Vegano colorato, ma il concetto non funziona

Il mondo cambia e il cibo cambia con esso. È encomiabile che negli ultimi anni ad Amsterdam sia stato aperto un numero enorme di stabilimenti per vegetariani e vegani. Il centesimo è diminuito: meno cibo per animali e più cibo per piante. Molte buone notizie, perché molte di queste cose purtroppo soffrono del concetto di coercizione.

The Veganees è un nuovo ristorante colorato al suo interno Guarda dall’americano la cena, proprio come la gemella vegana di Happy Joy Joy. Ma attenzione alla stampa fine: d’altra parte, l’orologio batte il cibo di strada asiatico, spesso con carne o pesce, mentre tutto nel vegano (in-house, bevande e menu di piatti) è vegano. Quando entriamo è piacevolmente occupato, l’accoglienza della signora anglofona è calorosa, la lingua principale è principalmente l’inglese.

Per mezz’ora ci sediamo a un robusto tavolo a muro con un cocktail (7.90) e un bicchiere di birra (Lellebel, 4.90) in attesa di quello che verrà. Questo cocktail si chiama Strawberry Fields Forever (gin, fragola, lime, agave e basilico tailandese) e mentre vogliamo immergervi, dagli altoparlanti soffia l’oppa; Musica house degli anni ’80, soprattutto molto ABBA. lui non ci sarà mordere, una frase che ci fa venire il mal di stomaco, contiene le parole “concetto” e “cena in comune”. Non abbiamo più voglia di condividere, il nostro cocktail è finito e non abbiamo ancora mangiato niente.

READ  Goditi il ​​caffè nella mafia

Quindi tutti i piatti vengono serviti in una volta: pizza wonton (8.50), seitan satay (8.-), oyster bao ai funghi (4.50), insalata cinese di melanzane (7.-), riso al cocco (4.-) e jackfruit rendang ( 8.50 ) …dovremmo dire di volere ogni piatto uno per uno? Più tardi, per prolungare la nostra serata, ordiniamo solo una tempura di verdure (7,50).

Tutto va in modo molto efficiente nei vegani, per i proprietari è probabilmente delizioso, per noi significa un po’ di attenzione personale e talvolta un comportamento scortese. “Vuoi un altro drink? Nuovo?” Oh mio Dio, i bicchieri sono stati immediatamente strappati dal tavolo. scomodo.

Poi il cibo, le variazioni vegetariane sui famosi piatti di street food asiatico. La pizza wonton è un successo, un po’ come i tacos con piccole gemme tritate finemente, cetriolo, alghe e generosa maionese Sriracha, calda, croccante e deliziosa! Poi infiliamo l’insalata cinese di melanzane, che assorbe molto miso grazie alla sua consistenza porosa ed è quindi sale di ginestra. Contiene edamame, pezzi croccanti di gamberi e tempeh croccante ricoperti da uno strato di sesamo, che gli conferisce un sapore dolce.

Il ‘concetto’ di cucina ormai è chiaro: rendere tutti i piatti molto salati, salati, dolci, piccanti o tutti e tre, e poi diventeranno una cosa sola. Questo vale in parte per il jackfruit rendang: il jackfruit – un popolare sostituto della carne – ha una consistenza diversa rispetto alla carne. Qui il curry diventa molliccio e umido invece del buon equilibrio di saporito salato con cocco e foglie di limone, creando un delizioso rendang. Bao, il panino, è ripieno di funghi ostrica e un piccolo gioiello, ma nonostante le cinque spezie, una miscela di erbe cinesi, non provoca fuochi d’artificio. Il seitan satay è particolarmente delizioso grazie alla sua salsa piccante di arachidi e ai buoni sottaceti di cipolle rosse e cetrioli. Il seitan – con una durezza simile al fegato – non ha quasi nessun sapore di per sé.

READ  L'investitore HAL conta su profitti più elevati dopo un grande affare di occhiali

Beviamo un bicchiere di vino: un blend di solido rosso italiano (5,90) e fresco Frego (6.-), biologico e niente di male. Infine arriva la tempura veggie (7,50), piatto che gli chef giapponesi sanno maneggiare. Qui il lavoro è più sporco: i bastoncini di zucchina e le carote fritte si attaccano tra loro, piuttosto che friggerle accuratamente una per una. Ci avevano anche promesso del bok choy, ma sembra che sia finito.

Il problema con questo concetto è che molti autentici stabilimenti giapponesi, cinesi, tailandesi, indiani, indonesiani e vietnamiti rendono questi piatti migliori a un prezzo migliore. Ma non hai altro che conforto nel sapere che tutto è vegano.

Revisore e giornalista Rock Bussell Ogni settimana testa un ristorante ad Amsterdam e dintorni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24