Valtiberina, un angolo sconosciuto dell’Umbria

A volte guidi attraverso un’area o luoghi in cui vedi la magia, ma spesso la storia dietro di essa viene ostacolata dal tempo o da altri interessi che ti ostacolano. Sono passato tante volte nell’alta Valle del Tevere Valberina Caldo, in provincia di Perugia, senza guardare oltre uno sguardo superficiale.

Saskia Fan Villa in Umbria È stato così gentile da organizzare un alloggio vicino a me montoneHo soggiornato con una coppia molto simpatica in una vecchia fattoria convertita ed è il lavoro della vita, come posso dire, dei due. Tutto è stato pensato e ristrutturato nei minimi dettagli, bellissime travi in ​​castagno (questa è la zona del castagno) e splendidi pavimenti in cotto d’estate.

Leggi anche questo

Val d’Orcia in Toscana

Toscana

Decoro per Brunello di Montalcino cromato e molti altri…


Ci sono alcuni posti che volevo vedere meglio: petalolungaE il montone (uno dei Borghi più belli d’Italia), Monte Santa Maria Tiberini Sopra Castelló. Se fai un tour da una di queste città, percorrerai più di 87 km, il che è possibile anche in bicicletta, il dislivello può superare i 1200 metri qua e là, quindi penso che non sia adatto a tutti. Il panorama della zona è bellissimo, le colline, con boschi di castagni intervallati da campi e qua e là un villaggio. Una volta l’ho passato in autunno, con minacce di tuoni quasi nere all’orizzonte, che davano un bel contrasto con gli alberi colorati in abiti autunnali e rendevano migliori i campi verdi.

Tabacco in Valtiberina

Nel 1574 il cardinale Niccol Tornabuoni inviò alcuni semi di tabacco dal Centroamerica al cugino Alfonso Tornabuoni, vescovo di Sansepolcro. La prima grande coltivazione di tabacco risale agli inizi del XVII secolo, nelle vicinanze Repubblica di Kosbaya (1440-1826) che presto divenne un nido di contrabbandieri. La produzione e distribuzione del tabacco era così grande che nel 1869 fu aperto un magazzino nell’ex monastero Obzantes di Sansepolcro e nei grandi essiccatoi di città come Città di Castelo. All’inizio del XX secolo, il tabacco del Kentucky cresceva in tutta la Valtiberina.

fare una copiaE per caso, all’esterno è rimasta una striscia di terra non rivendicata, larga 3,2 chilometri quadrati. E la sua larghezza non supera i 700 metri, in cui c’era un piccolo villaggio chiamato Kosbaya. Solo i contadini vivevano a Kosbaya, ma questi contadini, sebbene vivessero nel tardo Medioevo e fossero quindi completamente analfabeti, sentirono l’opportunità unica che si presentava loro e decisero frettolosamente di rivendicare la loro indipendenza. Firenze e Roma, che sono responsabili, non hanno mosso un dito da parte loro. L’equilibrio geopolitico dell’Italia era già troppo precario (era ancora troppo presto per la pace di Lodi), e il rischio di un’altra guerra su un pezzo di terra insignificante non si addiceva a nessuno dei due. Così, nell’Anno Domini 1441, al confine tra la Toscana orientale e l’Umbria settentrionale, sorse la Repubblica di Cospaia.

In passato, se la produzione di tabacco era inferiore al previsto, i coltivatori venivano multati di 50 o 60 lire per foglia; In caso di consegna di più viene addebitato un supplemento di 10 o 15 lire. C’era un contrabbando attivo di pane sul tavolo ogni giorno. I contrabbandieri di Citignano portavano la polvere da sparo per lo scambio del tabacco dai contadini della Valtibrina, e le rotte del contrabbando andavano da Anghiari a Ponte alla Beira, sopra il Monte Rugnosi. Sul territorio dell’Umbria sono ancora più di 450 le aziende che coltivano tabacco su una superficie di circa 6.500 ettari. La regione produttrice di tabacco della Valtiberina si trova principalmente a Città di Castelo, San Giustino, Umbertide e Perugia: le regioni in cui è maggiormente coltivato Virginia Bright.

READ  Veronica parla della differenza di età con il suo ragazzo Keanu

Slaken Castle Town

Sembra un paesaggio pastorale amichevole, ma molto sangue è stato versato qui nel Medioevo e prima. Non ultimo un gentiluomo braccio da monton Ed era il “proprietario” di un esercito di mercenari, Conditer, a combattere per questo e poi per un altro. Di solito ne usciva vittorioso e accumulava un’altra fortuna. Fino al suo ultimo combattimento L’AquilaDove ha incontrato il suo rivale e il suo ex fidanzato sforza, che guidava l’esercito angioino, fu schiacciato. La famiglia Fortebraccio fu espulsa dal paese di Montone, il nostro eroe combatté tutta la vita per riaverlo, fino a quando Montone dichiarò per la prima volta uno stato indipendente dopo l’eccidio dinastico. Non ha funzionato del tutto però secondo il piano Braccio fu nuovamente costretto a lasciare la città.

Monton Black Travel Gourmet Hotel Captain Chef Giancarlo Polito's Inn

Castelló

Iniziamo il nostro tour Castelló, nel nord-ovest dell’Umbria all’incirca al confine con la Toscana, ma ovviamente è possibile anche qualsiasi altro punto di partenza. La città può essere considerata il centro urbano più importante nel cuore verde d’Italia, non solo per la sua arte, la maggior parte della quale risale ai secoli XV e XVI, ma anche ovviamente per la sua fama Alberto Puri Che ha lasciato alla città tutte le sue opere novecentesche, si possono ammirare in Palazzo Albizzini e negli Ex Seccatoi del Tabacco (ex fienili tabacchi). La zona è conosciuta come la culla dell’arte italiana e da qui sono venuti grandi nomi come Luca Signorelli, Giorgio Vasari, Raffaello Sanzio, Domenico Ghirlandaio e Rosso Fiorentino. È anche il luogo di nascita di una delle attrici italiane più belle degli ultimi anni, Monica Bellucci (E in città si dice che nella sua giovinezza sua madre era più bella della sua già bella figlia),

READ  Ora puoi guardare in streaming questi 7 nuovi film su Disney+

Monica Bellucci

Le mura della città risalgono al XVI secolo e i palazzi nobiliari di Rinascimento Con piazze e logge (Palazzo Vitelli), chiese con conventi e una cattedrale dell’XI secolo con opere di Raffaello e Signorelli, ti offre molto da vedere e ti terrà occupato per diverse ore. Recentemente ampliato e presenta opere di Raffaello, Luca Signorelli, Ghirlandaio, Raffaelino del Colle e Pomarancio. Per gli artisti grafici, c’è un altro museo della stampa e dell’arte grafica che merita sicuramente una visita.

Ricerca Shell a Città de Castelo

Conchiglie dell’Oceano Pacifico, dell’Oceano Indiano, del Mar Rosso e del Mar Mediterraneo, “Malakos” – È, con circa 600.000 pezzi, la più grande collezione privata europea di tutto il mondo. Situato a Villa Cappelletti, appena fuori Città di Castello, è un vero ritrovamento di conchiglie di tutti i mari. Il Dipartimento di Biologia ci presenta un’incredibile collezione di molluschi, mentre le Camere di Paleontologia forniscono informazioni sull’origine della Terra e mostrano anche invertebrati del lontano passato. Nelle sale biogeografiche puoi scoprire pericolose mangrovie e zone di mare profondo, conoscere enormi lumache di terra e predatori marini con veleno mortale. Inoltre si può vedere la ricostruzione della Barriera Corallina di Malakos, che è realizzata con materiali provenienti da parti catturate dal Corpo Forestale dello Stato, con specie mai viste prima.

Villa Capelletti a Garavelle, 06012, Città di Castello, (PG) – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots e dagli spambots. JavaScript deve essere abilitato per vederlo. – Telefono 8552119-349.5823613

Binoteca a Palazzo Vitelli Alla Cannoniera

petalolunga

Da Città di Castello percorriamo una bella strada tortuosa attraverso Ronchi fino a petalolunga, strada già esistente in epoca romana, in quanto collegata alla via Flaminia nei pressi della cittadina marchigiana di Cali. È difficile dire se la strada su cui ti trovi è davvero la stessa, ma è una buona idea tenerla a mente. A proposito, la zona era già abitata in epoca preistorica, e Pietralunga stessa esisteva già nel II-I secolo a.C. menzionato. A proposito, i romani hanno lasciato abbastanza per gli archeologi che hanno l’hobby di approfondire, come le rovine di insediamenti urbani con rovine di ville, acquedotti e strade.

Monastero Zocolanti

Rocca Longobarda, antico castello longobardo dell’VIII secolo, costituisce il centro medievale di Pietralunga, attorno al quale si snodano gli accoglienti vicoli che caratterizzano il paese. La chiesa parrocchiale di Santa Maria ha una porta romana del 1279, con un affresco del martirio di San Sebastiano, attribuito a Raffaelino del Colle.

petalolunga

L’ultima è la vicenda del gruppo partigiano poi denominato Brigata proletaria Stoottroepen di San Faustino. Dopo un inverno di resistenza militare, il 30 aprile 1944, il Maggiore Generale occupò la caserma Repubblinii di Pettralonga e dichiarò Pettralonga zona franca, governata dal sindaco Luigi Bocelli, espulso dai fascisti nell’aprile 1921. Questa Giornata della Libertà fu proclamata 23 anni dopo come festa del 1° maggio. Il 7 maggio 1944 Petralunga fu vittima di un raid di vendetta in cui sette ragazzi furono giustiziati nella piazza principale della città. La zona divenne teatro di sanguinosi scontri tra alleati e partigiani da un lato e nazifascisti dall’altro, con la distruzione e la morte di molti civili fino alla definitiva liberazione avvenuta il 29 luglio 1944.

READ  Loki dei Marvel Studios: vale la pena guardarlo?

montone

La nostra prossima tappa è Montone, parte del gruppo dei Borghi più belli d’Italia. Ma io ero lì durante l’Umbria Film Festival, che si svolge nell’intima piazza del paese, è un evento divertente dove le persone ai tavoli mentre si godono un drink possono guardare i film gratuiti su un grande schermo.

montone

Sotto una guida ispiratrice Terry Gilliam (Monty Python) dal 1997 a Monton Can Festival Internazionale del Cinema dell’Umbria Si è tenuto la seconda settimana di luglio con i Riverside Studios di Londra. La piccola scala del villaggio, anche quest’anno, ha assicurato che gli ospiti, i registi e il pubblico nella piazza abbiano avuto una discussione animata sul film e su tutto ciò che lo riguarda. Il film principale è stato preceduto da una serie di cortometraggi per bambini. I cinque giorni saranno pieni di mostre, tavole rotonde, masterclass, discussioni e altro ancora. Tutte le offerte sono gratuite.

Umbria Film Festival

Monte Santa Maria Tiberina

Monte Santa Maria Tiberina

L’ultimo luogo del nostro viaggio è il Monte Santa Maria Tiberina, che ci porta ancora una volta vicino al confine con la Toscana, qui si va principalmente per la visione, anche se il borgo medievale ha anche un fascino. Risale al tempo degli Etruschi. Ci si affaccia sulla fertile pianura dove si scorge in lontananza il fiume Aggia, ma anche le valli umbre e toscane della Valtiberina. Guida fino a Palazzo Marchesi Bourbon del Monte Da dove si ha una splendida vista su entrambi i lati. Fitti boschi di castagno dominano il paesaggio, con il più lontano vedere le Alpi Apuane e il Gran Sasso d’Abruzzo in una giornata limpida. Il castello appartenne ai marchesi francesi di Bourbon del Monte nell’XI secolo e fu distrutto nel 1198. Nel XVI secolo fu costruito un nuovo castello.

Foto: Monica Bellucci Eric RiverCC BY-SA 4.0. Via Wikimedia Commons – Porta Foto Valtiberina Franco Vanini – foto di monton di TwoPointsCouture

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24