Venezia, la più antica gelateria italiana nei Paesi Bassi, ora può essere vista e provata al Dutch Open Air Museum

Arnhem – L’11 giugno ha aperto la gelateria di Venezia in Zaanse Plein al Dutch Open Air Museum.

La famosa gelateria di Utrecht in quanto gestita da decenni dalla famiglia italiana De Lorenzo. A causa del neon ultramoderno dell’epoca, degli specchi, della musica italiana e del delizioso gelato artigianale, sarebbe diventato uno dei ristoranti più belli e più visitati di Utrecht negli anni ’60 e ’70. Inoltre, il fondatore Guido de Lorenzo è stato insignito dell’Ordine di Orange-Nassau nel 1992 e ha ottenuto il terzo posto nelle elezioni del 2000 “Utrechter Century”. Per celebrare l’apertura di Venezia, venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 giugno, nel giardino del Museo, ci sarà un programma festivo che includerà il Cirque de Strada, una colorata sfilata di circo a tema veneziano con musica, vari artisti tra cui giocoleria, lunghezza passeggiate, monocicli ed esibizioni dei fratelli Bronco con una miscela italiana selezionata su misura di verde italiano, dalle voci dell’opera italiana come “O solo mio” alle iconiche canzoni pop italiane degli anni ’60, ’70 e ’80.

Snowmaker Carlo Di Lorenzo: “Siamo orgogliosi che l’interno originale di Venezia sia stato incluso nella collezione del Dutch Open Air Museum, e sarà quindi preservato per le generazioni future. La Venezia del Museo all’aperto è completamente arredata come appariva negli anni ’60 a Utrecht. È come tornare indietro nel tempo quando lavoravo in una gelateria con mio padre e mio fratello durante le vacanze scolastiche. L’interno con il bancone delle icone è stato perfettamente ricostruito. Anche le piastrelle che c’erano sul pavimento negli anni ’60 sono tornate”.

Il direttore del Museo all’aperto Teos Eienkorn: “Con l’apertura di Venezia, l’icona di Utrecht, si realizza un desiderio a lungo accarezzato. Una tradizionale gelateria italiana dove i nostri visitatori possono acquistare il gelato in un’atmosfera piena. Non poco importante, noi in Venezia racconta la storia degli immigrati italiani venuti in Olanda e che hanno influenzato il nostro Paese su più fronti, non solo in termini di cucina, ma anche di lingua e musica.Il successo di Venezia è stato reso possibile grazie a un generoso dono del Amici del Museo all’aperto”.

READ  Loki dei Marvel Studios: vale la pena guardarlo?

Il gelato artigianale italiano in vendita a Venezia è prodotto ad Arnhem da Carlo e Massimo di Lorenzo, seconda e terza generazione (figlio e nipote del fondatore Guido Di Lorenzo) gelatieri italiani nei Paesi Bassi. Massimo di Lorenzo: “Per Venezia al Museo all’Aperto, produciamo il gelato tradizionale nei sette gusti di allora, gusti ancora molto apprezzati in Olanda, ovvero: vaniglia, fragola, limone, cioccolato, moka, malaga e nocciola”.

migrazione per lavoro
A Venezia si racconta la storia degli immigrati italiani dalle Dolomiti che arrivarono in Olanda negli anni ’20. Questi sono diventati dei veri gelatieri, un mestiere che ancora oggi ha radici in questa regione italiana. Nel caso di Venezia, portiamo il visitatore nella storia familiare della famiglia Di Lorenzo. Guido De Lorenzo – il fondatore di Venezia – proviene dal paese di Tai di Cadore (Dolomiti). Arrivò nei Paesi Bassi nel 1928, inizialmente andando porta a porta con un camioncino dei gelati. Nel 1930 arrivò a Utrecht e vi aprì la prima filiale di Venezia. Quindi Venezia è anche la più antica gelateria italiana dei Paesi Bassi.

Nella prima metà del Novecento, nel periodo tra le due guerre mondiali, i produttori di ghiaccio arrivarono in Olanda insieme, ad esempio, agli spazzacamini, principalmente dal nord Italia. Durante gli anni della crisi, questi immigrati hanno dovuto farsi strada da zero, senza sostegno (governativo), e all’inizio anche senza famiglia.
I gelatieri che si stabilirono in Olanda erano veri e propri lavoratori stagionali una volta avviate attività di successo. Gestiscono una gelateria in primavera e in estate e tornano sulle Dolomiti in inverno. I loro figli godono ancora di un’autentica educazione e istruzione italiana nella loro regione natale. Vivono spesso con i nonni e rivedono i genitori solo quando vengono in Italia in autunno.

Il loro arrivo ha arricchito l’Olanda su più fronti in termini di lingua, musica e anche cucina: si pensi a pizza, lasagne, espresso, cappuccino, latte macchiato e non da ultimo il gelato italiano.

La famiglia Di Lorenzo a Utrecht e Arnhem
Guido De Lorenzo (Tai di Cadore 1905-1995) apre la prima filiale a Venezia nel 1930 in Voorstraat 80 (angolo Wijde Begijnstraat). Dal 1933 al 1942 Venezia si trovava in Janskerkhof 21 e dal 1942 fino alla sua chiusura nel 2011 Venezia si trovava in Forstraat 8. Guido rimase attivo fino alla fine degli anni ’80, e suo figlio Carlo rilevò la filiale di Forstraat alla fine degli anni ’70 . . Italo, il figlio di Guido, è stato direttore dello stabilimento di Oudegracht 105 dagli anni ’70 agli anni 2000, e la terza generazione di De Lorenzo è ora attiva nei Paesi Bassi. Il gelatiere, Massimo Di Lorenzo, figlio di Carlo, è alla guida della gelateria Trio di Arnhem dal 2016, e la gelatiera Romana Di Lorenzo, figlia di Italo, gestisce la gelateria Venezia a Jansbrug (Oudegracht) a Utrecht dal 2000 .

READ  Nel frattempo in Francia | I piloti AlphaTauri arrivano in tuta da corsa completa

Coppa d’Oro – Campione del Mondo nel settore del gelato
Nel 2005 Carlo Di Lorenzo ha vinto l’Oro ai Mondiali per il gelato al cocco. Ogni anno, questo prestigioso premio viene aspramente conteso dai migliori gelatieri di tutto il mondo durante la Mostra Internazionale del Gelato Artigianale (MIG), la più antica fiera del gelato italiana. Romana di Lorenzo si è piazzata al quarto posto nel 2015 con il gelato alla ricotta.

Gelateria Venezia nella collezione del Dutch Open Air Museum
La Gelateria di Venezia nel Museo all’aperto è una versione accuratamente ricostruita di Venezia come appariva a Utrecht negli anni ’60. Incluso nella collezione è l’interno originale, per un totale di 1.794 pezzi che vanno dai cucchiai e resti di legno placcati in argento degli anni ’30 al bancone originale e all’illuminazione al neon firmata. Poiché l’interno originale di Venezia è troppo povero per il luogo d’uso – con oltre 500.000 visitatori all’anno – e non tutte le parti sono state conservate (in buone condizioni), si è deciso di riprodurre l’interno il più fedelmente possibile, aggiungendo alcuni pezzi originali elementi. Come museo, il nostro obiettivo è preservare il più possibile le parti conservate degli interni autentici per il futuro.

La realizzazione della gelateria Venezia presso il Dutch Open Air Museum è stata resa possibile dal generoso contributo degli Friends of the Dutch Open Air.

DocU: La famiglia De Lorenzo, tre generazioni di gelatieri
A partire da domenica 6 giugno, RTV Utrecht trasmetterà il programma in due puntate di DocU “La famiglia De Lorenzo, tre generazioni di gelatieri”. Gelateria Venezia, chi non ha mai mangiato il gelato Utrechter e ammirato gli interni speciali di Forstraat? Dopo dieci anni di chiusura, a Venezia è stata assegnata una nuova sede nel Dutch Open Air Museum di Arnhem. Un documentario sulle tre generazioni di gelatieri dietro la più antica gelateria italiana nei Paesi Bassi.

READ  Veronica parla della differenza di età con il suo ragazzo Keanu

Il documentario La famiglia De Lorenzo, tre generazioni di gelatieri, è stato diretto da Monique Lesterhuis e prodotto da Gewrite on the Screen. Il film è stato reso possibile in parte grazie al sostegno finanziario del comune di Utrecht, Prins Bernhard Cultuurfonds, KF Heinfonds, Carel Nengermanfonds, Fentener van Vlissingenfonds, Van Baarenstichting e Utrecht Society, e grazie a più di 100 donazioni tramite vonldekunst.

Informazioni sul Museo all’aperto olandese

La storia della vita quotidiana è al centro del Museo all’aperto olandese di Arnhem. Nel museo, i visitatori sperimentano come le persone hanno vissuto, lavorato e vissuto attraverso i secoli. I visitatori possono avviare una conversazione con i presentatori in diversi siti. Da oltre 100 anni il museo si impegna a dimostrare il valore dell’artigianato. L’esperienza e l’esperienza sono fondamentali per questo. Le mostre di artigianato nel museo mostrano l’artigianato del passato e del presente e consentono ai visitatori di sperimentare il valore aggiunto dell’artigianato di questo tempo. Il museo stimola tutti i sensi.

Il Museo all’aperto è costituito da un giardino del museo e dal Canone dei Paesi Bassi. Il Canone dei Paesi Bassi è una presentazione retrospettiva (interattiva) di 50 “finestre” (temi) sulla storia olandese. La storia completa del diritto olandese è legata alla storia della persona comune olandese nel giardino del museo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24