Acqua nelle razioni, Italia alle prese con siccità record: ‘E’ un disastro’

A Roma il Tevere è così basso che in alcuni punti sono esposti i resti di un ponte archeologico. I naufragi della seconda guerra mondiale stanno rivivendo sul fiume più lungo del Paese, il Po. Attualmente, il livello dell’acqua è più di 7 metri più basso del solito.

È per lo più secco, ma quest’anno è stato intenso. A causa degli inverni miti, dalle Alpi arrivava poca acqua di disgelo. Anche la primavera in Italia è stata più calda del solito. Le temperature sono salite a 40 gradi a giugno. “Uscire è quasi impossibile e sconsigliato”, afferma il giornalista Anouk Poon.

attività

Gli italiani sono ora sollecitati a risparmiare acqua, non sempre su base volontaria. Ad esempio, a Verona e Pisa, il consumo di acqua potabile è basso. A Verona quest’estate solo l’acqua potabile può essere utilizzata per cucinare e pulire la casa durante il giorno. Il riempimento di una piscina è consentito solo di notte, anche se ti viene chiesto di non farlo. Alcuni luoghi hanno limiti al consumo giornaliero di acqua del rubinetto.

Altrove nel Paese – come Venezia e Milano, Birmania e Spoleto – le fontane sono state spente. E a Coccolito, sulla costa ligure, quest’estate non può piovere in spiaggia.

A Bologna non è più consentito lavare l’auto a casa. Si consiglia di far funzionare la lavatrice solo a 30 gradi. Dovresti raccogliere l’acqua da cui vengono lavati frutta e verdura in modo da poterla riutilizzare.

Agricoltori interessati

Il fiume Po è la linfa vitale dell’agricoltura del nord Italia. La falda freatica colpisce soprattutto gli agricoltori della Pianura Padana in quanto non c’è abbastanza acqua per i terreni. Il contadino Idelfonzo coltiva mais, ma le sue piante sono troppo piccole per la stagione. “Il raccolto è una perdita. Anche se ora inizia a piovere. Al massimo le piante saranno un po’ verdi. Ma il grano non crescerà”.

READ  L'incidente in cui un venditore ambulante nigeriano è stato derubato e picchiato a morte ha sconvolto l'Italia

Il mais viene utilizzato principalmente come mangime per animali, il che influisce anche sul consumo di bovini. Il contadino lo sentirà nel suo portafoglio. A causa della scarsità di foraggio, i prezzi aumenteranno. Ma ha preoccupazioni più grandi. A causa del continuo caldo torrido, anche le mucche producono meno latte.

“Siamo molto preoccupati per il futuro. Non solo per la scarsità di terra, ma anche per ciò che verrà in tavola dagli italiani in futuro. I prezzi dei generi alimentari aumenteranno”, ha detto il direttore locale Paola Bono. Associazione Agricoltori e Orticoli della Regione Cremona.

“E’ un disastro per la Pianura Padana”, dice. “L’agricoltura non ha mai affrontato una crisi idrica così drammatica in settant’anni. L’intera catena è minacciata”.

Il governo italiano ha ora dichiarato lo stato di emergenza per le cinque regioni più colpite. Questo libera denaro extra. Ma sono solo poche decine di milioni, il che non è abbastanza.

Il contadino Idelfonzo spera di ottenere almeno una parte dei soldi. “Speriamo che il governo o l’Europa vengano in nostro aiuto, in modo da poter piantare semi l’anno prossimo senza bussare alla porta della banca per un prestito”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24