21 morti in Cina a causa del maltempo nella Tramaratona

Nel nord della Cina, almeno 21 persone sono state uccise in una corsa podistica di 100 chilometri. Forti venti, grandine e gelo hanno travolto i partecipanti all’Ultramarathon in un’aspra riserva naturale con profonde montagne e valli. 172 persone hanno partecipato alla gara. Le autorità dicono che 151 di loro stanno bene.

La gara è iniziata sabato mattina a Jingtai nella Yellow River Stone Forest. I partecipanti spesso hanno iniziato con magliette e pantaloncini. Il cielo era nuvoloso. A mezzogiorno, è diventato improvvisamente gelido con pioggia in inverno.

Il percorso prevedeva uno stretto sentiero di montagna cosparso di pietre dove i concorrenti dovevano superare un dislivello di 1.000 metri entro 12 chilometri, ha detto un sopravvissuto. L’Associated Press ha riferito che tra i partecipanti c’erano atleti esperti. Le ultramaratone si svolgono spesso nella zona.

La corsa si è interrotta alle 13 ora locale. Un giorno dopo, sono stati trovati i corpi di 21 corridori scomparsi. Otto partecipanti sono stati trattati per lesioni lievi.

I droni hanno incontrato la telecamera

Il governo locale ha inviato centinaia di soccorritori, alcuni dei quali indossavano abiti invernali. Era dotato, tra l’altro, di droni dotati di telecamere termiche, proiettori e attrezzature per la demolizione. Una frana ha ostacolato il loro lavoro a causa del clima rigido, del freddo e del terreno accidentato.

Il disastro ha suscitato intense critiche al governo locale, anche sui social media cinesi. “Perché non hanno guardato le previsioni del tempo e non hanno bilanciato i rischi?” Ma secondo un atleta, il tempo molto brutto era inaspettato. Prima che la partita iniziasse, sentiva che “non andava tutto bene”. Ad esempio, non si stava riscaldando dopo 2 chilometri di riscaldamento. È decollato, ma si è voltato in tempo. Gli altri concorrenti, che erano già più lontani, non furono così fortunati. Alcuni di loro caddero in una profonda fenditura di una montagna.

READ  Liberato in Libia il figlio dell'ex dittatore Gheddafi

In una successiva sessione stampa, i funzionari locali si sono inchinati, si sono rammaricati e si sono dichiarati responsabili. La situazione è oggetto di indagine.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24