Un uomo con il cuore di maiale è morto per un virus suino: un esperimento di apprendimento

Questa è stata la prima volta soprattutto quando il 57enne David Bennett è diventato il primo essere umano a ricevere il cuore di un maiale a gennaio dopo un intervento chirurgico di otto ore all’ospedale dell’Università del Maryland a Baltimora, negli Stati Uniti.

Bennett era gravemente malato, troppo malato per poter donare un organo. Ha approvato una donazione sperimentale fatta dal chirurgo Bartley Griffith. L’operazione ebbe successo, ma Bennett morì due mesi dopo.

Ora sembra che il virus suino fosse presente nel cuore del donatore. È correlato al citomegalovirus suino (CMV), un tipo di virus dell’herpes. Il chirurgo Griffith afferma che il virus potrebbe aver avuto un ruolo nella morte dell’uomo.

Ian Elwyn, professore di chirurgia dei trapianti alla LUMC, trova straordinario che questo virus fosse presente nel cuore. “I maiali usati per i trapianti sono in fase di screening, soprattutto per questo particolare virus. Dovresti essere in grado di trovarlo, quindi sono sorpreso che non sia stato catturato prima”.

niente droghe

CMV si verifica anche negli esseri umani, ma questa è una specie diversa rispetto ai maiali. Alwyn spiega che gli esseri umani non sono resistenti alla varietà di maiale e non ci sono farmaci per loro.

Inoltre, ai pazienti che ricevono un organo donato vengono somministrati farmaci per sopprimere il loro sistema immunitario. Ciò impedisce che il membro venga rifiutato. “Di conseguenza, questi pazienti sono altamente suscettibili alle infezioni”, afferma Alwayn.

“In questo caso, l’infezione non poteva essere curata e il paziente non era resistente ad essa. Quindi è più probabile che il virus abbia contribuito alla sua morte. Avrebbe potuto essere prevenuto”, ha aggiunto.

READ  Nove affascinanti fatti scientifici sulla cena di Natale

Non solo i suini utilizzati in questi tipi di trapianti sono ampiamente sottoposti a screening, ma vengono anche allevati in condizioni speciali, come un ambiente privo di germi, in modo specifico per prevenire l’impianto di virus animali.

Al-Owain: “Sembra che qualcosa sia andato storto. Questo non significa che fosse anche un pericolo per l’ambiente, perché le persone non possono trasmettere un virus del genere, ma è fastidioso per la persona infetta”.

Non l’ultimo tentativo

Tuttavia, Alwayn non pensa che Bennett sarà l’ultimo paziente a ricevere un trapianto di cuore di maiale. “Questo esperimento è molto istruttivo e sottolinea ancora una volta l’importanza di maneggiare questi organi con molta attenzione e di testare a fondo questi tipi di virus”.

“Non dimenticare: questo ragazzo è molto malato e da due mesi lavora con il cuore di un maiale. Questo è molto speciale”, dice il professore. “Il cuore è stato geneticamente modificato in dieci punti, tra le altre cose, per prevenire il rigetto. Sembra che abbia funzionato. Se riesci a prevenire un’infezione come questa, il cuore di un donatore umano di un maiale può vivere a lungo”.

Speriamo in un’alternativa adeguata

Secondo Alwayn, la morte di Bennett non è un “ostacolo” alla ricerca sugli organi dei donatori di animali. “È difficile prevedere quanto velocemente e con quale frequenza si verificherà un tale processo, ma sarà sicuramente considerato ulteriormente. Negli Stati Uniti, ma anche in Germania, hanno già fatto molta strada con questo tipo di ricerca”.

“Possiamo imparare di più da questo. Ci auguriamo che gli organi di maiale offrano presto un’alternativa per i pazienti che altrimenti morirebbero mentre si trovano nella lista d’attesa di un donatore di organi”.

READ  I ragazzi ora possono anche essere vaccinati contro l'HPV

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24