Trump “giura il vicepresidente” nell’ultima chiamata prima di prendere d’assalto il Campidoglio

incostituzionale

La terza udienza della Camera sui disordini si è concentrata sullo stratagemma legale che Trump voleva rimanere al potere nonostante le elezioni perse. Pence ha avuto un ruolo di primo piano in questo: ha dovuto rifiutarsi di sostenere la vittoria ufficiale del democratico Joe Biden, dopo di che il Congresso potrebbe ancora determinare Trump come vincitore.

I funzionari di Pence hanno testimoniato che il vicepresidente Trump ha affermato più volte in anticipo che l’azione è incostituzionale e che non collaborerà. Uno dei massimi consiglieri di Pence ha concluso che “la legge e la storia – ammettiamolo – non hanno fornito alcuna giustificazione per dare quel potere al vicepresidente”.

frustato

Sebbene Pence abbia anche informato Trump su questo diverse volte, il presidente ha continuato a suggerire che il suo trucco potrebbe funzionare. “Spero solo che Mike Pence faccia la cosa giusta”, ha detto quel giorno ai sostenitori della Casa Bianca.

Il presidente democratico Thompson ha concluso all’udienza che “Donald Trump ha mandato la folla dietro di lui”, soprattutto perché una versione precedente del discorso di Trump quel giorno non diceva una parola su Pence.

I soci di Pence erano indignati dalla provocazione del presidente alle masse. Quando centinaia di persone hanno preso d’assalto il Campidoglio poche ore dopo, ci sono stati forti applausi per l’esecuzione di Mike Pence. Le guardie di sicurezza sono riuscite a farlo uscire in tempo: in un’occasione una folla inferocita si è avvicinata a Pence a circa 40 metri di distanza.

Foto inedite mostravano Pence rifugiarsi con la moglie, la figlia e i complici nel parcheggio delle catacombe del Campidoglio.

READ  11 morti e circa 100 feriti in un deragliamento in Egitto | proprio adesso

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24