Un altro colpo per AEX sui timori sui tassi di interesse e sui timori di recessione

La borsa è rimasta in negoziazione sotto l’onda della preoccupazione per i tassi di interesse e i timori di recessione venerdì. Di conseguenza, l’indice AEX ha subito un altro colpo dopo una forte perdita di prezzo il giorno precedente. L’umore negativo è arrivato sulla scia degli aumenti dei tassi di interesse da parte di diverse banche centrali questa settimana. Sperano di fermare questo forte aumento dei prezzi al consumo. Tuttavia, tassi di interesse più elevati aumentano il rischio di una recessione economica globale e rendono le azioni meno attraenti come investimento.

I dati pubblicati dalla ricercatrice di mercato S&P Global sull’attività economica nell’Eurozona hanno mostrato che una recessione nell’Eurozona è imminente. L’economia tedesca in particolare è sotto pressione a causa della crisi energetica. La domanda di beni e servizi in Germania è in forte calo poiché i consumatori e le imprese sono sempre più sotto pressione dal forte aumento dei prezzi dell’energia. Oltre alle preoccupazioni economiche, l’attenzione è puntata sulle elezioni italiane che si terranno domenica.

L’indice di riferimento Beursplein 5 è sceso dell’1,8% a 645,43 punti a mezzogiorno. Il giorno prima, l’AEX era già in calo dell’1,9%. Tutti i 25 forzieri principali erano nella zona rossa. Il genitore delle consegne a domicilio Just Eat Takeaway e Shell Oil and Gas sono stati i maggiori perdenti, in calo del 4%. Il produttore di acciaio ArcelorMittal, l’investitore tecnologico Prosus e l’azienda fintech Adyen hanno perso oltre il 2%.

L’indice Mid Cap ha perso l’1,9% a 874,86 punti. Le borse di Francoforte e Parigi hanno perso fino all’1,3%. L’indice FTSE di Londra è sceso dell’1,6%, dopo che la fiducia dei consumatori britannici è scesa al livello più basso dall’inizio del sondaggio nel 1974. Il cancelliere dello scacchiere britannico Kwasi Quarting ha anche affermato che i piani per aiutare le famiglie e le imprese britanniche spostando l’elevata bolletta energetica costerebbero circa 68 miliardi di euro.

READ  L'Italia è vicina ad accordarsi con l'Unione Europea sulla nuova Alitalia

La borsa di Milano perde l’1,7 per cento. Il partito nazionalista Fratelli d’Italia, Fratelli d’Italia, sembra puntare a una netta vittoria. Giorgia Meloni, leader del Partito radicale, potrebbe diventare la prima donna presidente del Consiglio del Paese. Gli investitori sono particolarmente preoccupati per il suo scetticismo nei confronti dell’Europa e per l’impatto che i suoi piani avranno sull’enorme montagna di debiti dell’Italia.

L’euro è sceso ulteriormente ed è stato valutato a $ 0,9746, rispetto a $ 0,9838 del giorno prima. Anche i prezzi del petrolio sono scesi tra i timori di una recessione. Il prezzo di un barile di petrolio statunitense è sceso del 2,2% a 81,69 dollari. Il costo del petrolio Brent è sceso del 2% a 88,64 dollari al barile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24