Vestager estende le regole europee sugli aiuti di Stato per la produzione di chip

Il commissario europeo alla concorrenza Margrethe Vestager sta valutando la possibilità di concedere il sostegno del governo per la produzione di chip tanto necessaria per l’industria europea. Gli investimenti da 1 miliardo di dollari di Intel in Germania, Francia e Italia dovrebbero avvantaggiare l’intera industria europea, non solo i grandi paesi che sostengono il piano.

La Commissione europea estende di sei mesi le regole per gli aiuti di Stato flessibili in tempi di Corona fino a luglio 2022. Ci sarà anche un regime di concorrenza più morbido per la transizione verde e digitale dell’economia. È ancora in corso una revisione completa di tutte le regole di concorrenza. Il presidente della competizione europea Margrethe Vestager cammina sui gusci d’uovo in questo esercizio.

l’essenza

  • L’Europa vuole costruire il proprio ecosistema per sviluppare i chip del futuro. Allo stesso tempo, la scarsità di trucioli oggi non giova alla produttività del settore.
  • La statunitense Intel vuole avviare la capacità produttiva europea e ha stretto un accordo con Germania, Francia e Italia, per almeno 8 miliardi di euro di aiuti governativi. La Commissione europea è aperta ad accettare tale assistenza a condizione che i benefici dell’investimento vadano alle aziende di tutta Europa.
  • La Commissione chiede un partenariato separato per sviluppare la prossima generazione di microchip. Il sostegno europeo e nazionale è possibile per questo. imec leuven potrebbe recitare in questo.

Negli ultimi mesi, si è intensificata una discussione tra i principali paesi come Germania e Francia e un gruppo di Stati membri più piccoli sull’assistenza governativa per la produzione di semiconduttori in Europa. Il ministro dell’Economia tedesco Peter Altmaier e il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton hanno chiesto un allentamento completo delle regole di concorrenza europee con l’obiettivo di creare un ecosistema europeo per la produzione di patatine.

Il fatto che il produttore di chip americano Intel si sia offerto di costruire una fabbrica in Europa per produrre chip ha contribuito a questa offerta. Pat Gelsinger, CEO di Intel, quest’anno ha visitato diversi stati membri e strutture di ricerca, incluso l’IMEC Leuven Institute. Gelsinger ha chiarito di voler investire fino a 80 miliardi di euro in impianti produttivi europei, in cambio di circa 8 miliardi di euro di aiuti governativi.

Poiché le risorse per gli aiuti di Stato sono molto più limitate per i paesi piccoli come Belgio e Paesi Bassi che per i paesi grandi, è stata principalmente la cancelliera tedesca Angela Merkel ad attuare questo effetto. Intel ha già acquisito la capacità di produzione di chip dalle Global Founderie di Lipsia. Il presidente francese Emmanuel Macron e il suo collega italiano Mario Draghi hanno ricevuto assicurazioni che le linee di produzione sarebbero state allestite presso la loro sede. Quei chip che verranno prodotti saranno almeno del tipo da 20 nanometri: il tipo di semiconduttore utilizzato oggi nell’industria e nella produzione automobilistica che scarseggia in tutto il mondo.

L’Alleanza delle Tre Grandi e gli Accordi di Sostegno rimasero sott’acqua. Dopotutto, gli Stati membri hanno bisogno dell’approvazione della Commissione Europea per gli aiuti di Stato. La presidente della CDU Ursula von der Leyen ha fatto il lavoro.

emico

Nel frattempo, il governo tedesco ha anche guidato una partnership europea di ricerca e produzione per la nuova generazione di chip con una dimensione di 2 nanometri o inferiore. Imec, tra gli altri, è leader in questi microchip. La società high-tech olandese ASML sta sperimentando macchine per produrre questi minuscoli chip.

2

nm

Con un massimo di 2 nm, i chip del futuro sono molto più piccoli dei semiconduttori da 20 nm necessari oggi nell’industria. Il laboratorio di ricerca imec di Leuven è un pioniere nella ricerca sui chip più piccoli.

L’Europa punta a raddoppiare la produzione di chip entro il 2030 per raggiungere una quota di mercato globale del 20% e partecipare così alla corsa alla leadership tecnologica. La “legge sui chip” europea dovrebbe fissare le regole del gioco questa primavera per raggiungere questo obiettivo.

Un tale partenariato europeo o IPCEI (Importante progetto di comune interesse europeo) per i chip ad alta tecnologia potrebbe attingere a regole di aiuti governativi più flessibili, sia a livello nazionale che europeo. Dopotutto, si tratta di un’innovazione rivoluzionaria. Tale cooperazione esiste già per le batterie, l’idrogeno verde e il cloud europeo.

due tracce

Vestager vuole evitare che questa collaborazione sui chip distorca il profilo di investimento di Intel. Sei paesi, tra cui Paesi Bassi e Scandinavia, hanno avvertito una settimana fa di un “campo di gioco irregolare nel mercato interno”, in cui solo le grandi aziende di grandi paesi avranno il loro denaro. I sei temono la corsa al sostegno e la concorrenza sleale tra gli Stati membri.

Quindi Vestager separa il file Intel dal file IPCEI. Ha chiesto esplicitamente di proseguire la collaborazione di IPCEI per sviluppare “tecnologie e componenti innovativi per la microelettronica e il suo primo sviluppo industriale”. Il sostegno europeo e nazionale è possibile per questo. Quindi non si tratta di Intel, ma di creare nuovi progetti, dove imec può dare un contributo importante.

Allo stesso tempo, Vestager apre le porte all’approvazione del dossier degli aiuti di Stato per Intel, come primo passo verso la produzione di chip europei. “Diventare autosufficienti con i chip è un’illusione”, dice Vestager, puntando il dito accusatore contro Britton. 40 anni fa, l’Europa rappresentava ancora la metà della produzione globale di chip. È giusto che i paesi membri investano di più a determinate condizioni per ridurre il gap produttivo.


40 anni fa, l’Europa rappresentava ancora la metà della produzione globale di chip. A determinate condizioni, gli Stati membri hanno il diritto di aumentare gli investimenti al fine di ridurre il divario produttivo.

Margaret Vestager

Commissario Europeo per la Concorrenza

Per i titoli europei, il sostegno alle fabbriche di chip dovrebbe essere “necessario, appropriato e proporzionato”. Vestager chiede anche forti garanzie che “i benefici di questi aiuti governativi saranno ampiamente condivisi senza discriminazioni nell’economia europea”. Sembra essere un invito alla Merkel a mettere finalmente tutti i piani sul tavolo.

READ  IDL Retro | "Team Cow" come Nikki Terpstra è entrata nel gruppo del WorldTour

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24