Un nuovo trattamento prevede quale bambino con autismo trarrà beneficio dai farmaci

Gli scienziati dell’UMC di Amsterdam possono prevedere quale bambino con autismo trarrebbe beneficio dal farmaco. Lo fanno sulla base di video clip del cervello (elettroencefalogrammi) e un metodo di calcolo che mappa l’elaborazione dello stimolo nel cervello.

È un passo importante, afferma il ricercatore e psichiatra infantile Helgo Bruening. I bambini ora ricevono farmaci in base alla loro diagnosi. Questo accade quando il loro comportamento a casa oa scuola porta a grossi problemi. “Ma farmaci come il Ritalin o gli antipsicotici sopprimono solo il comportamento. Non trattano la causa nel cervello e causano effetti collaterali che a volte sono peggiori della malattia”.

Secondo Bruining, è importante un approccio più mirato. La sua ricerca mostra che alcuni dei bambini autistici che ha studiato avevano concentrazioni molto elevate di cloro nel cervello. Interrompe il modo in cui gli stimoli vengono inseriti ed elaborati. Ha dato ai suoi pazienti un diuretico esistente sicuro che idrata il contenuto di cloro. Per questi bambini, questa pillola a volte ha fatto un’enorme differenza nel loro comportamento e capacità di apprendimento.

Ad esempio, un finlandese di 14 anni potrebbe improvvisamente fare cose con questa pillola che era sempre stata troppo per lui prima. Finn ora può sedersi a tavola con tutta la famiglia, giocare con gli amici e andare a scuola tutti i giorni. Era così infastidito dal rumore a causa di ciò, divenne così esausto e lo spense. Non più.

Un finlandese di 14 anni può improvvisamente fare cose che prima erano sempre troppo per lui

READ  "Sappiamo meglio cosa farà il tumore".

“Le pillole d’acqua non sono sicuramente una soluzione per ogni bambino autistico”, sono emerse sfumature. “Ma il modo in cui ci stiamo lavorando rimuove il gruppo di bambini che ne beneficiano”. È anche possibile un’applicazione più ampia. Come nei bambini con ADHD, epilessia e dislessia, il cervello non elabora correttamente gli stimoli allo stesso modo.

Si parla ancora ritocchi Nello studio, ma i primi risultati positivi sono stati: la pillola dell’acqua, il bumetanide, sembra funzionare dal dieci al venti percento dei bambini. Bruining: “È davvero la prima volta che possiamo fornire prove basate su video del cervello che un farmaco ha effettivamente un effetto sulla stimolazione e sull’elaborazione delle informazioni nel cervello”.

trattamento migliore

I bambini nello studio non sono stati curati dall’autismo prendendo pillole d’acqua. “Ma potrebbe garantire che possano rispondere di nuovo in modo flessibile al mondo esterno”, afferma Bruining, che prevede che ci siano più farmaci là fuori che potrebbero avere un effetto positivo sul cervello dei giovani con disabilità dello sviluppo o sovrastimolazione.

Oltre a un diuretico, ci sono alcune dozzine di altri farmaci che colpiscono il cervello in un modo o nell’altro. “La domanda è sempre: qualsiasi bambino con una condizione per un motivo particolare trarrebbe beneficio da qualsiasi farmaco”.

Il ricercatore si aspetta che il suo approccio mirato venga lanciato nella psichiatria infantile. “Di conseguenza, i bambini riceveranno in futuro un trattamento migliore e più personalizzato, con meno effetti collaterali”. In futuro, il trattamento non riguarderà tanto la denominazione o la diagnosi, ma piuttosto il modo in cui le informazioni in ogni bambino rimangono bloccate nel cervello.

READ  Gli esperti chiedono il riciclaggio obbligatorio delle terre rare, temendo la sua carenza | Scienza e pianeta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24