Vaccinazioni “sabotate” per infermiere tedesche: quasi 9.000 persone sono costrette a ottenere di nuovo il vaccino contro la corona al di fuori del paese

Un dipendente di un centro di vaccinazione nel nord della Germania potrebbe aver somministrato a più persone non un’iniezione di corona ma una soluzione salina da cucina rispetto ai sei casi che ha ammesso ad aprile. Di conseguenza, migliaia di residenti nella regione della Frisia potrebbero non essere adeguatamente protetti contro il virus Corna, hanno annunciato le autorità di Jeffer durante una conferenza stampa.




In totale, dovrebbe essere rivaccinato l’8,7% della popolazione di circa 99.000 persone. Ciò equivale a circa 9.000 persone. Ciò riguarda principalmente le persone del gruppo 2 a rischio: persone con più di 70 anni, persone con sindrome di Down, persone con demenza e pazienti trapiantati.

L’impiegato del centro di vaccinazione, un’infermiera autorizzata, ha ammesso ad aprile di aver riempito sei siringhe con soluzione salina invece del vaccino BionTech. Durante la confusione, potrebbe essere caduta a terra una bottiglia contenente il vaccino, che lei ha detto di voler coprire riempiendo la siringa con qualcos’altro. La donna è stata rilasciata dopo che l’incidente è diventato pubblico. Da allora, la procura e la polizia stanno indagando sulla possibilità di lesioni personali.

Secondo il capo della squadra di crisi Corona in Bassa Sassonia, l’indagine ha mostrato che la donna potrebbe aver fatto una falsa confessione in quel momento. “Ci sono chiare indicazioni che il sospetto abbia ingerito soluzione salina su larga scala come oppositore della vaccinazione”, ha affermato il ministro degli Esteri Heiger Schulz. “È molto sinistro intrufolarsi in un centro di vaccinazione con l’intenzione di fare qualcosa del genere e poi frodare le persone che sperano di ottenere un vaccino e proteggerlo in quel modo”.

READ  Ancora attacchi a Israele e Gaza, la casa del leader di Hamas preso di mira

dichiarazione del testimone

La nuova campagna di vaccinazione, forse la più grande campagna post-puntura nello stato, è il risultato di dichiarazioni di testimoni, secondo la polizia. Queste indicazioni hanno recentemente fornito indicazioni che la donna non si è limitata a somministrare intenzionalmente soluzione salina nell’incidente del 21 aprile.

L’infermiera conferma che è stato un incidente occasionale. I suoi avvocati hanno detto: “Non ci sono stati altri giorni in cui il vaccino non è stato somministrato nella quantità prescritta dai nostri clienti”. Hanno anche rifiutato l’esistenza di un “motivo politico” per le donne.

coronacritico

Il capo della polizia di Wilhelmshaven Peter Beer ha confermato martedì i rapporti di Der Spiegel secondo cui il sospetto aveva condiviso messaggi su un social network prima del 21 aprile criticando le azioni del governo tedesco su Corona. Inoltre, secondo Beer, la donna ha distribuito “informazioni critiche su Corona” via chat. “Questo è tutto ciò che abbiamo trovato finora nelle indagini”, la donna non parla dei risultati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24