coppens è eccezionalmente visibile attraverso il suo canale YouTube: la maggior parte dei trader del Dutch Butterfly Circle lavora in modo relativamente anonimo, sui forum o tramite i propri account Instagram protetti. “Le persone coinvolte con le farfalle preferiscono rimanere sotto il radar”, afferma Cobbins.

Sluipwespen in bozzoli

Giant Cassie trova regolarmente vespe parassite tra i suoi bozzoli importati – grandi parassiti che mangiano la farfalla e rimangono nel suo guscio. Una volta fuori dal bozzolo, mangiano insetti e altre colture. “Non li vuoi qui”, dice.

Qasi ora può riconoscerli, ma questo non è vero per tutti i commercianti di farfalle. Un veterinario NVWA deve già selezionare per i parassiti durante l’esame a Schiphol – l’unico esame obbligatorio quando si importano animali esotici. Kasi paga 200 euro per spedizione di farfalle. Alla domanda, NVWA ha affermato che è sufficiente un “documento commerciale generale” per gli insetti: il veterinario NVWA controlla se gli animali nella spedizione corrispondono alla “natura, quantità e origine” degli animali sui documenti. Quando Kasi guarda il controllo Schiphol, vede il veterinario aprire la scatola e guardarlo per forse tre secondi. “Con tutto il rispetto, un dottore del genere capisce i mammiferi, ma non i bozzoli di farfalle”, dice Casey.

Lo Youtuber Coppens sa quanto sia facile contrabbandare rare specie di uova di farfalla fuori dalle vacanze. “Puoi metterlo nella tasca del cappotto”, dice. “O li mandi a una cannuccia in una busta.” Rimuovere le uova a Schiphol è costoso: conosce abbastanza collezionisti e commercianti che non le pubblicizzano.

READ  Schumacher critica Hamilton, la Mercedes vuole costringere la Honda a sbagliare | fine settimana

Jaap Rijngood capisce: “La possibilità di essere scoperti è molto piccola”. Quando era ancora un ispettore della NVWA – fino al 2007 – ha monitorato il commercio di animali esotici con altri 23, metà dei quali concentrati sui Paesi Bassi. “Dodici ispettori non sono troppi per uno” porto di entrata Dall’Europa». Secondo un portavoce della NVWA, il numero totale degli ispettori oscilla ancora intorno a una ventina.

Questi ispettori vedono solo circa il 10 percento del mercato illegale nei Paesi Bassi, Reijngoud lo sa. Questo è stato studiato dai criminologi ambientali olandesi. “Il commercio di animali che non sono nella lista CITES non è certamente in vista”. La NVWA afferma che la dimensione del mercato illegale non può essere stimata “per definizione”. “Se troviamo cose illegali, agiamo contro di loro”.

Un’immagine del paradiso delle farfalle.
Foto di Kis Van de Ven

Progetto speciale in Uganda

In una giornata piovosa, Eric Hendricks avverte i visitatori del suo giardino delle farfalle, Butterfly Paradise Papiliorama a Havelti, Drenthe, che potrebbero non vedere alcuna farfalla all’interno. “Quando piove, si siedono per lo più sul tetto.”

Fa caldo tropicale nella serra di Papiliorama – la condensa cade dal tetto. C’è odore di terriccio. Le farfalle volano a malapena, alcune sono sedute a terra come stordite e la maggior parte si trova tra il muro esterno e il pannello isolante trasparente del giardino – morto. Alcuni sono ancora intatti, altri il visitatore può vedere solo lo scheletro.

Di solito ci sono circa quattrocento farfalle a Papiliorama. Il grossista di farfalle Hendrix ha anche un “progetto speciale in Uganda”, dove scrive una “piccola comunità” di farfalle, ha scritto sul suo sito web. In Uganda è richiesto un permesso per cacciare e allevare farfalle. Al momento, nessuno ha un tale permesso, ha scritto l’Uganda Wildlife Authority. Non ha familiarità con il Progetto Hendrix. “Potrebbero non averlo segnato correttamente, ma abbiamo il permesso”, dice Hendricks. Ma non vuole mostrare la patente.

Hendricks dice che il benessere della farfalla è molto importante. “Questo non è un giardino con le farfalle, è un giardino delle farfalle. Ecco perché lo chiamiamo farfallaParadiso. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24