Van Gucht: il 41% delle infezioni da corona è causato da Omicron

Circa il 41% delle infezioni in Belgio è ora causato dalla variante omicron del coronavirus. Lo ha annunciato venerdì il virologo Stephen Van Gucht alla conferenza stampa del National Crisis Center.

È convertito, il che significa che la scorsa settimana circa 3.000 persone sono state infettate dalla variante dell’omicron, la scorsa settimana ce ne sono state solo 700, ovvero circa il 6%. Van Gucht prevede che “Omicron sarà dominante in Belgio tra pochi giorni, forse già questo fine settimana”. Il virus è quadruplicato in una settimana. Il cambio dell’orologio Delta da parte di omikron sta arrivando.

Le persone tra i venti e i trent’anni in particolare ottengono l’omicron, e questo può essere dedotto dai numeri di infezione. Questi numeri sono ancora in calo per ora, ma l’emergere della variante omikron potrebbe portare a una nuova impennata, secondo il virologo, forse già a gennaio. Il colpo di richiamo fornisce il 75% in più di protezione contro l’infezione da oomicron, afferma Van Guchte.

I risultati preliminari della ricerca in Danimarca, Regno Unito e Sud Africa mostrano che la possibilità di ricovero in ospedale con un’infezione da oomicroni è, in media, inferiore del 50 per cento rispetto alla variante delta. “Questa è di per sé una buona notizia, ma poiché l’omicron causa 10 volte più infezioni, molte persone finiscono comunque in ospedale”, afferma Van Gucht.

Van Gucht osserva che attualmente non vi è alcuna epidemia di influenza in Belgio. Sembra che “il virus dell’influenza si diffonda a un livello basso”. Il virologo vede l’epidemia di influenza diffondersi in alcuni paesi dell’Europa orientale. “Potremmo avere a che fare con l’influenza e una pandemia di Omicron il prossimo anno”. Van Gucht sottolinea che il vaccino antinfluenzale e il vaccino contro la corona possono essere somministrati insieme facilmente, senza rappresentare una minaccia per la salute pubblica.

READ  Coronablog - 5.000 persone protestano contro regole più severe nel settore culturale: 'Ci sentiamo molto presi di mira'

Donazione di sangue

Infine, Van Gogh ha fatto un appello a donare il sangue alla Croce Rossa, poiché c’era una significativa carenza di sangue. “Se le operazioni, che ora sono state rinviate a causa della pressione sulle cure, potessero essere ripetute in un secondo momento, allora sarebbe necessario molto sangue”, spiega.

Dopo la variabile delta e la variabile omikron, presto lo sarà anche la variabile pulcino? Kamagorka guarda al futuro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24