Trump voleva un’elezione che fosse dichiarata illegale

Donald Trump ha provato nel dicembre dello scorso anno a tenere elezioni che aveva perso e le ha dichiarate illegittime e corrotte. Appaiono gli appunti di una conversazione con questo ministro provvisorio della Giustizia Rosen. Le note della conversazione sono state rilasciate da una commissione del Congresso che indaga sull’influenza di Trump.

“Dì solo che le elezioni sono state corrotte + lascia il resto a me e ai membri repubblicani del Congresso”, ha detto il secondo uomo del dipartimento, Richard Donoghue, durante la conversazione. “Abbiamo l’obbligo di dire alla gente che questa è stata un’elezione corrotta e illegittima”.

Trump ha detto ai due uomini che le persone erano “indignate” per quella che ha definito frode elettorale. Quando è stato detto che non c’erano prove di ciò, Trump ha risposto: “Probabilmente non segui Internet da vicino come faccio io”.

nessuna prova

Donoghue e Rosen “hanno palesemente riferito che la maggior parte delle informazioni che gli sono state fornite erano sbagliate”. Hanno confermato, secondo le note, che sono state indagate diverse accuse, ma non è stata trovata alcuna prova di cattiva condotta.

“Signore, abbiamo condotto dozzine di indagini, intervistato centinaia di persone, ma non ci sono prove delle principali accuse”, ha osservato Donoghue. “Abbiamo esaminato la cosa, ma si è rivelata sbagliata”.

La telefonata è avvenuta il 27 dicembre, tre giorni dopo il ministro della Giustizia Bar se n’è andato. Subito dopo le elezioni, aveva Segnalato in precedenza pubblicamente Che non siano state identificate irregolarità elettorali, con grande sgomento di Trump.

Rosen ha ripetuto lo stesso messaggio al presidente. “Non possiamo premere le dita per cambiare l’esito delle elezioni. Non lo faremo. Non funziona in questo modo”.

READ  La pena di morte per sedia elettrica o proiettile americano ora | all'estero

Chat segrete rilasciate

In generale, le conversazioni tra il presidente e i membri del suo gabinetto sono riservate, ma il successore di Trump, Biden, è un’eccezione in questo caso, poiché i reati post-elettorali di Trump sono attualmente oggetto di indagine.

Ad esempio, una commissione speciale d’inchiesta della Camera sta esaminando il suo ruolo nell’assistere la folla che ha preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio. Rosen e Donoghue potrebbero ancora essere chiamati a testimoniare davanti a quel comitato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24