Ventenni al lavoro per una migliore assistenza agli anziani: questa la missione di Bijan, Emma e Ares

Pensando all'assistenza agli anziani: questo non è qualcosa che interessa a molti giovani, ma Bijan (25 anni) ha scelto di farne la sua carriera. Proprio come i suoi compagni di studi Emma (24) e Ares (23). “Non esiste una soluzione semplice a questo.”

La società sta invecchiando rapidamente. Ecco perché l’assistenza adeguata agli anziani è una questione importante. Nel programma del Master in Salute, Invecchiamento e Società dell'Università di Leiden, i giovani vengono formati a pensare a questo.

Esperienza nell'assistenza agli anziani

Come i suoi compagni di studi, Bijan Hosseini si concentra principalmente sull'aspetto politico della sua formazione, ma conosce i problemi anche attraverso la pratica. Prima come Assistente di filiale in un'organizzazione di assistenza domiciliare, poi nell'assistenza domiciliare e anche come Assistente medico per gli anziani.

Molto prima, al liceo, aveva già svolto una formazione sociale in una casa di cura. Abbastanza esperienza per vedere di persona dove si trovano le aree di miglioramento nell'assistenza agli anziani, soprattutto nell'assistenza domiciliare agli anziani.

Storie dalla pratica

Le storie che ha incontrato mentre lavorava hanno lasciato una buona impressione. “Ad esempio, c'era una donna sulla soglia degli ottant'anni che voleva ancora vivere a casa nel suo appartamento al quarto piano”, dice. “Aveva difficoltà a camminare, ma voleva comunque continuare a fare la spesa e ha chiesto aiuto al comune. Ma la legge sul sostegno sociale (OMM, ndr) differisce a livello regionale e locale in termini di contenuti, quindi il suo comune non è stato in grado di fornirle. “

È una situazione difficile da risolvere, ma rappresenta anche una sfida interessante, dice Bijan con entusiasmo. “Poi abbiamo dovuto discutere con gli assistenti sociali, ma anche con le persone all'interno del comune: come daremo forma a tutto ciò? Cosa possono fare gli assistenti informali? Che tipo di rete sociale esiste? se visiti il ​​centro per anziani che vivono nello Stato di Doorstep, hanno avuto un impatto sul modo in cui voglio pensarci.”

Gli anziani vogliono partecipare

Secondo Bijan, l’immagine che le persone sopra i 75 anni non partecipano più alla società è una rappresentazione limitata della realtà. “quello Discriminazione basata sull'età (Stereotipo negativo dell'anziano ndr). “Tutti hanno il diritto di fare un passo indietro.”

“Ho giocato a lungo in una squadra di calcio dove c'erano ancora anziani che lavoravano a turni e si occupavano delle questioni tecniche. Questo è molto vitale e noi ci riferiamo al significato di vitalità all'interno dell'allenatore, tra le altre cose”.

READ  626 pazienti COVID in terapia intensiva (NL+D), 2134 in clinica (NL), 3 rinvii

Parla con le persone anziane

Per questo motivo è bene che anche gli anziani pensino con la propria testa, dice Bijan. Ciò viene fatto anche durante la formazione, invitando gli anziani a tenere conferenze o come relatori. “Tutti gli anziani hanno la propria esperienza di vita e sanno dire cosa è necessario. Alcuni sono intelligenti e analitici, altri sono saggi quando si tratta di fare scelte nella vita.”

Secondo lui l'autosufficienza degli anziani non riceve attualmente sostegno e incoraggiamento sufficienti. È particolarmente turbato dai limiti di tempo che devono affrontare gli infermieri distrettuali e dalle lunghe liste d'attesa per l'aiuto domestico e l'assistenza nelle attività quotidiane come cucinare. “Se non puoi ricevere aiuto, vivere più a casa sarà molto difficile”.

informazione

Master con senior

Coinvolgere gli anziani nel corso su salute, invecchiamento e società è una scelta consapevole, afferma il professor Jakobijn Goseklo. Lei ritiene che sia importante che gli studenti, i futuri geriatri e i decisori politici nel settore dell'assistenza agli anziani, ricevano insegnamenti da anziani in modo che sappiano cosa significa essere vecchi e di cosa hanno bisogno gli anziani.

Sottolinea che ci sono molte sfide che gli studenti devono affrontare nell'assistenza agli anziani: “È un campo scientifico interessante e c'è bisogno di innovazione. Si può far finta che tutto sia negativo nell'assistenza agli anziani, ma si può anche dire: 'Noi devo pensare.”” A proposito di questo “Abilmente”.

Goseklo contesta l’idea che l’assistenza agli anziani semplicemente diminuirà rispetto a quella a cui siamo abituati a causa della carenza di personale addetto all’assistenza: “La qualità non deve necessariamente diminuire, ma piuttosto dovrebbe essere possibile un’assistenza migliore con meno specialisti. Le sfide di l'invecchiamento arriva più tardi nella vita rispetto a “In passato pensiamo a cosa possono ancora fare gli anziani”.

Cerca soluzioni

L’assistenza agli anziani è piena di idee sbagliate, problemi e potenziali problemi: attualmente c’è troppo poco personale e la popolazione sta invecchiando, il che significa che ci sono meno anziani che lavorano.

Ciò rappresenta anche una sfida per gli studenti impegnati a migliorare la situazione. “Nello studio lo chiamiamo un 'problema malvagio', un problema per il quale non esiste una soluzione semplice”, afferma Emma Van Dam, anche lei partecipante al corso.

Pensa più tardi

Dopo aver conseguito la laurea in infermieristica, Emma ha voluto proseguire gli studi. Anche lei è sempre stata a contatto con gli anziani: in precedenza ha svolto attività di volontariato presso una fondazione per persone affette da demenza.

READ  Il cherosene sintetico non è la soluzione ideale per le emissioni dell’industria aeronautica

Ora lo studente è interessato ad altre cose, come la “pianificazione proattiva dell’assistenza”. “Questa è una forma di conversazione in cui le persone devono pensare in anticipo a 'cosa voglio ancora' e 'cosa trovo ancora importante nella vita in termini di significato?' Questa può essere una conversazione importante, soprattutto con le persone anziane vulnerabili “.

Ultimi desideri

Nel dibattito pubblico, questo tipo di conversazione viene spesso menzionato insieme ai “costi dell'assistenza sanitaria”, ma non è quello a cui Emma pensa immediatamente. “Queste conversazioni si svolgono, ad esempio, in una clinica comunitaria dove sono ricoverati anziani fragili con problemi acuti. Un luogo tra un ospedale e una casa di cura, o una lungodegenza a domicilio.”

“Ad esempio, se qualcuno ha la polmonite o problemi polmonari cronici che sono peggiorati molto, a volte possono volerci alcuni mesi prima che la persona sopravviva. Poi si ha questa conversazione”, spiega. A volte questo dimostra che gli anziani hanno paura della morte o, ad esempio, di dove qualcuno vuole morire: in una casa di cura o a casa. “Se non si fanno queste conversazioni, tutti finiranno nella stessa fabbrica, mentre ogni persona anziana ha i propri bisogni”.

Dal laboratorio al ministero

Ma è importante anche il dialogo con gli stessi operatori sanitari, perché solo così possono sapere di cosa hanno bisogno per fornire una migliore assistenza agli anziani. Questo è ciò che interessa allo studente Areez Farhan. Sta svolgendo la formazione presso il Ministero della Salute, della Previdenza Sociale e dello Sport, nel Dipartimento di Assistenza a Lungo Degenza.

Ariz ha già maturato l'esperienza necessaria nel settore sanitario: in precedenza ha lavorato come team leader presso GGD durante la pandemia di Corona e ha conseguito una laurea in biomedicina. Principalmente lavoro di laboratorio, cosa che ora fa molto meno.

Ha suscitato interesse

Ares è finito in hospice a causa di un progetto che prevedeva la raccolta di dati di anziani. E qui il suo interesse è stato stuzzicato. “Si trattava di questionari con domande del tipo: 'Le informazioni che ricevi dal tuo medico di famiglia sono chiare?'”, dice della ricerca.

READ  Gli scienziati hanno scoperto una particella con la più alta energia mai vista

“Ho scoperto che le persone anziane di solito non trovano chiare le informazioni e ho pensato: forse sarebbe divertente lavorarci sopra”, continua. “Se non capisci le informazioni fornite dal tuo medico di famiglia, ciò influisce sulla tua qualità di vita. Quindi può essere migliorata.”

Tesi sulle case di cura

Ecco perché Ares sta ora conducendo una ricerca sulla tecnologia sanitaria nelle case di cura per la sua tesi di master. Lo studente scopre che il personale a volte ha difficoltà a utilizzare le (nuove) tecnologie nel settore sanitario.

“Utilizzano diversi tipi di tablet, su un dispositivo ricevono la notifica che un residente è caduto e su un altro dispositivo che qualcuno ha bisogno di ricevere farmaci. Quindi non è integrato”, spiega. “Controllo quello che preferiscono, un sistema o diversi sistemi uno accanto all'altro.”

Davanti o dietro le quinte?

Bijan riceve feedback positivi per la sua scelta di lavorare sulle politiche di assistenza agli anziani alla sua età. “Ma ho sentito che è diverso rispetto ad altri lavori o professioni nell'ambito dell'assistenza agli anziani.” Ad esempio, vede molti dei suoi colleghi lavorare “sul campo” come liberi professionisti, piuttosto che “dietro le quinte” come fa lui.

Ma questo gli va molto meglio, dice lo studente. “Mi piace il quadro generale. Come possiamo garantire dietro le quinte che gli anziani possano invecchiare in modo vivace, tenendo presente gli operatori sanitari informali?”

Prendersi cura l'uno dell'altro

L'importanza del networking tra gli anziani è qualcosa che Bijan ha imparato anche da casa: “Sono di origine afghana e sono cresciuto con norme e valori islamici. Noto che c'è molta vicinanza e comprensione delle cose all'interno della mia cultura e religione. Come prendere prendersi cura l’uno dell’altro e prendersi cura l’uno dell’altro.”

“Mia madre andava da Arnhem a Oosterhout ogni settimana quando mio nonno non stava bene e mio padre andava a trovare mia nonna ogni settimana”, dice della sua famiglia. Anche se il ventenne si rende conto anche che questo non è possibile per tutti.

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24