Alcuni medici di base cedono alle pressioni dei genitori e della scuola

Opposto

Nove medici di base su dieci sentono regolarmente pressioni da parte dei genitori e delle scuole affinché sottopongano i bambini a una diagnosi di ADHD, mentre i medici di famiglia stessi non lo ritengono necessario. Uno su tre (34%) talvolta cede alle pressioni dei genitori e uno su cinque (17%) alle pressioni delle scuole per prescrivere farmaci. Ciò è dimostrato da una ricerca condotta dall'UMC Groningen e dalla fondazione per il benessere dei giovani Accare.

Il 73% dei medici di base ritiene inoltre che i farmaci per l’ADHD vengano prescritti troppo rapidamente. Inoltre, la ricerca ha dimostrato che il metilfenidato – il principio attivo del farmaco – perde leggermente la sua efficacia dopo un uso prolungato.

Valvole

La ricercatrice dell'UMCG Anne-Flore Matthijssen riceverà domani il dottorato di ricerca per la sua ricerca. A tal fine, ha condotto un sondaggio tra 900 medici generici e ha seguito 94 bambini che utilizzavano farmaci per l’ADHD per più di due anni. Alcuni bambini hanno ingoiato le pillole, mentre altri si sono tirati indietro e hanno ricevuto un placebo. La ricerca mostra che il comportamento del 60% dell'ultimo gruppo non indicava se il bambino stesse assumendo farmaci o meno.

Il metilfenidato ha dimostrato di essere un trattamento efficace per i bambini con ADHD, afferma Matthijsen. “Ma questo effetto è stato studiato solo a breve termine. Sempre più bambini lo usano anche a lungo termine, e ora sappiamo che esiste un gruppo di bambini per i quali il farmaco non è più efficace. Ciò solleva interrogativi. ” Mathiesen dice. “Un numero maggiore di bambini non sarà in grado di smettere di assumere farmaci a lungo termine?” Il ricercatore ritiene che questa opzione dovrebbe ricevere maggiore attenzione nel trattamento dell'ADHD.

READ  Il cervello delle persone obese reagisce in modo diverso a stomaco pieno

A Teagle fu diagnosticato l'ADHD quando aveva 6 anni e prese il Ritalin e poi il Medicent. Dopo sette anni, Teagle, dopo aver consultato i suoi genitori e il medico, passò ad un altro farmaco:

“Non avevo appetito e dormivo molto male.”

Il medico di famiglia di Landsmeer, May Nijens, vuole innanzitutto confermare che i problemi di concentrazione della bambina sono dovuti all'ADHD e non crede che lei sia sufficientemente qualificata per fare da sola quella diagnosi. “Questo perché non posso supervisionare tutto. Ci sono altri fattori che possono giocare un ruolo: scarsa intelligenza, problemi a casa o altri disturbi psicologici. Non sempre si tratta di ADHD.”

Nijens ritiene che una volta che a un bambino viene dato un segno di ADHD e vengono prescritti farmaci, continuerà per anni. “Quindi devi farlo con attenzione.”

Secondo l'indagine condotta dal ricercatore Matthijsen, alcuni medici di base prescrivono farmaci per l'ADHD senza l'intervento di uno psichiatra infantile. GP Neijens no, ma è consapevole della pressione esercitata dai genitori e dalla scuola. “A volte i genitori trovano fastidioso se non voglio prescrivere farmaci. Il tempo di attesa per gli psichiatri infantili è lungo. Questo è fastidioso e talvolta i genitori si sentono delusi tre volte. Mentre lo facevo, non l'ho mai visto la necessità di aiutare immediatamente il bambino.

Nijens, come quasi tre quarti dei medici generici intervistati, ritiene che i farmaci vengano prescritti troppo rapidamente, soprattutto ai bambini piccoli. “Sono proprio come i cuccioli. Sono sempre occupati e costantemente in movimento. Ma quello che ci aspettiamo da loro come società è che imparino a stare fermi, ad ascoltare e a svolgere compiti fin dalla tenera età.”

Lei dice che c’è molta enfasi sullo sviluppo cognitivo. “Stiamo trascurando lo sviluppo fisico, ma anche il bisogno fisico dei bambini di fare esercizio. Alcuni di questi ragazzi impegnati non possono fare quello che chiediamo loro di fare. Questo non è ADHD, sono solo bambini sani.”

Non sorprende che farmaci come Ritalin, Concerta e Medikinette siano ampiamente prescritti. Dal 2003 al 2014 il numero di prescrizioni prescritte è quadruplicato. Questa crescita si stabilizzò negli anni successivi. Nel 2023 il farmaco è stato prescritto 85.000 volte a bambini dai 4 ai 17 anni.

L’indagine mostra che un’ampia percentuale di medici di base intervistati ritiene che i bambini ricevano diagnosi e somministrano farmaci troppo facilmente:

  • Ora delle notizie

  • Ora delle notizie

In risposta a questa enorme crescita, l’Health Board ha chiesto ai medici di essere più vigili quando prescrivono farmaci. Ramon Lindauer, professore di psichiatria infantile e dell'adolescenza presso l'Università di Amsterdam UMC, a nome dell'Associazione psichiatrica olandese, chiede ancora una volta una pausa. I medici vorrebbero implementare una settimana di inattività ogni anno, come indicato nelle linee guida.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24