Vado a lavorare e porto con me… Corridoio Corona: in Italia è obbligatorio

1. Come è passata la corona?

“L’Italia è in prima linea in Europa per quanto riguarda il Corridoio della Coruña”, afferma il giornalista Anouk Boon. “All’inizio di agosto dovevi mostrare il tuo codice QR quando visitavi un museo o un cinema, o se volevi mangiare all’interno di un ristorante”.

Dal 1 settembre il governo italiano è andato un po’ oltre e la tessera è diventata obbligatoria nelle scuole, nelle università e sui mezzi pubblici. Da venerdì si applicheranno requisiti più severi e tutti gli italiani dovranno esibire una tessera Corona al lavoro.

Attraverso la tessera dimostri di essere stato vaccinato, guarito dal coronavirus o risultato negativo al virus. “Se scegli di non essere vaccinato come dipendente, devi essere controllato due volte a settimana. E non è economico. Paghi tra 120 e 180 euro al mese”, afferma Boone.

Il governo ha deliberatamente scelto di non offrire test gratuiti. Vuole vaccinare quanti più italiani possibile. E questo è gratis. Le persone che non possono ottenere la vaccinazione per motivi medici possono ottenere il test gratuitamente.

2. Cosa succede se non puoi mostrare la tua Corona Card?

Pertanto, gli italiani possono venire a lavorare solo con una carta Corona. “Se non è con te, verrai rimandato a casa e sarai assente senza permesso. Se non sarai ancora in grado di mostrare il tuo pass Corona dopo cinque giorni, sarai soggetto a sospensione. Ciò significa che non sarai più pagato .” La tessera rimarrà obbligatoria almeno fino alla fine dell’anno.

3. Perché questa regola rigida?

Salute ed economia: questi in breve i motivi principali. Anche il primo ministro italiano Draghi vuole aumentare il tasso di vaccinazione. Perché questo significa che meno persone si ammaleranno.

READ  L'FC Volendam si prepara alla sua prima partita casalinga con una nuova aggiunta

Questa è una buona cosa, soprattutto in Italia. “C’è più assistenza e protezione per la famiglia e gli anziani che nei Paesi Bassi”, afferma Bohn. Se questi caregiver, come le persone che si prendono cura di loro, vengono vaccinati, la possibilità di trasmettere il virus è molto piccola. Così puoi portare a casa la tua vecchia nonna in tutta tranquillità.

Inoltre, i giorni inquieti di Bergamo sono ancora freschi nella memoria italiana. L’Italia è la culla della prima ondata europea di Corona: il Paese in cui i circuiti integrati sono stati i primi a riempirsi e il personale ospedaliero è diventato oberato di lavoro. «Gli italiani non ci vogliono più tornare – dice Boone – Corona ha lasciato il segno».

Gli effetti si possono trovare non solo sulla salute, ma anche sull’economia. E gli italiani già non hanno un’economia così stabile. “Molte persone si sentono vulnerabili e non vogliono che l’economia crolli di nuovo”.

“E non vogliono cadere preda di una nuova ondata di contagi. Un’ondata che potrebbe far ammalare anche i dipendenti, con tutte le conseguenze per l’economia”.

4. Come vanno le cose con le vaccinazioni?

Formicolio, formicolio, formicolio. Abbiamo già detto che il presidente del Consiglio Draghi vuole aumentare il tasso di vaccinazione introducendo il Corridoio Corona. Ma è così basso?

La risposta è no. O almeno non necessariamente. Secondo gli ultimi dati, quasi il 78 per cento degli italiani di età superiore ai 18 anni è vaccinato. Poco meno dei Paesi Bassi e anche meno di altri paesi dell’Europa occidentale, come Danimarca, Francia e Portogallo.

Ma come si vede dalla cartina, la prestazione dell’Italia non è affatto male. Il divario con i paesi dell’Europa occidentale è piccolo. È molto più avanti dell’Europa orientale. Tuttavia, questo non è abbastanza per il mio confetto. Vuole che la percentuale di persone che sono state vaccinate salga molto di più.

READ  Coloro che combattono la corruzione sono sotto tiro

5. Come reagiscono gli italiani al passaggio di Corona?

“La maggior parte degli italiani è favorevole, circa i due terzi della popolazione”, dice Boone. Questa sembra una netta maggioranza. E lo è, ma c’è sempre una minoranza che fa sentire forte la propria voce.

Allo stesso modo in Italia. Lo scorso fine settimana ci sono state proteste anti-traffico a Roma. Sono andati forte. La polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per porre fine alle proteste, che si sono trasformate in rivolte. Un gruppo di persone è stato arrestato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24