Undici anni dopo, il Milan è ancora una volta la migliore squadra di calcio d’Italia

Sladen Ibrahimovic festeggia con un sigaro il campionato del Milan.Immagine AFP

Per tutta la domenica, la famosa Piazza Duomo International e l’AC di Milano sono state piene di tifosi milanisti, che cantavano le canzoni dei club avanti e indietro in nuvole di fumo blu e rosse. Nell’ultimo giorno della competizione entrambi i club hanno avuto la possibilità di vincere il titolo nazionale. Quelle di Milano sono durate a lungo, ei favoriti del Sassuolo si sono affrettati a segnare il 3-0, sufficiente per il diciannovesimo titolo nazionale. Con questo il Milan aveva due punti di vantaggio sull’Inter, che aveva vinto in casa contro lo Zamporia.

Naturalmente, il focus era sull’attaccante 40enne Sladen Ibrahimovic. Questo è il suo quattordicesimo titolo nazionale (i due hanno vinto con la Juventus, ufficiosa per corruzione). La Svezia ha escogitato il proprio stile, uno spogliatoio alternativo e stimolante in questa stagione.

Ma la rinascita del Milan è iniziata con l’arrivo di Ibrahimovic all’inizio del 2020, quando ha dato nuova vita al club con i suoi obiettivi e la sua fiducia. I complimenti vanno all’icona del club e al direttore tecnico Pavlo Maldini. Con l’aiuto di esploratori di dati, ha progettato una selezione complementare relativamente poco costosa senza vere stelle. Adesso arrivano tanti soldi da una festa in Bahrain, ma il Milan scrive da anni nei migliori club.

La Juventus ha vinto nove campionati consecutivi dal 2012 al 2020. L’Inter campione uscente ne ha poi assunto la guida per diversi anni. Ma quasi di nascosto si sono avvicinati i vecchi poteri Milan e Napoli.

Il centrocampista Donali, i difensori Domori e Hernandez e l’attaccante Liao sono maturati tra le grinfie del leone immobile Sloton. Ibrahimovic, commosso per la recente morte dell’agente e caro amico Mino Riola, ora è il migliore e si alzano in piedi. Inoltre, il Milan ha acquisito Head Strong Giroud, 35 anni, grande portiere, Miknon e attaccante ancora più efficace.

READ  Una potenziale indagine sugli abusi sessuali nelle chiese cattoliche italiane

Una vittoria nel derby poteva costare all’Inter 7 punti, quest’ultimo più importante il 5 febbraio, compresa una partita in meno. L’Inter si fa avanti, ma perde per due vittorie in quattro minuti contro Girod, scritto in realtà da molto tempo.

Errori in nazionale, soprattutto dei portieri, portano il Milan in testa alla classifica. A San Siro, piena la scorsa settimana, la paura dell’Atlanta Bergamo ha regalato a Kekner la vittoria per 2-0 sulla squadra, impreziosita da un folle assolo della metà campo di Hernandez sul terzino sinistro. Giroud ha segnato ancora una doppietta contro Sassuolo e Cessi, partito per il Barcellona. Il terreno era pieno di milanesi. L’Italia torna finalmente rossonera.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24