Un festival di arti miste in un remoto villaggio di montagna italiano

Fermata asfalto a Topolò. Le sue strette strade del villaggio di montagna 124 case, per lo più deserte Pavimentato con pietre e massi. Dietro il paese inizia il bosco e finisce l’Italia.

In questo angolo lontano visibile, appare sotto il denominatore Stazione di Topol / Postaja Topolove Un mondo parallelo una volta all’anno, con spettacoli e mostre che non si dovrebbero chiamare mostre, l’Istituto di Topologia, la sua compagnia postale, cinque ambasciate e la Pinacoteca Universale di Topolò, dove ognuno può appendere la propria esposizione di un capolavoro.

Artista Jan van der Ployeg Ricorda bene come si è recato per la prima volta nel paese friulano al confine con la Slovenia nel 1996. „Ho ricevuto indicazioni via fax: Cividale del Friuli, San Pietro al Natisone, Clodig e poi Topolò. Tuttavia, non sono riuscito a trovare il luogo sulla mia mappa.”

Sono ancora riuscito ad arrivarci. Nel parcheggio del villaggio, si chiese cosa avrebbe dovuto fare con le sei targhe colorate nel retro della sua macchina. Dove li appende? “Avrei dovuto saperlo io stesso. Solo da qualche parte là fuori.”

Venticinque anni dopo, Topolò visitò innumerevoli volte e lasciò le sue tracce in vari luoghi. Una pompa dell’acqua e alcune delle pareti interne ed esterne delle case più vecchie sono dipinte con punti di colore distinti o manopole (rettangoli orizzontali con angoli arrotondati). Ora dice del sito: “Un luogo perfetto per l’arte pubblica. Proprio perché lì non te lo aspetteresti”.

“La vedo come una stazione dove persone e idee vanno e vengono e si incontrano”

Sorprende anche che prima e dopo di lui lo stesso percorso sia stato seguito, tra gli altri, dall’artista plastico Ulay, dallo scrittore sloveno Drago Janor, dal regista americano Bill Morrison, dal presentatore televisivo italiano, regista e scrittore Biff. L’artista neozelandese Julian Daschber, il compositore e musicista norvegese Espen Sommer Eddy (Fonovani), il duo olandese Maria Maria e il violinista rumeno Alexandre Balanescu. Hanno fatto tutti il ​​viaggio di vitto e alloggio per l’evento gratuito che l’organizzatore e iniziatore Moreno Morelli, un uomo di 65 anni con i capelli lussureggianti, preferisce non invitare a un festival. “Lo vedo come una stazione in cui persone e idee vanno, vengono e si incontrano”, dice via e-mail, perché la copertura in Topol Slecht è troppo scarsa per un’intervista tramite videochiamata o telefono.

READ  L'Olanda dice che è arrivato il primo gruppo di afgani

senza troppa arroganza

Tutto ebbe inizio nel settembre 1993. Miorelli era alla ricerca di un luogo magico, appartato, con una storia sconosciuta, che potesse ispirare gli “artisti senza grandi ego” che incontrava nei suoi viaggi. Un amico gli ha mostrato la strada per Topolo.

A quel tempo il paese di montagna, situato a 580 metri di altitudine, contava 52 abitanti, per lo più anziani. Un tempo c’erano quasi 400 persone, ma dopo che il confine con la Jugoslavia divenne parte della cortina di ferro nel 1947, la maggior parte di loro se ne andò.

I primi residenti che Morelli incontrò furono subito entusiasti dei suoi piani. “Solo pochi, però, contro tutto ciò che era nuovo e lontano dal resto del villaggio, hanno resistito”.

Il festival è stato anche deliberatamente intitolato a uno sloveno. “La minoranza di lingua slovena qui in Italia è stata abusata sotto Mussolini e dopo la seconda guerra mondiale”. Morelli racconta che ex agenti dell’organizzazione clandestina anticomunista Gladio hanno cercato di frustrare Stazioni con minacce e calunnie. Tuttavia, nel 1994, con un corteo su un’antica rotta di contrabbando, è stato ripristinato il collegamento con la Slovenia, che da allora è diventata indipendente.

“Il programma di Stazione non riguarda solo le arti, ma anche discussioni e conversazioni su scienza e questioni sociali”, afferma Miurilli. Quest’anno, ad esempio, Biff parlerà del suo libro Mafia, il cui ricavato andrà a due sorelle palermitane che hanno resistito e combattono tutt’ora la mafia.

Divina Commedia

Proprio come le precedenti ventisette edizioni, quest’anno una varietà di arte visiva, cinema, videoarte, musica classica, jazz, musica popolare, sound art, prosa e poesia sarà in programma per sedici giorni nelle strade, nelle case e perimetri del villaggio. La prima sera, il muro è stato ridipinto di bianco extra in modo che entro le dieci, quando si fosse fatto buio, potesse servire da schermo per quattro cortometraggi. Bill Morrison Fatto in casa durante il lockdown. Nella foresta vengono serviti tre turni mattutini in diverse lingue di tutti e il Paradiso di Dante Divina Commedia Leggi ad alta voce (l’Italia festeggia i 700 anni di Dante). video continuo divertimento rock Mostra cosa c’è sotto Titta Raccagni e Barbara Stimoli porno capire. ceco Veronica Vitazkova Lascia che il mondo trasmetta tutti i tipi di salmi. La “house band” di Tambours de Topolò provocherà il pubblico in piazza a ballare sfrenatamente con i suoi ritmi percussivi su tamburi ad olio, supportati da batteria e basso. E l’ultimo giorno, Tymon Hogenelst e Jesse van der Ploeg hanno presentato il camion Studio selvaggio Progetta una residenza permanente per gli artisti, che possa aiutare a dare un futuro a Topolò.

READ  lo vedi? Artista vende "opera d'arte invisibile" per 15.000 euro

Due anni fa, lo Studio Wild ha realizzato un’installazione quasi simbolica sulla scomparsa del villaggio con gli studenti di architettura di Lubiana, racconta van der Ploeg, che è venuto con suo padre dall’età di 10 anni. “Nel torrente sotto il villaggio, abbiamo messo 124 blocchi di fango fluviale, cioè il numero di case. Si sono erose più velocemente di quanto ci aspettassimo”.

Morelli pensa che il festival sovvenzionato non durerà per sempre. “Topolò alla fine significa più Stazione che viceversa, sicuramente ci sarà sempre. Nel 2017 c’erano solo tredici anime e ora qui vivono cinque pecore, tre cani, due gatti, sei pollame, un gallo e 29 persone. Un bambino è nato tre mesi fa e lui è il primo in più di 50 anni”.

Stazione di Topol / Postaja Topolove Dal 2 al 18 luglio a Tobol 2, Italia. interno: stazioneditopolo.it


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24