VITRUM 2021 entra in funzione • Il vetro nella foto

È iniziata questa mattina la mostra biennale Vitrum. GIMAV sta facendo il passo successivo nel recupero consentendo a VITRUME di continuare. Dopo il disastro del 2020 per gli italiani, il 2021 è iniziato bene. Fiera ogni due anni, Da martedì 5 a venerdì 8 ottobre a Milano, conferma il percorso scelto. È il primo momento in cui i professionisti del vetro internazionali possono incontrarsi “fisicamente” di nuovo.

GIMAV è un’organizzazione italiana completa di produttori di macchine e strumenti per la lavorazione del vetro. Ha annunciato lo scorso autunno che i suoi membri non parteciperanno al Glasstec previsto per lo scorso giugno. Preferiscono il loro Vitrum. Questa scelta ha avuto molto a che fare con il rinvio della mostra di Düsseldorf a quest’anno “strano”. La mostra in concorso è stata a Milano dopo un periodo di tempo relativamente breve, ma finalmente dopo quattro mesi.

Biennale Vitrum

Le fiere Glasstec e Vitrum si svolgono alternativamente ogni due anni. Glasstec a Dusseldorf negli anni pari e Vitrum a Milano negli anni dispari. A causa di Corona, Glasstec diventa digitale nel 2020. La mostra fisica è stata posticipata al 2021 e questo era contro il pelo degli italiani che preferiscono la loro fiera “propria”. Gli enormi padiglioni 13 e 16 di Messe Düsseldorf sono solitamente completamente occupati dai membri di Gimav. Insieme, i produttori italiani rappresentano più di 10.600 metri quadrati di superficie espositiva netta. Quindi scegliere il Milan è stata una perdita enorme per Glasstec. Che sia per l’assenza degli italiani o per l’incertezza su Corona: la mostra di Düsseldorf è stata ormai completamente cancellata e si svolge ora “normalmente” secondo il ritmo della Biennale nell’autunno del 2022.

READ  Antonio Conte ha rifiutato il posto dopo il fallimento di Euro 2020

2020 اء prestazioni

GIMAV ha tenuto la sua riunione annuale nel mese di luglio. I dati presentati alla riunione riflettono l’impatto della pandemia di COVID-19 sulle prestazioni dell’industria della lavorazione del vetro. Tuttavia, il settore è riuscito a riprendersi; Il 2021 è un buon inizio. La produzione nel 2020 è diminuita del 16,6% a causa di minori esportazioni (-14,9%) e vendite interne (-20,7%).

È facile vedere come la pandemia abbia influito negativamente sulle prestazioni. L’industria italiana delle macchine per la lavorazione del vetro ha chiuso il 2020 con un fatturato totale di 2.027 milioni. In altre parole, più di 2 miliardi di euro. Nel 2019, questa cifra era ancora superiore a 2,4 miliardi di euro, con un calo del 16,6%. Anche le importazioni sono diminuite (-11,1%), determinando una contrazione del mercato interno (-17,2%). Si registra una flessione complessiva dell’interscambio (-14,2%) e una diminuzione del saldo commerciale (-16,1%). Tuttavia, è rimasto positivo a oltre 1 miliardo di euro.

Recupero nel 2021

Se il 2020 è l’anno della crisi economica globale, il 2021 sarà l’anno della ripresa. Almeno, questo è ciò che crede l’industria del vetro italiana. “Abbiamo rimbalzato con una forza straordinaria”, ha detto Michel Giusti, presidente di GIMAV. Lo si può vedere dai nostri indici di concorrenza internazionale. La capacità di penetrare nei mercati internazionali è già aumentata, con le esportazioni che rappresentano il 71,5% delle vendite. Il nostro settore è stato davvero messo alla prova nel 2020. Nonostante la pandemia che ha travolto il nostro settore a ondate e i conseguenti blocchi e chiusure delle frontiere, abbiamo agito rapidamente per limitare le nostre perdite. Lo abbiamo fatto con più successo dei nostri concorrenti internazionali.

READ  Latti degli allevatori italiani notevolmente stabili - Inside Milk

Il vetro piatto è stato colpito duramente

Dei tre settori GIMAV, l’industria del vetro piano è stata quella più colpita dalla pandemia. Rispetto al 2019, ciò si riflette in minori ricavi, esportazioni e vendite sul mercato interno per tutto il 2020 (escluse le vendite di novembre). Tuttavia, c’è stata una migliore penetrazione nel mercato internazionale e più punti d’appoggio sono stati stabiliti nel mercato interno. In generale si registrano risultati migliori per il secondo settore. L’industria del vetro o del vetro cavo ha ridotto le perdite di vendita (-8,9%), anche grazie al positivo risultato delle vendite sul mercato interno (+17,7%). Ciò è in gran parte dovuto al fatto che l’industria del packaging ha continuato a operare “per l’importanza nazionale di questa filiera”. Ciò ha contribuito a compensare il calo del 15% delle esportazioni.

Il settore ha migliorato la sua presenza nel mercato domestico, ma ha registrato un calo della competitività internazionale. Per quanto riguarda il terzo settore, quello delle materie prime e degli strumenti, ha limitato al 10 per cento le perdite di ricavi, esportazioni e vendite interne. La posizione competitiva internazionale del settore è rimasta abbastanza stabile.

ripristinare 2021

A gennaio di quest’anno, la performance negativa dei soci GIMAV era già scomparsa, aprendo la strada a una ripresa a febbraio. Questo grazie alle buone vendite interne e ad un parziale recupero delle esportazioni, stabilizzatesi a marzo, quando il commercio internazionale è pienamente ripreso. Le vendite dovrebbero crescere di almeno il 4,5% quest’anno. Pur rimanendo un risultato ancora modesto, è trainato dal buon andamento del segmento materie prime e utensili e dalla stabilizzazione del segmento vetro piano rispetto al 2020 a fronte dei risultati negativi attesi per gli imballaggi in vetro. Quest’ultimo è una conseguenza della stagnazione delle esportazioni.

READ  Sono stati commessi più di 100 omicidi, ma due sono gratuiti

Tuttavia, si può ragionevolmente presumere che i risultati del 2021 saranno migliori del previsto. Con il numero di contagi in calo e la campagna di vaccinazione che prosegue a pieno regime, GIMAV prevede di potersi avvicinare al livello del 2019.

Ottimista su Vitrum

La tendenza verso un’eventuale ripresa è sottolineata anche dall’ottimismo che circonda VITRUM 2021. Lo abbiamo detto durante la pandemia e lo ripetiamo: VITRUM 2021 sarà la fiera della ripresa del settore, non solo per i produttori ma anche per le aziende che lavorano il vetro, afferma Dino Zandonella Nica, Presidente del Consiglio di Amministrazione di VITRUM. “All’inizio di ottobre Milano è il palcoscenico dove si mette in mostra ogni aspetto del bicchiere e stiamo lavorando duramente per renderlo un grande evento per tutti”.

In un articolo su Glass in Build sulla fiera Vitrum, un’anteprima alfabetica di alcune presentazioni della fiera da parte dei partecipanti. Leggi l’articolo completo su Glas in Beeld #4 – Settembre 2021. Non sei ancora iscritto? Iscriviti qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24