Anche la città più calda d’America non sopporta più il caldo

Lorenzo ha appeso un tappeto alla staccionata vicino alla sua tenda. È mezzogiorno, con il sole direttamente sulla 12th Street a Phoenix, in Arizona, che proietta una spruzzata di ombra. “La scorsa settimana abbiamo avuto tre morti di fila”, dice. Il caldo è diventato troppo intenso per i senzatetto che vivono qui nelle tende lungo il percorso.

Due volte alla settimana l’intero campo di tende dovrebbe essere spostato di lato, e poi il carrello delle scope sarebbe passato attraverso la 12th Street. “A volte la tenda resta lì, e la polizia va a vedere cosa succede”, dice Lorenzo. Poi trovano il corpo.

Nel 2020, nella contea di Maricopa, dove si trova Phoenix, 323 persone sono morte a causa del caldo. Quest’anno, la città ha già superato quel numero a metà luglio. I record di calore sono stati nuovamente battuti nella città più calda d’America. continua ad ovest del paese Quarta ondata di caldoموجة da questa stagione. Dopo il giugno più caldo mai registrato, luglio è già storico.

Raffreddamento da aprile a ottobre

Quando Stacey Champion si trova sulla 12th Street, non c’è quasi nessuno in vista. Ma appena inizi a scaricare le prime taniche d’acqua, le tende si aprono e la strada si riempie. Stacy si definisce un “attivista del calore” e lotta per avere maggiore attenzione sul problema del caldo mortale. “Il calore è un killer silenzioso, accade all’interno. I tuoi organi si guastano, affondi e nessuno si accorge che stai morendo.”

Il problema è più acuto tra i senzatetto della 12th Street, ma quasi la metà di tutti i decessi per caldo avviene al chiuso. “Il condizionatore d’aria ti salva letteralmente la vita”, afferma Stacey. Ma i record di calore ora vengono battuti ogni anno. “Di conseguenza, ora devi rinfrescarti da aprile a ottobre, e alcune persone non lo sopportano. Spengono i condizionatori e muoiono”.

READ  Joran van der Sloot sorride mentre mostra la sua cella sobria nella prigione più famosa del Perù | All'estero

Anche il ricercatore di calore David Sailor dell’Università dell’Arizona ha confermato che Phoenix sta diventando più calda. Ha spiegato che la città non perdeva più calore, soprattutto di notte. Tutto l’asfalto, il cemento e i tetti immagazzinano calore e quando il sole sorge di nuovo al mattino, la giornata inizia a scaldarsi. È così che si raggiungono nuovi picchi. “Fa sempre più caldo in città e ha un impatto sempre più negativo sui residenti”, afferma Sailor.

asfalto riflettente

Alla ricerca della soluzione nelle alterazioni superficiali urbane. All’angolo tra East Garfield Street e 13th Street, ha dimostrato un test con asfalto riflettente. È un po’ più liscio e ha un colore grigio chiaro sulla parte superiore. Un marinaio indica la strada con un termometro: “52°C. Fa molto caldo, ma l’asfalto ordinario può raggiungere i 75°C in una calda giornata estiva”.

“Una tipica strada asfaltata riflette solo il 5 percento dell’energia solare. Quella superficie è più del 30 percento”, spiega Saylor. “Se lo facciamo con abbastanza strade e con parcheggi e tetti degli edifici, possiamo rendere la superficie della città più fresca di 10 gradi. Questo rende anche l’aria più fresca, il che ha un enorme impatto sull’energia e sull’uso dell’acqua della città”.

Sailor dice che la vera soluzione sta nella natura. I quartieri con molti alberi ed erba nei parchi sono più freschi. “Fa una differenza di 3-5 gradi in una giornata calda.” Quindi la storia del caldo è anche una storia di differenze di ricchezza. Nei ricchi sobborghi di Phoenix ci sono fondi per l’irrigazione e l’agricoltura. Non se ne vede molto in gran parte della città, anche nei quartieri della classe media.

READ  I talebani dichiarano la loro vittoria dal palazzo presidenziale di Kabul: un "risultato senza pari"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24