Uno studio olandese rende la chemioterapia più sicura: “Possiamo eliminare molte sofferenze”

Le persone con cancro del colon o del pancreas hanno un rischio molto più basso di effetti collaterali dopo la chemioterapia se si sottopongono per la prima volta a uno specifico test del DNA. Ciò è evidente da uno studio su larga scala condotto da Martin Denen, un farmacista ospedaliero del Katharina Hospital di Eindhoven.

Sottoponendo prima a ciascun paziente questo test, è possibile identificare una mutazione nel cosiddetto gene UGT1A1. Questa mutazione assicura che i farmaci chemioterapici, in questo caso l’irinotecan, siano scomposti meno nel corpo. La mutazione è quindi responsabile dell’aumento del rischio di gravi effetti collaterali.

Il dilemma del dottore

L’oncologo Geert Jan Kremers del Katharina Hospital è soddisfatto delle scoperte del suo collega di Eindhoven Denen. Trova sempre orribile quando un paziente con cancro al colon o al pancreas risponde male alla chemioterapia e sperimenta gravi effetti collaterali. Non fanno eccezione una grave diarrea in cui si perdono litri di liquidi al giorno e un rapido declino del sistema immunitario. I pazienti diventano quindi più sensibili alle infezioni che possono rapidamente diventare pericolose per la vita.

“È sempre un dilemma per il medico che somministra la chemioterapia. Stai usando un agente dannoso per distruggere le cellule tumorali, ma c’è il rischio di danneggiare il paziente stesso”.

Ma ora i medici possono stimare meglio questi rischi. Deenen ha studiato se i pazienti con la mutazione problematica hanno sperimentato meno effetti collaterali se hanno ricevuto una dose inferiore del farmaco. “Si è rivelato essere il caso. Allo stesso tempo, il farmaco non perde la sua efficacia nel combattere la malattia”.

READ  Juliaan van Acker - Incombe un punto di svolta nel pensare all'universo

L’emergere di trattamenti personalizzati

Questo approccio è un buon esempio dell’avvento dei trattamenti personalizzati, afferma Marcel Verheij, professore di radioterapia a Radboudumc e presidente della piattaforma SONCOS di Oncologia della Federazione dei professionisti medici.

“In precedenza, la chemioterapia era più un carattere ‘taglia unica’. Ma grazie a questa analisi genetica, possiamo non solo guardare la composizione delle cellule tumorali e la loro suscettibilità a trattamenti specifici a livello molecolare, ma anche guarda come la genetica di un paziente gioca un ruolo nella rottura dei farmaci e nell’evoluzione degli effetti collaterali”.

Secondo Verheij, l’efficacia della chemioterapia è in gran parte determinata da queste relazioni genetiche. “Se li conosci, tu come medico puoi rendere il dosaggio molto specifico e mirato alla persona”.

Uno dei tipi più comuni di cancro

“Eliminiamo molte sofferenze a causa di questo”, afferma il ricercatore Denin. “Con una diarrea così grave, devi semplicemente essere ricoverato in ospedale. Inoltre, il cancro del colon-retto viene diagnosticato in circa 12.000 persone ogni anno, rendendolo uno dei tipi di cancro più comuni nei Paesi Bassi. Il cancro del pancreas è uno dei più mortali. “

Denin è convinto che il metodo di trattamento proposto nella sua ricerca entrerà presto a far parte dello standard (internazionale). I risultati della ricerca sono ora sotto esame critico da parte di colleghi medici – la cosiddetta revisione tra pari – e pubblicati sull’European Journal of Cancer.

“I comitati scientifici e medici utilizzano questo tipo di pubblicazioni per valutare e adattare le linee guida terapeutiche”, afferma Deenen. “Durante una conferenza della Società olandese di oncologia medica, il 71% degli oncologi ha affermato di volere che questo metodo fosse introdotto il più rapidamente possibile”.

READ  Consiglio sanitario: vaccinazione antinfluenzale per donne in gravidanza e altri gruppi a rischio | interni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24