Un tribunale britannico ha affermato che chiamare un uomo calvo sul posto di lavoro è una molestia sessuale

Etichettare un uomo calvo sul posto di lavoro potrebbe essere considerato una molestia sessuale. Lo ha deciso un tribunale britannico. Secondo i giudici, gli uomini hanno maggiori probabilità di soffrire di caduta dei capelli rispetto alle donne, il che lo rende un’indicazione del loro genere e quindi una forma di discriminazione e molestia sessuale. “Può essere paragonato a un commento sulle dimensioni del seno di una donna”.

L’elettricista britannico Tony Finn ha contestato il suo licenziamento. Il finlandese ha avuto un’accesa discussione con il suo capo Jimmy King nel luglio 2019. Quest’ultimo aveva una “cazza calva” (‘cagna pelataLo hanno anche minacciato. Poi Finn scrisse una lettera arrabbiata al suo capo. Lanciato nel maggio 2021. L’elettricista lavora per il West Yorkshire da 24 anni.

Secondo la corte, l’insulto è stato “un assalto alla dignità del finlandese e la creazione di un ambiente intimidatorio per lui”. “Ha accennato al sesso dell’attore”, ha detto. Per questo motivo, può essere equiparato a molestie sessuali.

attacco personale

Secondo la corte, il problema non era il linguaggio volgare, poiché questo “linguaggio industriale” è più comune sul posto di lavoro. D’altra parte, si dice che King sia andato troppo oltre criticando l’aspetto del suo dipendente. Inoltre, secondo la corte, il licenziamento di Finn era del tutto ingiustificato.

La separazione dell’elettrodo non sarà annullata, ma l’uomo ha diritto al risarcimento. L’importo esatto di tale importo non è ancora noto.

Guarda i video delle notizie più visti nella playlist qui sotto:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24