Ucraina: Putin e Biden parleranno il mese prossimo | all’estero

Qual è il futuro dell’Ucraina? il Conferenza stampa annuale Il presidente russo Vladimir Putin ha fornito il linguaggio muscolare previsto, ma ha anche lasciato spazio alla speranza.




Vladimir Putin ha ottenuto una cosa: è stato ascoltato. Il mese prossimo riceverà i colloqui urgenti di follow-up che ha richiesto con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e i suoi consiglieri e con la NATO. Si tratta di rilassamento e disarmo, nonché dell’Ucraina. Questi colloqui di riavvicinamento tra specialisti – che si stanno svolgendo a Ginevra – devono essere operativi e quindi richiedere molto tempo. E questo è proprio il momento che presenta opportunità per prevenire un’escalation o un incidente che circonda la già instabile situazione in Ucraina, credono molti osservatori.

Negli ultimi mesi circa 120mila soldati si sono radunati vicino al confine con l’Ucraina. Secondo gli esperti della rivista americana Politica estera Mosca è in grado di sferrare un attacco senza preavviso? La ragione di ciò è che la Russia ha ancora “lamentele profondamente radicate sull’espansione della NATO verso est e sulle armi che l’alleanza fornisce all’Ucraina”. Si tratta, secondo Putin, di un Paese che storicamente sarà russo, ma – secondo gli stessi ucraini – anche un Paese che preferisce tenersi fuori dalle braccia del Cremlino. non lo farà trascendere Perché l’Ucraina si è armata in modo significativo negli ultimi cinque anni. Si sa anche che è noto il prezzo che tutte quelle divisioni russe hanno rischiato per il raid.

“Agiremo sulla base della nostra sicurezza di base. Dobbiamo monitorare ciò che sta accadendo in Ucraina e quando potrebbero attaccare”, ha detto Putin durante la sua conferenza stampa. Secondo i giornalisti occidentali presenti, la televisione russa ha successivamente confermato la spiegazione della Russia per i problemi , ovvero che la Russia dovrebbe difendersi dalla “minaccia di un imminente”, anche se mobilita enormi forze militari e tratta dichiarazioni particolarmente non pacifiche.

READ  L'infermiera del primo ministro britannico Johnson si dimette: mancanza di rispetto | all'estero

Intanto anche l’Ucraina festeggia il Natale, e qui Babbo Natale passeggia a Kiev. © AFP

geopolitica

Quindi il gioco è ancora nel carrello. Tutto ciò ha a che fare con le grandi manovre geopolitiche intorno alle sfere di influenza orientale e occidentale. Inoltre, l’Ucraina non vuole ancora arrendersi al controllo della Russia (leggi: rapina) della provincia orientale del Donbass e dell’annessione della Crimea (2014). Ecco perché ci sono ancora sanzioni e boicottaggi tra Unione Europea e Russia. Inoltre, la stessa Russia ha recentemente pubblicato un elenco di requisiti per le garanzie di sicurezza degli Stati Uniti e dei suoi alleati. Putin vuole impegni vincolanti da parte degli americani per fermare l’espansione della NATO, né vuole esercitazioni occidentali e altre attività militari nell’Europa orientale, nel Caucaso o in Asia centrale. “La Russia non piazza missili lungo il confine con il Messico”, questa è la logica. Ma queste richieste russe sono state in gran parte respinte dagli Stati Uniti. Joe Biden e Vladimir Putin ne discuteranno in modo più dettagliato a gennaio.

Detto questo, è interessante come vivere la storia da parte russa. Un recente sondaggio del Levada Center indipendente ha mostrato che metà dei russi incolpa gli Stati Uniti e la NATO per un’escalation militare sull’Ucraina. Il 16% punta il dito contro l’Ucraina, che negli ultimi anni si è armata di missili statunitensi e droni turchi. Solo il 4% crede che la stessa Russia stia versando petrolio sul fuoco. Gli osservatori ritengono che queste opinioni derivino dalla propaganda della televisione di stato russa, che ritrae Putin come “un leader temuto dall’Occidente e impegnato a tenere a bada innumerevoli nemici stranieri”, ha affermato. Politica estera. Il presentatore televisivo russo Dmitry Kiselyov e il portavoce del Cremlino hanno dichiarato: “Se ci punti una pistola alla testa, faremo lo stesso con te. Abbiamo la capacità di farlo”.

Putin non ha voluto escludere la possibilità di un’invasione russa dell’Ucraina durante la sua conferenza stampa. “Stiamo lavorando per difendere i nostri interessi”. Ha detto che la Russia non vuole invadere l’Ucraina. “Il futuro del Donbass deve essere deciso dalle persone che ci vivono”.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24