A Milano prevale la calma assoluta e l’Italia teme una recessione a causa del nuovo virus Corona

Alle dieci del mattino, il venditore di souvenir Daniele Sala tira fuori il vassoio dalla cassa e lo mostra: “Solo qualche moneta. Nemmeno una banconota. Stamattina sono aperto dalle cinque. Normalmente ne avrei fatte cinquanta”. o sessanta euro a quest'ora.” ma oggi: Novanta“.

Sala se ne sta nel suo piccolo séparé, circondato da accendini, calamite da frigorifero e posacenere con le foto del Duomo di Milano a duecento metri di distanza. Fa affidamento sulle folle di turisti che abitualmente vengono ad ammirare la chiesa gotica. Ma ora che il nuovo coronavirus ha tormentato il Nord Italia da venerdì scorso e i musei, i teatri e i caffè di Milano sono stati costretti a rimanere chiusi per limitare la diffusione del virus, Sala ha notato che i suoi clienti sono scomparsi.

Lo conferma Maurizio Naro, presidente dell'Associazione Albergatori Milano. “Almeno il 30 per cento delle prenotazioni sono state cancellate”, ha detto all'ANSA. Questo costa all'hotellerie milanese 3 milioni di euro al giorno. E non sono solo i turisti a restare lontani. “Le aziende cancellano riunioni e conferenze negli hotel”.

Poche macchine e la metro è vuota

Questa città solitamente vivace era ora irrealisticamente tranquilla. Ci sono poche macchine e i treni della metropolitana, solitamente affollati nelle ore di punta mattutine, sono quasi vuoti. La grande piazza del Duomo è stranamente silenziosa. Alcune delle poche persone che camminano indossano maschere per il viso o nascondono il naso e la bocca in profondità nella sciarpa. Solo pochi giapponesi stanno in mezzo al bagno e si fanno selfie. La famosa cattedrale, simbolo di questa ricca città, è chiusa a causa del virus.

Adiacente alla piazza si trova la galleria commerciale Vittorio Emanuele II, con i suoi pavimenti in marmo e gli eleganti negozi delle case di moda milanesi Armani, Prada e Versace. Biffi's è qui dal 1867, come si legge sulla porta. Ma il cameriere Nicola Serra adesso sta con le braccia conserte e guarda immobile tra i tavolini fuori. “Le nostre vendite sono diminuite del 60% da lunedì.” Ricorda solo un simile dramma finanziario avvenuto all'inizio degli anni '90, quando iniziò la Guerra del Golfo. “Questo virus è peggio della guerra, perché non puoi vedere questo virus.” Si emoziona. “Certo bisogna cercare di contenere la diffusione, ma a quale costo? Perché tutta Milano è paralizzata quando qui abbiamo un solo contagio?

La provincia di Milano, con pochi milioni di abitanti, è la locomotiva economica dell'Italia. Qui guadagna un decimo di quanto guadagnano insieme sessanta milioni di abitanti dell'intero Paese. Gli economisti avvertono che se questa locomotiva rallenta, l’intero Paese se ne accorgerà. Vale la pena notare che il Salone del Mobile, la fiera del mobile di design di aprile che attira centinaia di migliaia di persone e guadagna centinaia di milioni di euro, è stato rinviato a giugno per motivi di sicurezza; I ricchi acquirenti asiatici rischiavano di voltare le spalle.

Panico incomprensibile

Non solo il Milan è in calo. Gli imprenditori del Veneto, secondo motore dell’economia italiana, risentono del colpo finanziario causato dal virus. Nei media si lamentano dei fornitori stranieri preoccupati che si rifiutano di consegnare pezzi di ricambio essenziali e dei viaggi di lavoro cancellati dai partner stranieri per paura di contrarre il virus. A Padova, Antonio Santocono, presidente della Camera di Commercio, ha dichiarato: “La nostra economia è colpita da un grave guasto elettrico. La combinazione del comprensibile panico della popolazione e della follia delle misure sproporzionate adottate dai politici potrebbe causare una crisi senza precedenti”.

Gli esperti finanziari ritengono che il virus potrebbe spingere l’economia italiana, che già cresce a malapena, in recessione. Ad esempio, gli analisti di Rabobank hanno riferito che “le infezioni virali creano nuovi rischi al ribasso per l’Italia”. La banca non è ancora in grado di stimare correttamente l’entità del danno. Ignazio Visco, governatore della Banca Centrale Italiana, valuta con cautela una perdita dello 0,2% del Pil.

Nel Nord del Paese regna l’incertezza. “L’incertezza uccide l’economia”, dice Sebastiano Cavallaro, direttore dell’Hotel Flora di Milano. Le sue cinquanta stanze sono ormai occupate per metà, mentre è sempre pieno. “Supponiamo che le misure rimangano in vigore per diversi mesi. . Potrebbe essere un disastro: come ci riprenderemo? Potrebbe passare molto tempo prima che i turisti osino tornare di nuovo a Milano.

Leggi anche:

Il coronavirus continua a diffondersi in Germania, Grecia e Brasile, GGD: niente panico

Il nuovo coronavirus si sta diffondendo rapidamente in tutto il continente europeo. I primi casi sono stati rilevati oggi in Germania e Grecia, e il GGD olandese invita alla calma.

READ  In quali paesi posso andare in vacanza?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24