Un falso sondaggio risolve il doppio omicidio del 1976

Un americano di 84 anni è stato condannato all’ergastolo per un duplice omicidio nel 1976. La polizia ha ottenuto le prove attraverso una bufala per condannarlo.

Per decenni non è stato chiaro chi fosse il responsabile della morte di due fidanzati ventenni del Wisconsin. Sono stati derubati e uccisi durante un viaggio in campeggio, e la donna è stata anche violentata dall’autore.

Una nuova ricerca sul DNA nel 2018 ha mostrato che il colpevole deve provenire da una famiglia specifica. Gli agenti hanno raccolto il materiale del DNA cercando i rifiuti dei sospetti o raccogliendo la saliva dalle tazze di caffè.

Tuttavia, a malapena uno dei sospetti è uscito e i suoi rifiuti non sono stati raccolti. Quindi gli agenti hanno escogitato un trucco: hanno chiesto a Raymand Vannieuwenhoven di completare un sondaggio sulla soddisfazione della polizia della contea di Okunto. La busta quindi doveva essere chiusa.

ingannare

Sebbene il suo avvocato sostenesse che il DNA era stato ottenuto illegalmente, il giudice ha deciso che le prove potevano essere ammissibili. A causa della “natura corrotta e odiosa” degli omicidi, è stato condannato all’ergastolo.

Vannieuwenhoven ha sostenuto la sua innocenza durante il processo. Secondo sua figlia, il materiale del DNA trovato era solo la prova che aveva ingannato la vittima.

READ  Gli Stati Uniti, il Regno Unito e Israele accusano pubblicamente l'Iran di aver attaccato la petroliera, cosa che Teheran nega

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24