Vivremo presto in case ammuffite sulla Luna? Se dipendesse dalla NASA, sì

Trovare la muffa in casa è un incubo per molti. Ma alla NASA la pensano in modo completamente diverso a questo proposito. L’agenzia spaziale, infatti, sta investendo molto nella ricerca sulle case realizzate con i funghi.

Sembra la scena di un brutto film di fantascienza, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Se la NASA raggiungerà il suo obiettivo, costruiremo case senza muffa. L’agenzia spaziale statunitense ha recentemente stanziato 2 milioni di dollari per la ricerca su queste “case fungine”.

A proposito, non dobbiamo preoccuparci che in futuro le nostre case qui sulla Terra saranno tutte fatte di muffa. L’intenzione è che le case dei funghi inizialmente sorgano sulla Luna o su Marte quando le persone inizieranno a vivere e lavorare qui in futuro.

Lanciare i mattoni nello spazio non è un’opzione

Ma allora perché costruiamo case? In ogni caso si tratta di una vera soluzione per i costruttori che in futuro costruiranno case su altri pianeti. Lanciare mattoni e malta nello spazio non è davvero un'opzione. I materiali da costruzione che conosciamo qui sulla Terra sono pesanti, il che significa che il loro lancio richiede molto carburante (e quindi denaro). Ecco perché gli scienziati hanno ora deciso di sperimentare con i mattoni dei funghi.

Questo micelio, o rete metallica sotterranea, cresce in un telaio o in uno stampo. A terra, i pneumatici sono pieni di funghi inattivi. Vengono poi trasportati sulla Luna e lì gli astronauti devono solo aprirli e dar loro un po' d'acqua. Ciò fa sì che il fungo si attivi nuovamente e inizi a crescere attorno allo pneumatico.

Per evitare che tutti questi funghi prendano il sopravvento, vengono riscaldati non appena crescono. Questo non solo uccide il fungo, ma rinforza anche il materiale di cui è fatto, la sua rete metallica.

Sedie e blocchi da costruzione realizzati con stampi

La ricerca è guidata dal biologo evoluzionista Lynn Rothschild. In precedenza ha realizzato mobili e elementi costitutivi per la NASA costituiti in gran parte da funghi. La NASA ne è molto entusiasta progetto L'organizzazione stanzierà altri 2 milioni per ulteriori ricerche. “Ci stiamo preparando a scavare più profondamente nell'universo che mai, e questo richiede nuove scienze e tecnologie che ancora non esistono”, ha affermato Bill Nelson, CEO della NASA.

Per ora, le case dei funghi sono solo per i futuri astronauti, ma Rothschild e i suoi colleghi sperano che il loro lavoro venga prima o poi applicato alla Terra. Il nostro attuale modo di costruire produce molte emissioni di gas serra. Inoltre, si prevede che la domanda di alloggi a prezzi accessibili aumenterà in futuro.

Questi psicologi offrono i loro migliori consigli per una vita (mentalmente) sana.

Hai notato un errore? Scrivici. Ti siamo grati.

Commenti

READ  Quanto siamo sicuri che gli esseri umani stiano causando il cambiamento climatico?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24