Anche qui sono in vendita sempre più piccole torrefazioni di caffè italiane

Gli italiani hanno una ricca cultura del caffè. Tuttavia, come in molti altri paesi, non è una questione di quantità ma di qualità. In termini di litri, gli scandinavi sono orgogliosamente in testa (più di 4 tazze al giorno) e anche noi olandesi beviamo più della media (circa tre tazze al giorno).

L’Italia è ai primi posti della classifica mondiale tra gli esportatori di caffè. Oltre 700 torrefazioni esportano circa 2,6 miliardi di euro. Lavazza è il più grande, ma anche Segafredo, Kjs/Kraft, Illycaffè, Café do Brasil e Suchard dominano il mercato.

Torrefazioni locali e regionali

Rimangono ancora circa 700 torrefazioni locali e regionali più piccole, molte delle quali con una ricca storia. In El Giornale Si legge regolarmente di forti legami familiari in Italia, e sono evidenti anche nel mondo degli affari. Su questo punto l'Italia è al primo posto in Europa con circa il 93% di imprese familiari. Nei Paesi Bassi, tre quarti delle imprese sono a conduzione familiare. Non si tratta solo di piccole imprese, anche molte multinazionali sono guidate dai loro fondatori e/o dai loro discendenti. Benetton, Barilla, Ferrero e Zegna sono esempi ben noti.

Per quanto riguarda le torrefazioni di caffè Ogni area ha i suoi piccoli bruciatori Ma la maggior parte di essi si trova nei governatorati del Nord. La cosa bella è che con l'avvento di Internet e il crescente interesse per il caffè di alta qualità nel nostro Paese, gli importatori olandesi sono ora alla ricerca di marchi speciali con qualità specifiche e una ricca storia.

Caffè italiano

Caffè italiano Lui è un grande importatore, ma possiamo citare anche molti altri imprenditori entusiasti come. L'azienda è importata Elena Cafè di Sanremo Dove non esiste solo il bel canto.
Il caffè viene tostato da quasi 150 anni, più o meno da quando esiste l’Italia. Sebastiano Elena era un grande appassionato di caffè e nel 1863 decise di creare una torrefazione che puntasse esclusivamente sulla qualità. La torrefazione è rimasta di proprietà della famiglia in tutti questi anni e, come sapete, gli italiani apprezzano la tradizione. I suoi figli, Luigi e Pietro, ed i suoi nipoti, Ernesto e Pietro,

READ  "Fai quello che vuoi, ma non con me": gli effetti visivi di Inez Whisky nelle montagne della campagna

Il DNA di Sebastiano è rimasto impresso nei geni dei suoi successori. Il modo di lavorare tradizionale è sempre stato apprezzato, anche quando all'inizio degli anni '70 alcuni dipendenti rilevarono l'azienda.

4 ore in su

I chicchi di caffè vengono tostati ogni mattina alle 4 del mattino in un forno a legna d'olivo. I chicchi vengono selezionati per la loro qualità e tostati senza additivi. Elena non vuole aggiungere grasso per renderlo lucido e non ha bisogno di acqua per ingrassare. I chicchi vengono controllati dal mastro torrefattore ogni 10 minuti. La temperatura del forno è mantenuta costante a 300 gradi, il che significa che i chicchi vengono tostati più lentamente e risultano ancora più polposi.

Secondo il sito web di Italian Coffee, la maggior parte dei torrefattori arrostisce ad alta temperatura per un breve periodo, tostando solo la superficie del chicco. I chicchi tostati vengono poi conservati in sacchi di iuta per 24 ore, dopodiché vengono confezionati e spediti direttamente nei Paesi Bassi. Il marchio produce diverse miscele di Arabica e Robusta.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24