Una studentessa presa di mira ad Anversa dopo una lite per una ragazza: “È stata fotografata nuda, picchiata e accoltellata” all’esterno

“Gay, ti perdono, ma ho preferito la debolezza all’umiliazione! Con il cuore pesante ti ho lasciato leggere quanto segue.” È così che K. ha iniziato il suo post su Instagram che è diventato virale in poco tempo.

Domenica 31 ottobre, K è andato a un evento. Lì ha riconosciuto una ragazza e i passanti l’hanno fotografata e postata sui social. Anche l’ex ragazzo di Girl C ha visto le foto e ha deciso di contattare K.. “Voleva incontrarmi per parlarne. Ho promesso di farlo, dopodiché abbiamo fissato la data e il luogo”, dice K.

Nei tempi previsti, la sera di venerdì 12 novembre, K è partito per la stazione di Berkem. “Ho visto G. molte volte prima. Abbiamo avuto contatti occasionali sui social media, motivo per cui ho anche pensato che non ci fossero cattive intenzioni dietro l’appuntamento”.

L’ex ragazzo della ragazza, Ji, lo stava aspettando, ma pochi istanti dopo due uomini incappucciati si unirono alla conversazione. “Sono passati da me in modo che non potessi scappare”, dice. “Poco dopo c’erano altri due ragazzi mascherati e sono dovuto salire in macchina”.

nudi

Gli autori e “K” finalmente si sono diretti verso Tee Boiler Park, dove lo hanno schiaffeggiato in faccia e nella zona addominale. Poi mi hanno costretto a spogliarmi, cosa che ho fatto per paura. Non sapevo che stessero filmando tutto con la telecamera.” Dopo aver preso il suo telefono e il portafoglio, hanno lasciato solo K. nel parco.Totalmente sconvolto da quello che era appena successo, si è vestito e se n’è andato a piedi.

Meno di un’ora dopo essere tornato a casa, i suoi amici hanno bussato alla porta. “Vieni ora, sei nudo sui social”, hanno gridato. K spiegò brevemente cosa gli era appena successo. I tre insieme decisero di confrontarsi di nuovo con G. e accettarono di farlo.

READ  La polizia olandese attende la richiesta di arresto spagnola dopo l'attacco mortale

pugnalata

Come se K non avesse passato abbastanza quella sera, un secondo confronto tra i due ha portato a una lite. Gli autori, tredici in totale e distribuiti su tre auto, sono rimasti bloccati nell’auto K. Hanno iniziato ad attaccare i quattro passeggeri con coltelli e martelli. “Abbiamo cercato di difenderci con le braccia e le gambe”, racconta K.. “Nel mezzo di quel combattimento ho avuto una coltellata alla coscia, ma l’adrenalina l’ho sentita solo dopo essere scappati. Ci siamo diretti subito al pronto soccorso Camera.”

La mattina dopo, K ha deciso di andare alla polizia e sporgere denuncia. Il file è ora eliminato. La giustizia prende sul serio la denuncia della vittima e ha avviato un’indagine sui fatti. “Al momento, nessuno è stato arrestato per essere interrogato”, ha detto il Pubblico Ministero.

Sebbene non sia stato ancora fatto nulla, K spera ancora che presto emerga chiarezza. “È ancora difficile dormire”, dice. “Quando cammino per strada, sono sempre all’erta. Il minimo rumore mi stupisce, soprattutto quando sono macchine. Questo è molto stressante”. Molti hanno espresso il loro sostegno per lui sui social media.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24