Xandro Meurisse verslaat Matteo Trentin al Giro del Veneto

Xandro Meurisse verslaat Matteo Trentin al Giro del Veneto

mercoledì 13 ottobre 2021 alle 16:40

Xandro Meurisse è il vincitore del Giro del Veneto 2021. Dopo un’emozionante finale a Padova, il belga ha potuto affrontare Mathieu Trentin, che lunedì è arrivato secondo anche nella Coppa Agustoni. Terzo classificato Alberto Dainese.

Le ultime due classiche italiane autunnali si svolgeranno questa settimana in Veneto – e la sua capitale è la gondola veneziana. Oggi era in programma il Giro del Veneto, tornato in trasferta. L’inizio di questo classico popolare è stato a Citadel, su una pista di montagna di oltre 169 chilometri. La fine è stata dopo una finale relativamente consistente a Padova. La gara UCI 1.1 questa volta ha visto sei salite impegnative, l’ultima delle quali – Il Roccolo (1,6 km al 9,9%) – è stata il boia. È bastato questo per buttare in mare i corridori?

Otto passeggeri compongono il primo volo
Con Alessandro Coffey, Mark Hershey, Matthew Trentin, Diego Ulissi, Alexei Lutsenko, Ilya Viviani, Aud Christian Eking e Peter Fako in partenza c’erano abbastanza persone pulite all’inizio. Tuttavia, la rottura anticipata è stata formata da altri otto cavalieri. Mattia Paes (Androni Giocattoli-Sidermec), Simone Bevilacqua (Vini Zabù), Giacomo Garavaglia (Work Service Marchiol Vega), Luka Pajek (Team Hrinkow Advarics Cycleang), Niccolò Salvietti (Mg.k Vis VPM), Matteo Euromlo (Z) , Matteo Baseggio (General Store Essegibi F.lli Curia) e Marco Grendene (Beltrami TSA) sono riusciti ad ottenere un buon vantaggio.

Foto: Colore Vos

Dopo che la partenza è stata ritardata di mezz’ora per motivi tecnici, gli otto leader avevano tre minuti di vantaggio sul Peloton di un punto. Col passare dei chilometri, anche il vantaggio si è ridotto, in parte grazie al duro lavoro degli uomini dell’Astana-Premier Tech e degli Emirati Arabi Uniti al timone. Il gruppo di testa si era già notevolmente ridotto ed era composto da Bevilacqua, Bais, Garavaglia e Zurlo a una sessantina di chilometri dalla fine. Gridin, Pike, Salvetti e Pasiggio vengono rilasciati e catturati nuovamente dal grande gruppo.

READ  Tre secondi di ispezione e vergini farfalla nel paese

Passi affollati verso El Rocolo
Non molto tempo dopo furono chiamati di nuovo Bevilacqua, Bais, Garavaglia e Zurlo e con un gruppo debole andammo al Roccolo, il più importante e anche l’ultimo carnefice della giornata. Le maglie azzurre dell’Astana dettano ancora il ritmo e tocca a Samuel Battistella, campione Under 23 dello Yorkshire, tagliare il gruppo. Il giovane italiano ha anche spianato la strada ad un attacco di Lutsenko, ma il giovane Alessandro Covi è stato il primo a lanciare la mazza nel pollaio. Tuttavia, Lutsenko era all’erta ed è stato in grado di ricongiungersi al proprio ritmo.

Mark Hershey è stato il prossimo fantino degli Emirati a provare qualcosa, e con lui lo svizzero ha ottenuto un forte Lutsenko. Il kazako ha atteso pazientemente il momento e sotto il vertice de Il Riccolo è arrivato il tanto atteso attacco di Lutsenko. Hershey ha seguito le orme di Lutsenko e il resto dovrebbe essere in forma. E così abbiamo iniziato la breve ma tortuosa discesa de Il Riccolo con due corridori davanti (Lutsenko e Hirschi), seguiti da un gruppo di inseguitori che includeva Covi, Lorenzo Rota e Ben Tulett. Tuttavia, la situazione dei prezzi è completamente cambiata dopo il crollo di Hirschi.

Hershey va sulla Terra, il gruppo d’élite sta arrivando alla fine
Lo svizzero si è schiantato lungo il pendio del Riccolo e improvvisamente ha portato Lutsenko da solo davanti. Tuttavia, presto il kazako fu raggiunto da un secondo concorrente. Questa volta è stato Rota a prendere il comando dallo sfondo e, a più di venti chilometri dal traguardo, altri sette cavalieri hanno seguito il comando di Rota. Il primo gruppo era Lutsenko, Kofi, Rota, Tolet, Zandro Morris, Jonathan Restrepo, Kevin Colleoni, Davide Formolo e Simone Velasco. Tuttavia, la cooperazione era tutt’altro che ottimale, quindi più piloti sono stati in grado di rettificare la situazione tortuosa.

READ  Peter Demore di Botticelli presenta Belgio-Italia e rivede la lista

Ragazzi veloci come Matteo Trentin, Diego Ulissi e Alberto Dainese hanno colto l’occasione per ricongiungersi e nella finale verso Padova il gruppo si è allargato. La velocità non era diminuita, quindi Ulises decise di provarlo da solo. Percependo il pericolo, David condusse Gaborough e Tullitt alla ruota di Ulisse, ma questo tentativo ebbe vita breve. A otto chilometri dalla fine, toccava a Trienten agire, ma nemmeno l’esperto italiano ha avuto carta bianca per vincere.

Trentin è stato sconfitto di nuovo… questa volta da Morris
La seconda marcia di Trenton ha portato più carne alla madre. Gli italiani, insieme a Restrepo e Meurisse, sono riusciti a creare un gap ei tre attaccanti hanno iniziato gli ultimi due chilometri con dieci secondi di vantaggio. Sul gruppo dell’inseguimento, Colleoni ha dato tutto per l’occasionale compagno di squadra Dainese, ma il giovane italiano non è riuscito a colmare il divario. Tuttavia, tutto era ancora giocabile nell’ultimo chilometro. Tuttavia, i corridori sono arrivati ​​troppo tardi, quindi è stato il momento di correre tra Trentin, Maurice e Restrepo per vincere.

Foto: Colore Vos

Alla Coppa Agostoni, Trentin si è fatto picchiare da Lutsenko e ancora una volta è stato messo al tappeto da un corridore più lento, sulla carta. Trentin ha iniziato a correre abbastanza presto e in realtà ha fatto un lavoro perfetto per Maurice. Il belga è rimasto calmo ed è riuscito abilmente a rifare il suo avversario italiano. Per il 29enne corridore Alpecin-Fenix ​​si tratta della prima vittoria stagionale da parte dell’UCI. All’inizio di quest’anno ha già vinto una gara Premio della città di GeraardsbergenÈ una gara ricreativa per corridori a contratto d’élite.

READ  Sportcourt: i cronometristi percorreranno la stessa distanza degli uomini alla prossima Coppa del Mondo | gli sport

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24