Un putiferio in Italia: tre giocatori chiave di Napoli-Juventus sono stati effettivamente messi in quarantena

Il calcio italiano è di nuovo in fermento. E dopo la partita tra Juventus e Napoli di giovedì sera, è stato annunciato che tre giocatori principali ospiti avrebbero dovuto essere messi in quarantena, in modo che non potessero giocare.

Già prima dell’inizio della partita tra le due potenze italiane, sia gli enti locali di Torino che quelli di Napoli hanno annunciato che quella sera non era consentito a tre giocatori del Napoli giocare. Questi sono Amir Rahmani, Stanislav Lobotka e Pyotr Zelensky. Sono entrati in contatto con persone che sono risultate positive e hanno dovuto mettere in quarantena.

Tuttavia, il Napoli non è d’accordo con questa decisione. In Italia, dal 30 dicembre, si applica un “nuovo” protocollo quando si entra in contatto con persone risultate positive. Inoltre, le persone che non hanno ricevuto un terzo colpo dovrebbero essere immediatamente isolate. Prima non era obbligatorio, ma puoi comunque andare a lavorare se puoi presentare un test negativo, che non ha più di 48 ore.

Secondo un legale del Napoli, però, la nuova quarantena non vale per i calciatori professionisti. Secondo loro, sono ancora in vigore le vecchie procedure, che consentono loro di guidare per andare al lavoro e quindi allenarsi e giocare nel club. Inoltre, il trio non è riuscito a ottenere un terzo colpo, perché il secondo non è stato posato abbastanza a lungo. Lo hanno riferito vari media italiani.

Ma né la Federcalcio né il governo vogliono fermarsi qui. Il calcio italiano sta attualmente soffrendo l’ondata di Corona – più di 100 giocatori e personale sono risultati positivi al virus la scorsa settimana – e il 12 gennaio si terrà un incontro per affrontare i problemi. Il fatto che tre giocatori e un club si asciughino i piedi durante il procedimento non è una buona pubblicità. Il Napoli potrebbe già temere il peperone.

READ  Tsunoda prospera in Italia, impara in fabbrica e cambia rotta: "Sentirsi bene dopo Baku"

Il Napoli alla fine si è fermato con un pareggio per 1-1. Le reti sono di Dries Mertens e Federico Chiesa. Il Napoli resta così al terzo posto. Oude Dame si trova in due posti più bassi.

Già prima dell’inizio della partita tra le due potenze italiane, sia gli enti locali di Torino che quelli di Napoli hanno annunciato che quella sera non era consentito a tre giocatori del Napoli giocare. Questi sono Amir Rahmani, Stanislav Lobotka e Pyotr Zelensky. Sono entrati in contatto con persone che sono risultate positive e hanno dovuto mettere in quarantena. Tuttavia, il Napoli non è d’accordo con questa decisione. In Italia, dal 30 dicembre, si applica un “nuovo” protocollo quando si entra in contatto con persone risultate positive. Inoltre, le persone che non hanno ricevuto un terzo colpo dovrebbero essere immediatamente isolate. Prima non era obbligatorio, ma puoi comunque andare al lavoro se puoi presentare un test negativo, che non ha più di 48 ore, ma secondo l’avvocato del Napoli la nuova quarantena non vale per i calciatori professionisti. Secondo loro, sono ancora in vigore le vecchie procedure, che consentono loro di guidare per andare al lavoro e quindi allenarsi e giocare nel club. Inoltre, il trio non è riuscito a ottenere un terzo colpo, perché il secondo non è stato posato abbastanza a lungo. Lo hanno riportato diversi media italiani, ma sia la FA che il governo non vogliono fermarsi qui. Il calcio italiano sta attualmente soffrendo l’ondata di Corona – più di 100 giocatori e personale sono risultati positivi al virus la scorsa settimana – e il 12 gennaio si terrà un incontro per affrontare i problemi. Il fatto che tre giocatori e un club si asciughino i piedi durante il procedimento non è una buona pubblicità. Il Napoli potrebbe già temere una multa al peperoncino e alla fine il Napoli è stato bloccato con un pareggio per 1-1. Le reti sono di Dries Mertens e Federico Chiesa. Il Napoli resta così al terzo posto. Oude Dame si trova in due posti più bassi.

READ  I ciclisti su pista guidano Terpstra e Havik nell'ultimo dei sei giorni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24