Trump perde appello per l’assalto ai documenti del Campidoglio all’estero

“Sulla base delle dichiarazioni rese a noi disponibili dall’ex presidente Trump, non vediamo alcuna base per respingere la decisione del presidente Biden”, hanno scritto i tre giudici nella loro sentenza. Secondo i giudici, i documenti sono “rilevanti e necessari per l’indagine sull’assalto al legislatore e sul suo ruolo costituzionale nel trasferimento pacifico della presidenza”.

In precedenza, una corte di grado inferiore ha approvato la decisione di Joe Biden di mettere a disposizione della Commissione d’inchiesta della Camera quei documenti sugli eventi alla Casa Bianca che indagano sull’attacco al Campidoglio.

Trump vuole mantenere segreti i documenti, in riferimento al privilegio presidenziale di cui godeva mentre era in carica. Ma i giudici hanno deciso che “il diritto di un ex presidente non supera di certo il diritto dell’incumbent”. Trump ha due settimane per appellarsi alla Corte Suprema.

L’ex presidente vuole mantenere segrete più di 770 pagine di documenti. Questi includono documenti dei suoi più stretti consiglieri, note al suo portavoce, registrazioni di conversazioni telefoniche e una bozza del discorso da lui pronunciato alla riunione che ha portato all’assalto al Campidoglio.

READ  Le famiglie "saltate" continuano a ricevere pacchi di aiuti di emergenza

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24