Una volta che ha colpito l’aria, non c’era più nulla da correggere per Matthew van der Poel

Il disastro colpisce già al primo giro, dalla parte della pista che dovrebbe adattarsi meglio, in Sakura Drop, un salto in un vuoto di circa tre metri. L’emozione di buttarsi da una roccia con il cuore di leone, senza pensare, senza freni, è uno dei motivi per cui ha iniziato a praticare la mountain bike cinque anni fa.

Ha bisogno di ostacoli come acqua e pane, davvero, che non possono essere abbastanza sorprendenti per lui. Si è addormentato da una corsa su strada. Poi a un certo punto attacca per rompere l’erotismo. Lascialo giocare, inclina la sua moto da cross mentre vola in aria. Ma le cose sono peggiorate lunedì, durante una partita di cui parlava da quattro anni.

Le telecamere inizialmente non lo registrano, seguono i primi sei passeggeri che hanno volato. Ma poi una gomma vola attraverso la gomma e il pilota crolla dietro di lui. È Mathieu van der Poel, il 26enne polivalente che ribalta il primo serio ostacolo della giornata. Facile giudicare da bordo campo, commette un errore che solo lui stesso può incolpare.

pranzo di avviamento

Nel replay, vedi la sua ruota anteriore cadere nel momento in cui la superficie scompare, che è ciò che accade a un mountain biker inesperto quando gira troppo lentamente in un abisso con una pressione sui glutei. È quindi importante mantenere lo slancio e spostare il baricentro del corpo all’indietro, per tirare leggermente il volante. È una lezione per principianti su una bici con gomme grasse, una lezione che di solito non si applica a Van der Poel. Ha fatto decine di migliaia di questi salti, anche da ragazzo, nei boschi dietro la casa dei suoi genitori a Kappel, vicino ad Anversa. Lì lui e suo fratello David hanno costruito piste dove poteva fare sport tutto il giorno su una bici da cross.

Matthew van der Poel si capovolge sul percorso MTB di Izu.
Foto: Robin van Lonkhuijsen / ANP

Una volta in aria non c’è niente da correggere. Van der Poel si capovolge e atterra con colpi sordo sull’anca e sulla spalla. Sul punto di afferrargli la schiena, ansimò per respirare. Si prende un momento per rendersi conto che il suo sogno è crollato. Ma poi è tornato e ha iniziato un inseguimento ostinato per il 35esimo.

READ  I tifosi del Feyenoord entusiasti: "Qual è il valore di una simile Champions League?"

Si è spostato fino al 27° e infine al 13°. Ma al quinto round si stabilizza. Nell’area fisica, si gira all’esterno, sprofondando a terra contro i bastioni. Non poteva, il suo fianco cominciò a fargli male. L’ospedale deve determinare se si è verificato anche un danno.

uccidere pro

Matthew van der Poel sembra essersi impegnato nella sua ricerca per diventare il migliore al mondo in tre sport. Questo equilibrio ha portato a un programma killer in questa stagione. Non è pazzesco il numero dei giorni di gara, ma la pressione e le aspettative che porta sempre con sé, per non sottovalutare la difficoltà di esibirsi su una moto diversa.

A fine febbraio è diventato campione del mondo di ciclocross per la quarta volta ad Ostenda, poche settimane dopo Stradi Pianche ha vinto in Italia in bicicletta. Successivamente, ha cambiato bici alla stessa velocità, per assicurarsi una buona posizione di partenza ai Giochi nelle due Coppe del Mondo di Mountain Bike. All’inizio sembrava nervoso ad Albstadt a maggio, perché era stato fuori per così tanto tempo e non sapeva quanto valesse.

A causa di Corona, non ha corso in mountain bike per tutto il 2020. È stato amaro, perché era stato in contatto con la vetta un anno prima; Batti il ​​campione del mondo ancora e ancora. Se le Olimpiadi fossero andate come previsto, avrebbe viaggiato in Giappone al suo meglio. Ora che sono stati spostati al 2021, il suo programma è straripante. In parte a causa delle sue azioni, la sua squadra, Alpecin-Fenix, ha ottenuto un biglietto di partenza per il Tour de France di quest’anno. Ora doveva mettere tutto insieme nel giro di poche settimane.

READ  Accordo Real e Milan: contratto di locazione biennale, opzione di riscatto e clausola di riscatto

I suoi sponsor lo aspettavano durante il tour, e ancora una volta ha superato le aspettative. Ha vinto una tappa e ha indossato la maglia gialla per sei giorni. Si scopre che Van der Poel valeva più del suo stipendio. Ma i suoi obiettivi personali stavano crollando. Quando si ritirò dal tour, mancavano tre settimane per prepararsi ai giochi. È stata una giornata corta. Corsa contro il tempo anche.

Matthew van der Poel cade violentemente al primo giro.
Foto di Greg Baker/AFP

Van der Poel ha affermato più di una volta che passare da una bici da strada a una mountain bike richiede tempo. Si tratta dei muscoli della schiena, delle braccia, che ricevono colpi nei boschi molto più dell’asfalto. Se non va in mountain bike da un po’, e poi ricomincia a correre, gli fa male la parte bassa della schiena.

piano di riscaldamento del garage

Mentre la squadra di mountain bike olandese si è recata a Tokyo in tempo, Van der Poel ha scelto di continuare ad allenarsi a casa. Non si è sentito rinchiuso in una stanza d’albergo a causa delle rigide restrizioni in Giappone, e per di più non ha potuto saltare una sessione di prove, puntando ai Mondiali di ciclismo su strada e alla classica Parigi-Roubaix ancora in corso. Non è arrivato fino a venerdì mattina, tre giorni prima della gara. Non ha avuto il tempo di sbarazzarsi del jet lag, figuriamoci di abituarsi al caldo soffocante. Per ovviare a questo, si sedette su una panca girevole nel suo garage, il riscaldamento si accese e si sollevò una giacca calda. Questo era il suo piano per il riscaldamento. Non aveva mai visto la pista quando era arrivato. Non ha avuto tempo per l’evento del test olimpico nell’ottobre 2019. All’epoca aveva appena corso ai Campionati del mondo su strada ad Harrogate.

READ  TT Assen può ricevere 11.500 fan al giorno | Sport motoristici

Leggi anche, a partire da maggio 2021: Il ritorno incerto di Matteo van der Poel al suo “amore”: la mountain bike”:

Van der Poel ha esplorato l’impegnativo sentiero di Ezo il venerdì, il sabato e la domenica. C’era un sacco di lato positivo in lui, e questo sembrava essere a suo vantaggio. Sabato, in una conversazione con la stampa, ha affermato che le rocce lo hanno reso tecnico e che amava le gocce. In esso ha anche mostrato più di una volta che gli sarebbe piaciuto più tempo di preparazione. Una gara o due in più avrebbero potuto renderlo più sicuro all’inizio. Non era diverso.

Plank su goccia di sakura

Durante il sondaggio, ha sparato a Sakura dieci volte. A quel tempo c’era una specie di base poligonale contro di essa. Il pilota può quindi ispezionare in sicurezza il salto. Secondo l’allenatore olandese Gerben de Kneijt, l’organizzazione rimuoverà questa tavola prima della partita vera e propria. È così che va sempre in mountain bike. Van der Poel non ne era a conoscenza, ha scritto su Twitter, essendo l’unico dei 36 partecipanti. Si credeva che lo scaffale sarebbe rimasto. Ecco perché è caduto a terra quando ha scoperto solo durante la partita che non lo era. Il suo compagno di squadra Milan Vader ha detto che avrebbe dovuto saperlo meglio. Era ancora per colazione.

Puoi nominare questo prossimo esempio di cattiva comunicazione in TeamNL, dopo il fallimento della donna di domenica. La conclusione più appropriata sembra essere che il vincolo di tempo di Van der Poel si sia disintegrato. Se avesse potuto guidare di più una mountain bike, lo avrebbe saputo. Avrebbe potuto resistere a Tom Bidcock, che combina anche tre major, ma era a conoscenza del consiglio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24