Almeno sei morti dopo il crollo dei ghiacciai in Italia: ‘Gli sport di montagna stanno diventando sempre più imprevedibili a causa del riscaldamento globale’

gjs, jvh, TOMMY HUYGHEBAERT, ANNELIES BETEN

“Abbiamo sentito un rumore enorme, tipico di una frana. Poi abbiamo visto una specie di valanga di neve, rocce e ghiaccio che scendeva ad alta velocità”, testimonia il proprietario di un rifugio di montagna che si affaccia sul sentiero per Punta Roca. Questa è la vetta del Monte Marmolada nelle Dolomiti italiane, dove domenica sono cadute le vittime. Con vette che raggiungono i 3.342 metri, la Marmolada è la montagna più alta delle Dolomiti e una meta ambita dagli scalatori. “La valanga ha ucciso almeno sei persone e ferito otto, di cui due stranieri. Almeno un ferito è in gravi condizioni”, ha detto il portavoce della Protezione civile italiana Gian Paolo Bottasin. E l’agenzia di stampa italiana ha riferito che la ricerca era ancora in corso, domenica sera, per circa 15 persone.

I servizi di soccorso temono che il numero delle vittime possa aumentare ulteriormente. Ai piedi della catena montuosa, dove iniziano le vie di arrampicata, sono state contate sedici auto, il cui proprietario non è stato ancora rintracciato. “Non sappiamo ancora se le auto siano appartenute a persone decedute o scomparse, oa persone estranee all’incidente”, ha detto Maurizio Fogatti, presidente della Regione Trento.

Al ministero degli Esteri non si sapeva se tra le vittime ci fossero i belgi. L’Associazione Arrampicata e Alpinismo non ha ancora ricevuto una telefonata inquietante domenica sera. I feriti sono stati trasportati in elicottero in vari ospedali. Diverse squadre di soccorso, con o senza cani da fiuto, e cinque elicotteri hanno fatto tutto il possibile per localizzare i dispersi e portarli in salvo il più rapidamente possibile. Era una corsa contro il tempo, rischiando la vita. Perché la possibilità di altre valanghe era reale. A causa delle alte temperature sulla montagna. Domenica sono stati misurati 10,3 gradi Celsius, un record.

© EPA-EFE

enormi pericoli

Le conseguenze delle temperature estreme sono enormi. “Le rocce che fino a poco tempo erano sempre ghiacciate, ora si stanno sciogliendo quando le temperature sono troppo alte in montagna. Col tempo, la roccia crollerà”, afferma la guida alpina Bart Overlett, un uomo con 43 anni di esperienza in montagna. “Alla fine, intere formazioni rocciose possono cedere. Anche i ghiacciai si stanno sciogliendo e collassando a causa del riscaldamento globale. Con tutto il pericolo di essere scossi o sepolti sotto il blocco di ghiaccio”. Se non facciamo nulla contro il riscaldamento globale, il 90 per cento di tutti i ghiacciai in Europa scomparirà entro la fine di questo secolo. Alcuni ghiacciai e vie di arrampicata sono già scomparsi.

Secondo Overlaet, l’arrampicata sta diventando sempre più difficile e tecnica. Consiglia di pianificare l’arrampicata all’inizio dell’anno: a maggio e giugno invece della piena estate e di notte invece del sole cocente.

Imprevedibile

“La montagna è sempre stata uno sport rischioso, ma sta diventando sempre più difficile da prevedere anno dopo anno a causa del riscaldamento globale”, afferma Bruno Vermeeren, Direttore della Federazione di arrampicata e sport di montagna. Le regioni sono in continua evoluzione e imprevedibili, anche per persone con molta esperienza che spesso vengono per anni. Incontri nuove circostanze, per così dire, ad ogni salita”.

“Un corso base di alpinismo non guasta mai. Chi vuole andare in montagna quest’estate senza esperienza, sia per l’escursionismo che per l’arrampicata, deve assolutamente informarsi su ciò che è possibile fare in loco. I proprietari dei rifugi, l’ufficio turistico e altri gli scalatori possono dirti di più sulle circostanze.

READ  Le banche italiane voltano le spalle alla crisi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24