Un nuovo inizio per l’Australia sotto un carismatico nuovo leader sindacale

Anthony Albanese diventa il nuovo Primo Ministro dell’Australia. “L’Australia ha scelto il cambiamento”, ha detto il leader laburista durante il suo discorso di vittoria.

Sebbene non tutti i voti siano stati ancora conteggiati, l’Australia è sicura di intraprendere un percorso meno conservatore sotto la sua guida, in particolare sul fronte climatico.

Dopo più di nove anni, l’era della coalizione di governo conservatrice australiana è finita. Il primo ministro Scott Morrison ha ammesso la sua perdita e ha annunciato le sue dimissioni da leader del Partito Liberale.

“Mia madre sognava una vita migliore per me”, ha detto un emozionato albanese alla folla esultante la notte delle elezioni. “Così tanto dice sul nostro paese che il figlio di una madre single che viveva di sussidi, cresciuta in alloggi sociali, è qui stasera come Primo Ministro dell’Australia”.

Abbastanza invisibile

All’inizio della campagna elettorale, una critica al leader laburista, 59 anni, era di non essere sufficientemente visibile. Pochissimi australiani sanno chi è. Ma l’albanese, che di solito viene chiamato “Albu”, si è rivelato un leader carismatico con una bella storia.

Su uno dei temi più delicati degli ultimi anni, la politica climatica, Al-Albani è stato costretto ad adottare una politica più progressista. Questo ha tutto a che fare con il fatto che queste sono diventate “elezioni climatiche”. Mentre i partiti laburisti esistenti e la coalizione liberale-nazionale non parlavano molto del clima, il Partito dei Verdi e i candidati indipendenti ne facevano una priorità. Con successo: dopo diverse catastrofi climatiche, gli australiani sono pronti per un governo che prenda sul serio il cambiamento climatico.

READ  Clear Bagnaia vince la sua seconda MotoGP consecutiva a Misano per Quartaró

Il cambiamento climatico ha causato per anni un dibattito altamente polarizzato in Australia. In passato, l’attenzione al clima spesso assicurava perdite elettorali. Ma dopo i massicci incendi, siccità e inondazioni negli ultimi anni, la marea sembra essere cambiata. In effetti, gli australiani in un recente sondaggio hanno riscontrato che il cambiamento climatico è il problema numero uno in queste elezioni.

nuove miniere di carbone

Sebbene i laburisti siano favorevoli a una politica climatica più ambiziosa rispetto all’attuale governo conservatore, Albany ha anche affermato di non essere contrario all’apertura di nuove miniere di carbone. Questa posizione diventerà senza dubbio un punto di discussione quando dovrà sedersi con i Verdi e i candidati indipendenti per formare un nuovo governo. Il suo discorso di vittoria mostra che Al-Albani lo capiva. “Insieme possiamo porre fine al dibattito polarizzante sul clima”, ha affermato.

La campagna ha messo in luce l’infanzia di Al-Albani in un quartiere operaio di Sydney con la madre single, Marianne. Aveva un rapporto speciale con sua madre. È classico stracci per ricchezze-storia. Vivono di sovvenzioni negli alloggi sociali. Sua madre aveva una grave artrite che rendeva quasi impossibile usare le mani. “Anche aprire la lattina era quasi impossibile”, ricorda l’amico d’infanzia Alex Bocarica. “Era regolarmente in ospedale, con la maggior parte delle articolazioni delle mani sostituite con protesi. Doveva avere un dolore lancinante, ma non si lamentava. Marianne era sempre calda e accogliente. Era una persona che incontrava Albani quando loro erano studenti”, ha detto Bocarica in una nota, vedendo solo il meglio negli altri. Articolo di opinione in Sydney Morning Herald

Ciò significava che l’albanese in giovane età si assumeva la maggior parte delle faccende domestiche e doveva assicurarsi che l’affitto fosse pagato. È stato il primo della sua famiglia a finire il liceo e ad andare al college. Mentre studiava economia, guidò una fazione di sinistra del Movimento dei Giovani Lavoratori, che aveva legami con il Partito Comunista. Da allora, ha abbandonato il piumaggio dell’attivatore ed è diventato più temperato. “Spero che la mia storia di vita ispiri gli australiani a raggiungere le stelle”, ha detto Al-Albani della sua vittoria.

READ  I mercati azionari iniziano il nuovo anno con ottimismo

l’Australia moderna

Il suo background italiano attrae molti elettori. Circa un milione di australiani sono di origine italiana. “La comunità italiana mi ha detto che voteranno per la prima volta nella loro vita per i laburisti perché vogliono un governo che rifletta l’Australia moderna”, ha detto al quotidiano albanese. Sydney Morning Herald

È cresciuto credendo che suo padre italiano fosse morto in un incidente d’auto prima della sua nascita. Sua madre gli disse che suo padre era morto perché lei non era sposata e, da giovane cattolica, non voleva ledere l’onore della famiglia. Più tardi nella sua vita, scopre che suo padre Carlos è ancora vivo e vive in Italia. In segno di rispetto per sua madre, Al-Albani ha aspettato fino alla sua morte prima di cercare di rintracciare suo padre. Quando suo figlio Nathan aveva due anni e chiese di suo nonno, Al-Albani decise di cercarlo. All’età di 46 anni incontra per la prima volta Carlos Albanese. Fu accolto dal fratellastro e dalla sorellastra.

Con Albany, l’Australia ha ottenuto un politico esperto come primo ministro. È stato in tournée in Parlamento a Canberra dal 1996. Durante le elezioni ha detto: “Sono uscito dal grembo materno con tre religioni principali: laburista, Chiesa cattolica e South Sydney Rabbit’s Rugby Club”.

Deve la sua reputazione all’interno del partito alla sua capacità di negoziare con tutti. Questa qualità è ora molto necessaria, perché il Partito Laburista formerà probabilmente un governo di minoranza. Ciò richiede il sostegno del Partito dei Verdi e dei candidati indipendenti.

strappato

Perché anche il Partito dei Verdi e molti candidati indipendenti hanno ottenuto guadagni significativi. Gli analisti affermano che il tradizionale sistema politico australiano è stato capovolto. Invece che la maggioranza dei voti va ai partiti maggiori, il panorama politico è ora più frammentato.

READ  La Formula 1 dice addio a tante persone e aziende

Potrebbero essere necessarie altre due settimane prima che il risultato finale sia noto. Non tutti i voti per corrispondenza sono stati ancora contati e questo numero è storicamente alto. Circa tre milioni di australiani hanno votato per posta. Alle ultime elezioni sono stati solo 1,5 milioni.

Leggi anche: L’Australia sta vivendo una siccità, ma molti politici preferiscono non parlare di cambiamento climatico

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24