Una pubblicità contro lo stato dell’arte e le regole e le disposizioni per il lavoro forzato, Bijenkorf nelle mani della Thailandia e circa il 60 per cento degli olandesi compra cose di seconda mano

L’organizzazione tedesca per i diritti umani ECCHR ha presentato una denuncia contro lo Stato dell’arte e C&A per lavoro forzato, Bijenkorf è nelle mani della Thailandia e circa il 60 percento degli olandesi acquista regolarmente. Puoi leggere questo e altro nella nostra panoramica delle notizie del 2 dicembre.

Foto: de Bejenkorf

Quasi il 60% degli olandesi acquista regolarmente beni di seconda mano

Il 57 percento degli olandesi acquista regolarmente prodotti di seconda mano. Il 65% degli intervistati lo fa per ragioni economiche e il 59% gioca un ruolo anche sull’aspetto ambientale. Lo dimostra uno studio internazionale condotto dalla società di e-commerce Veepee, secondo un comunicato stampa. Gli olandesi sono più propensi ad acquistare di seconda mano rispetto ad altri europei. La media europea è del 40%. Le categorie di prodotti più utilizzate nel nostro Paese sono mobili e decorazioni (68%), abbigliamento (64%), accessori (35%) e gioielli (12%). Nei Paesi Bassi, Vinted (22% che naviga in Internet), Zalando (20%), Facebook Marketplace (20%) ed Ebay (11%) sono i mercati dell’usato più popolari.

Alveare in mani thailandesi

De Bijenkorf è stata acquisita da Thai Central Group. Un insider lo ha confermato a Bloomberg News dopo le notizie dei media britannici BNR. L’operazione deve essere completata entro la fine dell’anno. La famiglia del miliardario canadese Weston – proprietario dal 2003 – voleva da tempo abbandonare l’attività di vendita al dettaglio e si dice che abbia stretto un accordo con Thai Central Group.

Oltre ai sette negozi Bijenkorf nei Paesi Bassi, Selfridges ha i suoi grandi magazzini di marca e diverse catene di negozi in Irlanda e Canada. Ci sono ora 25 negozi in totale sotto l’egida dello stesso gruppo che possiede già il famoso grande magazzino berlinese KaDeWe. I thailandesi possiedono anche la catena di supermercati italiana Rinascente. Selfridges e Central Group non hanno ancora confermato la notizia. L’accordo potrebbe essere annunciato ufficialmente a fine mese.

READ  È probabile che l'AEX inizi leggermente al ribasso nel breve capodanno

Denuncia di Stato e arti C & A al lavoro forzato

Martedì, l’organizzazione tedesca per i diritti umani ECCHR ha presentato una denuncia contro C&A e State of Art, tra le altre cose, perché gli abiti sarebbero stati realizzati in parte da uiguri sotto costrizione. che riporta Consiglio norvegese per i rifugiati. Segnalate anche Nike e Patagonia. Dal momento che questi produttori di abbigliamento (potrebbero) sapere che i loro vestiti sono stati realizzati da uiguri, l’ECCHR ha presentato una denuncia contro di loro per complicità in schiavitù e sfruttamento presso l’ufficio del procuratore di carriera ad Amsterdam. L’ufficio del pubblico ministero olandese può citarli in giudizio perché si trovano nei Paesi Bassi o hanno una sede regionale qui. Molti uiguri sono costretti a lavorare nei campi di cotone nello Xinjiang. È difficile per le aziende di abbigliamento globali evitare il cotone dello Xinjiang: circa il 20% della produzione mondiale proviene da lì. Inoltre, le filiere produttive dell’industria dell’abbigliamento sono affollate a causa dei numerosi intermediari e passaggi di produzione.

C&A ha affermato nella sua risposta che la società non acquista abbigliamento, tessuti o fili dai produttori dello Xinjiang. Ma non è questo, secondo l’ECCHR, il problema. L’organizzazione apprende sulla base di informazioni pubbliche che il produttore di abbigliamento indonesiano Wintai Garment, che fornisce calze a C&A, acquista grandi quantità di fili di cotone da un’azienda interessata. Un portavoce della Patagonia ha detto a NRC che la società non acquista più cotone dalla Cina, compreso lo Xinjiang. Anche la NRC ha richiesto una risposta da Nike, ma non ha ricevuto risposta. State of Art Textilia ha riferito in una risposta scritta di non aver ancora ricevuto una copia dell’annuncio, ma è stato sorpreso da un annuncio contro l’azienda. “Quindi è impossibile per noi rispondere obiettivamente in questo momento. Dopo aver ricevuto la dichiarazione e aver potuto studiarla, possiamo determinare la nostra posizione. Solo allora valuteremo se sono necessarie azioni e comunicazioni su questo e quali azioni e comunicazione sono.”

READ  La Formula 1 dice addio a tante persone e aziende

Il “più trasparente” di Malik Zeman e Crodvat

Zeeman e AS Watson sono i più trasparenti sulle attività di CSR nel settore della vendita al dettaglio olandese. Lo dimostra lo standard di trasparenza emanato ogni due anni dal Ministero dell’Economia e del Clima, dove tendenze al dettaglio scrivere su di esso. Sulla base di criteri come “Strategia e visione”, “Politica e obiettivi” e “Risultati”, Malik Zeeman e Crudvat A.S. Watson hanno ottenuto ciascuno il 69%. Seguono Grandvision, Jumbo e HEMA rispettivamente con il 67, 66 e 64 percento. Il settore della vendita al dettaglio nel suo complesso ha segnato una media del 51,4 percento, un aumento significativo rispetto al 38,6 del 2019. Questo colloca il settore tra i primi tre in termini di punteggi medi relativi. Il numero di aziende che guadagnano zero punti non è cambiato in circa due anni. al 67,4 per cento, che è al di sopra della media. Nonostante il punteggio medio elevato, nessun rivenditore si trova in cima alla classifica generale. Il gruppo di elettronica Philips ha ottenuto i migliori risultati con l’89,5% e ha vinto il corrispondente premio di cristallo. Altre società nella top 20 includono ABN Amro, Unilever e KPN.

L’economia olandese dovrebbe crescere del 3,6% nel 2022

L’economia olandese dovrebbe crescere del 3,6% nel 2022, dopo una crescita del 4,4% nel 2021. Lo ha affermato ING in un comunicato stampa. Ciò significa che l’economia sarà in media del 4,1% più grande nel 2022 rispetto al 2019 e che i Paesi Bassi supereranno la maggior parte degli impatti economici della crisi Corona in tempi relativamente brevi. Tuttavia, le incertezze sul coronavirus rappresentano un rischio crescente per l’economia, secondo la banca, rallentando il tasso di crescita. Inoltre, i Paesi Bassi non possono sfuggire ai problemi della catena di approvvigionamento globale causati dalla chiusura di ex fabbriche e dalle strozzature nella logistica marittima. La banca afferma che la comunità imprenditoriale olandese è principalmente preoccupata per l’impatto di Corona sui fornitori. Il 23,9% prevede interruzioni presso i fornitori. Questa paura è particolarmente diffusa nell’edilizia, nell’industria, nel petrolio e nel gas, nel commercio e nell’agricoltura. La base di questi problemi risiede, tra l’altro, nel settore della logistica globale, in particolare nel trasporto di container via acqua. Le chiusure hanno significato che i porti non erano operativi o funzionavano a un livello ridotto e c’era una carenza ancora maggiore di personale come i camionisti.

READ  VITRUM 2021 entra in funzione • Il vetro nella foto

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24