Una nuova prospettiva sulla storia e le relazioni africane in Giappone · Global Voices in olandese

Durante l'evento culturale si tiene una sfilata di kimono nippo-africana

Una sfilata di moda kimono nippo-africana si è svolta durante l’evento culturale “Japan Africa Night” (Japanese Africa Night), che ha celebrato il decimo anniversario del Japan Trust Fund for Africa and the Least Developed Countries. Copyright: OMPI. Foto: Violino Martin. Questo lavoro è concesso in licenza sotto Organizzazione non commerciale Creative Commons 3.0 Organizzazione intergovernativa (IGO).

La nuova serie NetflixYasuki [en]Ha attirato l’attenzione del pubblico sulla storia dei samurai africani e sulla storia degli africani in Giappone in generale.

a partire dal yasuke eco [en] Era un africano che arrivò in Giappone nel XVI secolo come guardia del corpo di un inviato gesuita. Dopo di lui nel 1579 Oda Nobunaga [en], il sovrano de facto del Giappone, Yasuki fu invitato a servire il signore della guerra come soldato, o samurai. Durante i tre anni in cui combatté al fianco di Nobunaga fino all’improvvisa sconfitta del leader nel 1582, Yasuke fu personalmente testimone del conflitto e della violenza del periodo degli “Stati Combattenti” del Giappone. Dopo la morte di Nobunaga, Yasuke si ritrovò nel campo perdente della lotta in corso per il controllo della terra, e di fatto scomparve dalla storia.

Sia la serie che i due film di Hollywood in uscita, Yasuki” [en] (Annunciato da Lionsgate nel 2017) e film d’azione dal vivo [en] L’omonimo (annunciato da MGM nel 2019), ha suscitato interesse per la storia del combattente e con esso la storia dimenticata di 500 anni degli africani in Giappone. Questa visione del primo samurai africano ha suscitato importanti dibattiti sulla sua origine e sulle esperienze della diaspora africana nel Giappone contemporaneo.

L’origine di Yasuke e la storia degli africani in Giappone

La storia di Yasuki [en] Mette in evidenza l’esperienza degli africani che vivevano in Giappone, durante il XVI secolo e oltre. La vita di Yasuke nell’era post-Nobunaga è ancora avvolta nel mistero. A causa delle scarse e contrastanti testimonianze degli storici, molti credevano fino a poco tempo fa che la storia fosse solo folklore.

READ  La polizia italiana arresta i leader del partito di estrema destra dopo le proteste di Corona

Tuttavia, questo è cambiato con la pubblicazione del libro di Thomas Lockley e Jeffrey Gerrard del 2019″Yasuki: un guerriero africano in Giappone [en]” (“Yasuki: un guerriero africano in Giappone”). Questo descrive la dinastia Yasuki, il suo incontro con il signore della guerra feudale Nobunaga, la sua nomina a samurai, la sua battaglia finale e il suo impatto a lungo termine sulla società moderna. Il duo ha trascorso nove anni a ricercare e scrivere questo libro.

Mettendo insieme prove storiche, gli autori sono stati in grado di localizzare l’arrivo di Yasuki a Nagasaki da Macao, in India, il 21 maggio 1579, come guardia del corpo di un missionario gesuita italiano. Alessandro Valignano. Valignano era il capo degli inviati gesuiti, inviati dalla Chiesa cattolica romana in Asia per monitorare tutte le missioni tra Mozambico e Giappone. Quando arrivarono, il Giappone era in guerra da quasi 100 anni.

scienza moderna Guida [en] Porta Lockley, Kintaro [en] Sopra Storia extra [en] Si suggerisce che molto probabilmente provenga da Dinka FolkÈ nato vicino al Nilo in Sud Sudan.

Non è chiaro se sia stato ridotto in schiavitù da bambino, ma secondo Lockley, 11 milioni di africani sono stati venduti in aree più vicine all’Oceano Indiano entro il 20esimo secolo. Tuttavia, i testi storici sulla tratta degli schiavi indicano che c’erano centinaia di migliaia di africani non schiavi e non trafficanti che facevano lo stesso viaggio sulle proprie navi. Si dedicavano al commercio o alla diplomazia per i governanti africani, sebbene altri fossero mercenari che si guadagnavano da vivere con la pirateria.

Vivere come un africano in Giappone

Durante lezione virtuale [en] Durante il suo libro, ospitato dal Museo dell’Aga Khan a febbraio, Lockley ha notato che la storia di Yasuke fa parte della storia giapponese e della storia di tutti gli africani in Giappone. Dopo la loro perdita nella seconda guerra mondiale, il Giappone si è trasformato economicamente. Dice che questo ha contribuito a creare una comunità più diversificata in qualche modo:

Gli ultimi 20 anni hanno visto una società rapidamente più diversificata a causa dell’aumento dei residenti stranieri (immigrati), Oltre a un massiccio aumento della forza lavoro straniera visibile.

Negli ultimi 20 anni, la società è diventata rapidamente più diversificata a causa dell’aumento del numero di residenti stranieri (immigrati), nonché del massiccio aumento dei dipendenti stranieri visibili.

nonostante appartiene a [en] Gli africani rappresentano attualmente solo lo 0,01% della popolazione totale in Giappone. Mentre il numero di residenti e lavoratori non giapponesi nel paese ha superato per la prima volta la soglia del milione nel 2016, il numero di africani rimane basso.

READ  George Bennett: "I 5 migliori giroscopi realistici"

Grazie a programmi come la Young African Business Education Initiative (ABE Initiative) e la Japan Africa Dream Scholarship (JADS Scholarship), la maggior parte degli immigrati africani nel paese riceve una borsa di studio. Questo fa parte di strategia [en] Invitare 3.000 studenti africani entro il 2026 a studiare nelle università giapponesi e partecipare a corsi di formazione con aziende giapponesi.

Dott. Harriet Osharu, nata in Kenya, ora lavora in Giappone come ricercatrice presso l’Hitachi Central Research Laboratory di Tokyo. Nel 2014, Osharu ha ricevuto questa borsa di studio, che le ha permesso di perseguire un dottorato di ricerca in Informatica in Giappone. Da allora ha vissuto in Giappone, prima come studentessa e ora come madre single che lavora.

Ocharo, conosciuto in linea come Savvy Kenya [en], lui è blogger prolifico [en] E uno dei più grandi pionieri del Kenya.

Dice che, come africana che vive in Giappone, ha subito uno shock culturale quando è immigrata per la prima volta:

Non sono mai uscito dall’Africa. Quando sono andato in Giappone, sono rimasto molto scioccato da quanto tutto fosse diverso. Tuttavia, sono andato lì con una mente molto aperta.

Non sono mai uscito dall’Africa. Una volta arrivato in Giappone, sono rimasto scioccato da quanto tutto fosse diverso. Ma ancora, sono venuto qui con una mente molto aperta.

Tuttavia, una delle maggiori sfide del trasferirsi in Giappone è imparare e adattarsi alla cultura, comprese le regole scritte e non scritte su come le persone interagiscono tra loro. Come spiega a Global Voices, “In Giappone ci sono regole che governano ogni aspetto della vita, compreso il modo in cui parli con gli altri”. Per Yasuki, Osharu considera importante vedere la rappresentazione della diaspora africana in Giappone:

Conoscevo Yasuke, un samurai africano, prima della serie Netflix. L’ho trovato su Twitter tramite le persone che seguo. Le comunità online e offline di africani in Giappone ne erano già a conoscenza, come appariva in alcuni media e in alcuni fumetti.

Conoscevo Yasuke, un samurai africano, prima della serie Netflix. L’ho scoperto su Twitter attraverso le persone che seguo. È già conosciuto dalle comunità africane online e offline in Giappone, poiché è apparso molte volte nei media e in alcuni fumetti.

Spera che lo spettacolo influenzi il modo in cui gli africani sono visti e rappresentati in Giappone, allontanandosi dallo stereotipo secondo cui tutti i neri sono afroamericani. Non vedo l’ora di vedere la serie di Yasuke:

con anime [there are] Alcuni personaggi neri. Lui lei [feels] È bello avere una qualche forma di recitazione. Ora, con l’uscita della serie Netflix, quando incontro persone e menziono Yasuke, avranno il riferimento. È una buona cosa per noi africani non essere limitati a ruoli stereotipati.

negli anime [zijn er] Alcuni personaggi neri. Lui lei [voelt] È bello avere una qualche forma di recitazione. Con la serie Netflix ora rilasciata, le persone avranno il riferimento quando li incontrerò e citerò Yasuke. È una buona cosa per noi africani che non siamo solo stereotipi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24